Questo sito contribuisce alla audience di

Alexander e la Conquista dell'Infinito I

"Alessandro Magno fu educato dai maestri più famosi del tempo, tra cui il filosofo Aristotele, a governare con saggezza e a compiere imprese eroiche. In poco più di un anno il sovrano del regno di Macedonia, riuscì a sottomettere le città della Grecia e poi a conquistare la Cilicia e la Siria. I Greci, che male avevano sopportato la dominazione di Filippo, amarono subito Alessandro, tanto da affidargli il comando della lotta contro i Persiani. La guerra fu rapida e spietata, vinto Dario nella grande battaglia di Isso (333 a.C.), Alessandro non solo conquistò i territori dell’Impero Persiano, ma estese il suo dominio fino alla Battriana, l’attuale Afghanistan, e al fiume Indo nell’India. Mentre progettava nuove imprese, Alessandro morì improvvisamente a Babilonia nel 323 a.C. Suo figlio, ancora in fasce, non era certo in grado di governare perciò l’immenso impero fu diviso tra i generali, i Diadochi, i quali quando il figlio di Alessandro morì, divisero il territorio in regni detti ellenistici, che dettero vita ad una civiltà (ellenista) formata dall’unione dei costumi dei popoli sottomessi con quelli dei Greci."Alessandro Magno 356-323 a.c Il giudizio e la interpretazione, su ogni essere umano, ha le mille sfaccettature e i mille punti di vista da cui lo si osserva, così succede per la vita dei piccoli uomini, di ogni giorno, sia per i grandi uomini; l’unica differenza è il numero delle persone, che considerano queste mille sfaccettature e la memoria storica delle loro gesta, che si tramandano fino a noi ....

Fonte Sabrina Guida Storia

 

“Alessandro Magno fu educato dai maestri più famosi del tempo, tra cui il filosofo Aristotele, a governare con saggezza e a compiere imprese eroiche.
In poco più di un anno il sovrano del regno di Macedonia, riuscì a sottomettere le città della Grecia e poi a conquistare la Cilicia e la Siria.
I Greci, che male avevano sopportato la dominazione di Filippo, amarono subito Alessandro, tanto da affidargli il comando della lotta contro i Persiani.
La guerra fu rapida e spietata, vinto Dario nella grande battaglia di Isso (333 a.C.), Alessandro non solo conquistò i territori dell’Impero Persiano, ma estese il suo dominio fino alla Battriana, l’attuale Afghanistan, e al fiume Indo nell’India.
Mentre progettava nuove imprese, Alessandro morì improvvisamente a Babilonia nel 323 a.C.
Suo figlio, ancora in fasce, non era certo in grado di governare perciò l’immenso impero fu diviso tra i generali, i Diadochi, i quali quando il figlio di Alessandro morì, divisero il territorio in regni detti ellenistici, che dettero vita ad una civiltà (ellenista) formata dall’unione dei costumi dei popoli sottomessi con quelli dei Greci.
Alessandro Magno fu inoltre il fondatore di Alessandria d’Egitto, città della corte dei Tolomei dove convennero scienziati, artisti, poeti famosi e dove sorse la prima grande biblioteca del mondo.

http://guide.supereva.it/storia/interventi/2005/01/194433.shtml

 

Alessandro Magno 356-323 a.c

 

Il giudizio e la interpretazione, su ogni essere umano,

ha le mille sfaccettature e i mille punti di vista da cui lo si osserva,

così succede per la vita dei piccoli uomini, di ogni giorno,

sia per i grandi uomini;

l’unica differenza è il numero delle persone,

che considerano queste mille sfaccettature

e la memoria storica delle loro gesta,

che si tramandano fino a noi ….

 

continua..

 

Gilberto Gamberini

Troverete l’intervento in 5 Cinema il film dell’INCONSCIO

Le categorie della guida