Questo sito contribuisce alla audience di

Il LinguaggioFantastico del FilmDelSogno. L'Effetto scenico

Il Sogno è un film, è il film della parte emozionale, che ne è il regista, sceneggiatore, e montatore. Si svolge a livello di profondità maggiore della realtà reale, ecco perché l’impatto è sempre molto intenso. E’ una sensazione ed immagine, pura, senza freni razionali e coscienti, che raggruppa sensazioni, immagini e suoni, che abbiamo raccolto, a livello sublminale, nello spazio temporale della nostra vita, in una completa distorsione spazio temporale, nel senso, che, passato, presente e futuro, diventano un unico tempo, i cui passaggi dall’uno all’altro sono determinati dalla Analogia e dalla Assonanza, di fatti accaduti in tempi diversi o che devono ancora accadere…Il sogno rappresenta una comunicazione globale tra spazi e tempi diversissimi, senza il limite che la razionalità impone. Rappresenta una comunicazione globale tra tempi già avvenuti e tempi ancora da venire, tra spazi già occupati e spazi ancora da occupare. E tutto è incredibilmente vero, per cui possiamo essere ancora non nati, nel grembo di nostra madre, alimentati dai ricordi inconsci, oppure passare oltre la morte, la nostra morte, nella vita che ci aspettiamo ancora da vivere, secondo le aspirazioni che abbiamo, di quella vita non ancora accaduta....particolari tecnici sono insignificanti, e il materiale scenico, fantastico, e della trama è infinito, perché raggruppa l’intero ciclo della nostra vita, raccolto a livello subliminale..E questi dati, li mette insieme senza alcun limite di fantasia, in un tempo distorto, non solo per i tempi del tempo considerato (passato, presente, futuro) ma, anche, concentrandoli in un tempo, in cui avvengono molte più cose di un tempo reale....Nel sogno possono essere straordinariamente invertite le valutazioni della vita e della morte, a vantaggio di elementi scenici, in cui i colori e le immagini e le sensazioni acquistano una importanza preponderante rispetto a questi concetti “terreni” L’effetto scenico può catturarci completamente e divenire protagonista, a scapito di valori reali, divenendo un film della non vita e della non morte, in una quasi eternità....Il cielo, sulla lunga linea dell’orizzonte, era di diverse tonalità e profondità di arancione, con delle strie rossastre, che, a tratti si stratificavano e poi si ri-nascondevano, eclissandosi nell’arancione, come coda di drago....si sentì percosso da una frustata che gli lacerava i vestiti e che lo sollevava in aria, come uccello senza ali, ma stranamente senza paura e senza dolore, in una corsa senza fine avvolto in una nebbia di vuoto assoluto. Ma poi quel vuoto si riempiva di oggetti, che gli correvano intorno e lo superavano e che lui avrebbe voluto fermare e raggiungere. Non gli importava di morire, era dolce quel morire, perché era dolce quel volare...faceva il bagno in quel piccolo laghetto, indugiava a piccole bracciate, verso il pontile in legno, da lì guardò affascinata lo spettacolo di quel quadro dell’arancione e dei rossi nel cielo, che si mischiavano e si rincorrevano.....

Il Sogno

è la massima e più completa realizzazione della nostra parte non razionale, cioè la parte emozionale,

che potremmo chiamare Inconscio,

ovverosia parte non cosciente, che,

a volte, per varie circostanze fortuite,

per esempio quando ci svegliamo mentre lo stiamo facendo,

riusciamo a ricordare e a fermare nella coscienza

oppure quando si tratta di un sogno ricorrente

oppure quando è un sogno a puntate,

che continua la trama e gli elementi del precedente.

 

Il Sogno è un film,

è il film della parte emozionale,

che ne è il regista, sceneggiatore, e montatore.

Si svolge a livello di profondità maggiore della realtà reale,

ecco perché l’impatto è sempre molto intenso.

E’ una sensazione ed immagine, pura,

senza freni razionali e coscienti,

che raggruppa sensazioni, immagini e suoni,

che abbiamo raccolto, a livello sublminale,

nello spazio temporale della nostra vita,

in una completa distorsione spazio temporale,

nel senso, che, passato, presente e futuro,

diventano un unico tempo,

i cui passaggi dall’uno all’altro sono determinati

dalla Analogia e dalla Assonanza,

di fatti accaduti in tempi diversi

o che devono ancora accadere…

 

Sensazioni,

che, si raggruppano insieme solo perché sono simili,

anche se avvenute in tempi diversi

o non ancora avvenute,

sensazioni inconsce di nostre paure,

aspirazioni, desideri profondi,

che, la luce del giorno scioglie,

ma che la notte alimenta.

Immagini, suoni e voci si comportano allo stesso modo delle sensazioni.

Il sogno rappresenta una comunicazione globale

tra spazi e tempi diversissimi,

senza il limite che la razionalità impone.

 

Rappresenta una comunicazione globale

tra tempi già avvenuti e tempi ancora da venire,

tra spazi già occupati e spazi ancora da occupare.

E tutto è incredibilmente vero,

per cui possiamo essere ancora non nati,

nel grembo di nostra madre,

alimentati dai ricordi inconsci,

oppure passare oltre la morte,

la nostra morte,

nella vita che ci aspettiamo ancora da vivere,

secondo le aspirazioni che abbiamo,

di quella vita non ancora accaduta.

 

 

L’inconscio è un regista sceneggiatore,

che non ha limiti di spesa e non ha problemi di gradimento,

compone come lui vuole,

facendoci approdare dove lui vuole.

Per lui  particolari tecnici sono insignificanti,

e il materiale scenico,

fantastico, e della trama è infinito,

perché raggruppa l’intero ciclo della nostra vita,

raccolto a livello subliminale,

cioè con circa dieci volte i dati,

che, coscientemente,

pensiamo razionalmente di possedere

ed inoltre ingloba tutti i dati sensoriali,

di immagine e di suoni e di voci,

che raccoglie dagli altri intorno,

nelle comunicazioni inconsce interpersonali.

 

E questi dati,

li mette insieme senza alcun limite di fantasia,

in un tempo distorto,

non solo per i tempi del tempo considerato

(passato, presente, futuro)

ma, anche,

concentrandoli in un tempo,

in cui avvengono molte più cose di un tempo reale,

1 secondo del tempo inconscio

può essere equivalente a  10, 100, 1000,

10.000 secondi del tempo cosciente reale.

L’inconscio,

nel suo film del sogno,

comprime i suoi dati come in un file zip.

 

Come interpretare un sogno?

Interpretarlo secondo la nostra parte razionale

significherebbe ridurre un capolavoro cinematografico

ad un film spazzatura.

Bisogna affrontarlo

secondo gli schemi-non schemi

che l’inconscio propone,

cioè occorre capire il linguaggio della parte emozionale,

che si esplica essenzialmente attraverso

sensazioni, immagini e suoni,

assemblati tra loro in modo analogico e per assonanza.

Per comprendere correttamente un sogno,

è necessario ed essenziale comprendere noi stessi,

ascoltare il nostro profondo ed esserne in sintonia.

E’ necessario mantenere questa comunicazione aperta.

 

Nel film del Sogno,

possiamo interpretare diversi attori contemporaneamente,

essere diverse persone o cose o essenze,

ed assumere sessi diversi, senza alcun limite.

Nel sogno possono essere straordinariamente

invertite le valutazioni della vita e della morte,

a vantaggio di elementi scenici,

in cui i colori e le immagini e le sensazioni

acquistano una importanza preponderante

rispetto a questi concetti “terreni”

L’effetto scenico può catturarci completamente

e divenire protagonista,

a scapito di valori reali,

divenendo un film della non vita e della non morte,

in una quasi eternità.

 

Facciamo un esempio di questo tipo.

Che potremo chiamarlo Hiroschima.

 

Hiroschima

Il cielo, sulla lunga linea dell’orizzonte,

era di diverse tonalità e profondità di arancione,

con delle strie rossastre, che,

a tratti si stratificavano

e poi si ri-nascondevano,

eclissandosi nell’arancione,

come coda di drago.

E poi quel misto di arancione e di rosso

esplodeva verso l’alto,

come una colonna di luce accecante,

bucando la volta celeste

e poi allargandosi a fungo,

si ricomponeva  in alto .

 

Ma Marco non vide quel fungo,

aveva volto le spalle a quanto accadeva

e aveva iniziato a fuggire,

in una fuga istintiva,

senza sapere come e perché,

in una non cosciente sensazione,

che, la morte poteva avere quei bei colori,

come un fiore del male.

Poi la scena ricominciava,

ma, Marco era qualcun altro,

che riviveva la stessa scena

con altro corpo e altra mente.

Marco piegò il capo verso terra

e si inginocchiò,

come fosse alla presenza di un nuovo Dio,

che, si materializzava

in quei colori di fuoco e lava….

 

In contemporanea, allo stesso tempo,

come a simboleggiare un desiderio di chi aveva il capo piegato,

ma che voleva vedere.

Marco restò a fissare quello spettacolo,

affascinato dal fatto che qualunque cosa potesse essere,

mai più i suoi occhi avrebbero rivisto.

Ora quell’incanto cessava,

il tempo sembrava ritornare a scorrere.

Ora Marco  fuggiva,

si sentì percosso da una frustata che gli lacerava  i vestiti

e che lo sollevava in aria, come uccello senza ali,

ma stranamente senza paura e senza dolore,

in una corsa senza fine avvolto in una nebbia di vuoto assoluto.

Ma poi quel vuoto si riempiva di oggetti, che gli correvano intorno

e lo superavano e che lui avrebbe voluto fermare e raggiungere.

Non gli importava di morire,

era dolce quel morire, perché era dolce quel volare….

 

Ora, Marco

aveva un bel corpo di donna,

di una donna che non aveva mai visto, ne conosciuto,

ma a cui sentiva di appartenere.

Marco-donna faceva il bagno in quel piccolo laghetto,

indugiava a piccole bracciate, verso il pontile in legno,

da lì guardò affascinata lo spettacolo

di quel quadro dell’arancione e dei rossi nel cielo,

che si mischiavano e si rincorrevano.

Poi l’acqua cominciò a scaldarsi e poi a ribollire,

illuminata da quel arancione e rosso del cielo.

 

Poi quel cielo di rosso e arancione cadde giù

e  colpì l’acqua come uno schiaffò,

e l’acqua cominciò a volare nel cielo,

mentre il pontile si scioglieva

ed un muro grigio, da dietro,  avanzava inglobando  tutto,

e Marco restava imprigionato, ma allo stesso tempo,

protetto nel fango, mentre quel muro grigio gli passava sopra.

Quando si risollevò coperto di  fango, come nuova pelle,  il cielo era blu ed un sole forte brillava nel cielo

ed i suoi occhi sorridevano, per la vita che ritornava.

E fuori,

nel giorno della realtà che iniziava,

il sole brillava.

 

 

 

Riproduzione riservata Gilberto Gamberini.

 

foto riprodotte a fini didattico esplicativi e non commerciali

 

 

 

 

Le categorie della guida