Questo sito contribuisce alla audience di

Change: Il Linguaggio e le Forme del Cambiamento

WATZLAWICK descrive la percezione della realtà in termini di immagine del mondo: gli interventi linguistici tendono a modificare questa immagine. L'attività dell'emisfero destro e l'origine delle fantasie dei sogni e delle idee che possono sembrare illogiche e assurde. Il linguaggio della psicoterapia è il linguaggio dell'emisfero destro perché in esso l'immagine del mondo è concepita ed espressa. Questo libro destinato a insegnare la grammatica dell'emisfero destro in cui si realizza il cambiamento: il lavoro della terapia secondo WATZLAWICK è cambiare l'immagine del mondo che produce dolore nel paziente. Tutto ciò che appare immodificabile può secondo WATZLAWICK essere cambiato. Allo stesso modo è per Milton H. Erickson....Futurismo, Arte, Psicoterapia, Cambiamenti, proposizioni diverse, in tempi diversi, di argomenti diversi, per ricerche diverse e tra loro opinabili, per rigettare il passato e costruire un mondo e un uomo nuovo, che tenga presente la sua forma e la sua essenza, assumendo altre forme e altre essenze, ancora da annusare, ancora da ballare, ancora da percorrere, ancora da rappresentare, ancora da inventare.

 
 

WATZLAWICK descrive la percezione della realtà in termini di immagine del mondo: gli interventi linguistici tendono a modificare questa immagine. L’attività dell’emisfero destro e l’origine delle fantasie dei sogni e delle idee che possono sembrare illogiche e assurde. Il linguaggio della psicoterapia è il linguaggio dell’emisfero destro perché in esso l’immagine del mondo è concepita ed espressa. Questo libro destinato a insegnare la grammatica dell’emisfero destro in cui si realizza il cambiamento: il lavoro della terapia secondo    WATZLAWICK  è cambiare l’immagine del mondo che produce dolore nel paziente. Tutto ciò che appare immodificabile può secondo  WATZLAWICK    essere cambiato.

 

Allo stesso modo è per Milton H. Erickson

 

 
Vladimir Vladimirovic Majakovskij,

 

Firma il manifesto del futurismo russo che mira a rigettare il passato della letteratura russa.

 

Tutto è corsa,

tutto è velocità,

ed i tempi moderni sono visti come la soluzione dei mali del mondo,

il fulmine che interrompe l’apparente quiete

e scuote le coscienze.

 

Scrive

“la parola racchiude in se un aroma, un calore, un’anima, la parola è organismo vivente…la parola ha infinite cadenze come una scala musicale”

 

Elettra Guida Supereva di Danza Contemporanea…Contro “le danze passatiste che non si devono rievocare, nè esumare, nè rinnovare” Marinetti inneggia a una danza che sia disarmonica, sgarbata, antigraziosa, asimmetrica, dinamica, atecnica, parolibera come lo sono la Danza dello Sharpnel, la Danza della mitragliatrice e la Danza dell’aviatore. Si dovrà aspettare Giannina Censi nel 1930 per l’attuazione di questi principi: la prima danzatrice a trudurre le sensazioni del volo nelle sue aerodanze, trasformando il proprio corpo in velocità e ritmo di stantuffi e pulegge, ricreando quel “metallismo della danza” tanto caro a Marinetti….Andros Guida Supereva vita d’Artista….Non credo che per l’arte sia importante provocare, semmai trasgredire; ma visto che i due verbi vengono spesso accorpati…Dall’arte tutti vogliono novità; salvo poi averne paura o non essere in grado di riconoscerle. All’arte tutti chiedono coinvolgimento; salvo gridare alla provocazione e allo scandalo. Dall’arte tutti pretendono di più; salvo premiare la solita “nouvelle cuisine”. Chissà che mondo sarebbe, se alle parole facessero sempre seguito i fatti…”

 

Futurismo, Arte, Psicoterapia,

Cambiamenti,

proposizioni diverse,

in tempi diversi,

di argomenti diversi,

per ricerche diverse e tra loro opinabili,

per rigettare il passato

e costruire un mondo e un uomo nuovo,

che tenga presente la sua forma e la sua essenza,

assumendo altre forme e altre essenze,

ancora da annusare,

ancora da ballare,

ancora da percorrere,

ancora da rappresentare, 

ancora da inventare.

 

Gilberto Gamberini riproduzione riservata

Le categorie della guida