Questo sito contribuisce alla audience di

Due nuove stelle come l’ultima cosa che videro i suoi occhi

SPECIALE SAN VALENTINO...Alexia al largo della costa , alla testa dei suoi marinai, ha preso all'arrembaggio la nave pirata, per liberare il giovane ostaggio....la gonna di Alexia, per una folata del vento di maestrale, si alzò di colpo nell'aria, come vela, e così il capitano, prima di essere infilzato, potè vedere come la bellezza di una donna si nasconda sotto la sua gonna, e con quella bellezza che gli animava gli occhi ed il cuore, si spense come una candela nella notte oscura.... Ma per tutto quello che i suoi occhi videro in quel giorno, nel cielo si accesero due nuove stelle, come l’ultima cosa che videro i tuoi occhi, più luminose delle altre, più invidiate delle altre, ed ancor oggi, quando gli innamorati guardano quelle due stelle un desiderio profondo di stringersi forte e di mischiare i loro respiri ed i loro umori li prende e la notte si riempie di gemiti che nessuno può far cessare

 

Il linguaggio fantastico del film del sogno

http://guide.supereva.com/psicoterapia_ericksoniana/interventi/2004/11/182991.shtml

 

Alexia al largo della costa ,

alla testa dei suoi marinai,

ha preso all’arrembaggio la nave pirata,

per liberare il giovane ostaggio.

 

A nulla sono valse le pallottole dei pirati,

lei le afferrava coi denti e le risputava verso di loro,

augurando buona fortuna.

 

Ai colpi di spada rispondeva con un movimento dei fianchi,

come una ballerina di danza del ventre,

ed i pirati restavano a bocca aperta concupiti,

e così lei aveva il tempo di tagliar loro la testa.

 

Le teste mozzate rotolavano sul legno della nave pirata,

e i loro occhi ancora spalancati esprimevano un attonito stupore.

 

Quando Alexia arrivò davanti al capitano pirata,

lui si mise a tremare come una foglia al vento,

ma lei incurante gli mise un piede sulla sua pancia

e si accese il lungo sigaro avana con un candelotto di dinamite.

 

Fu bella la morte di quel capitano,

fu una morte dolce e sognante,

perchè la gonna di Alexia, per una folata del vento di maestrale,

si alzò di colpo nell’aria, come vela,

e così il capitano, prima di essere infilzato,

potè vedere come la bellezza di una donna

si nasconda sotto la sua gonna,

e con quella bellezza che gli animava gli occhi ed il cuore,

 si spense come una candela nella notte oscura.

 

Ma per tutto quello che i suoi occhi

videro in quel giorno nel cielo,

si accesero due nuove stelle,

più luminose delle altre, più invidiate delle altre,

ed ancor oggi quando gli innamorati

guardano quelle due stelle:

un desiderio profondo di stringersi forte

e di mischiare i loro respiri ed i loro umori li prende

e la notte si riempie di gemiti

che nessuno può far cessare.

 

http://guide.supereva.com/psicoterapia_ericksoniana/interventi/2005/02/195949.shtml

Oggi ho voglia di …

 

Riproduzione riservata Gilberto Gamberini

Troverete l’intervento in 5 Cinema il film dell’inconscio

Le categorie della guida