Questo sito contribuisce alla audience di

I ColoriDellaVita:i Colori della Musica,dell’Arte e della Psiche

I Colori della Musica "Colori che vengono 'ascoltati' o suoni da 'gustare'...l'associazione da lei sentita tra suoni e gusti sia costante e, ormai, sia stata acquisita anche a livello cognitivo, tanto da facilitarle il compito di riconoscimento dei suoni..."Colori, musica, percezioni sono i tre canali di comunicazione attraverso i quali il nostro inconscio costruisce e rappresenta la realtà esteriore, ed attraverso i quali la realtà si mette in rapporto col nostro profondo...


I Colori della Vita: I Colori della Musica, dell’Arte e della Psiche

Fonte Adnkronos Salute

I Colori della Musica

Brighton, 3 mar. (Adnkronos Salute) - Colori che vengono ‘ascoltati’ o suoni da ‘gustare’. Accade piu’ o meno questo nelle persone colpite da ’sinestesia’, una sensazione che puo’ essere indotta da alcune droghe o,in casi più rari,insorgere spontaneamente. E’ successo ad una musicista svizzera che si e’ accorta di percepire le note come colori e gli intervalli che le separano come ’sapori’ ben definiti, puo’ insorgere spontaneamente.

Normalmente, questo tipo di affermazioni vengono ‘liquidate’ come bizzarrie non dimostrabili scientificamente, tuttavia, uno studio che ha guadagnato le pagine della rivista Nature e’ riuscito a raccogliere le prove che, effettivamente, la ragazza di 27 anni riconosce gli intervalli musicali come sapori ben definiti: il ’secondo minore’ come rancido, il ’secondo maggiore’ come amaro, il ‘terzo minore’ come salato, il ‘terzo maggiore’ come dolce, il ‘quarto’ come erba tagliata, il ‘tritono’ come sapore disgustoso, il ‘quinto’ come acqua, il ’sesto minore’ come panna e il ’sesto maggiore’ come panna semi-scremata.

Lutz Jancke, dell’Universita’ di Zurigo, e’ riuscito infatti a dimostrare la correttezza delle percezioni gustative della musicista facendo ascoltare e riconoscere alla ragazza, e ad altri cinque musicisti professionisti, il suono di precisi intervalli musicali. Contemporaneamente, nella bocca dei soggetti venivano posti i diversi sapori che la musicista percepiva come abbinati ai suoni. I risultati hanno mostrato che, se i ricercatori utilizzavano i sapori rispettando le ‘combinazioni’, la ragazza era molto piu’ veloce degli altri nel riconoscere i diversi suoni. Un dato che prova come, effettivamente, l’associazione da lei sentita tra suoni e gusti sia costante e, ormai, sia stata acquisita anche a livello cognitivo, tanto da facilitarle il compito di riconoscimento dei suoni. (Red-Pac/Adnkronos Salute)

Colori, musica, percezioni sono i tre canali di comunicazione attraverso i quali il nostro inconscio costruisce e rappresenta la realtà esteriore, ed attraverso i quali la realtà si mette in rapporto col nostro profondo: immagini, suoni e sensazioni tattili e gustativo olfattive.

I colori della natura

Fonte Anna Educazione Alimentare

Che frutta e ortaggi facciano bene si sa, ma a riprova di quello che sembra solo un modo di dire, la scienza ci segnala i phytochemical , sostanze naturali presenti nelle piante che catturano l’energia del sole e la trasformano in colori vivaci e invitanti.

Oltre a essere responsabili dei colori, i phytochemical sono preziosi per due motivi:
- si trasformano in un vero e proprio scudo protettivo per il nostro organismo
- aiutano a mantenerci in forma ….

5 colori, proprio una buona regola

Insomma, phytochemical, acqua, vitamine, minerali e fibre contenuti nella frutta e nella verdura fresca sono tanti buoni motivi per tenersi in forma naturalmente e per avere cura della propria salute con allegria

I colori dell’arte

Arcimboldo,

1527-1593, pittore rinascimentale,

che rappresenta l’uomo, nei suoi dipinti,

non secondo la logica.

ma per analogia e per assonanza,

come ha fatto Milton H. Erickson,

in tempi moderni,

con la Psicoterapia.

Analogia ed assonanza

col suo mondo interiore e con quello che lo circonda.

L’uomo e le sue stagioni,

l’uomo e le diverse stagioni della sua vita.

L’uomo rappresentato come cibo,

cibo d’amore e da gustare …..

I Colori

Il rosso, che, percorre il tuo corpo e segna tua vita…Il rosso, che, brucia ogni antefatto, nell’altare sacrificale delle tue aspettative…Il rosso è emozione sulle tue guance, quando, si colorano del colore del tuo cuore…E’ l’emozione che sale.. sale e, come treno, sbuffa in un sorriso….lascia, che quel giallo scorra su di te e dentro di te, e che porti via le scorie lasciate dal tempo, da tutto quello che è già accaduto, lascia spazio per quello che deve ancora accadere…il blu stimola la tua introiezione..allo stesso tempo, il tuo aprirti a girasole…Il nero..il rapporto col tuo io ancestrale, con il tuo io profondo, con quello che sei e che vorresti essere. Ora basta che tu sia…Il verde… Tutto quello che ti coinvolge diventerà più grande, quello che ti disturba si scioglierà….l’Argenteria ha la stessa tonalità dei colori della Luna e i suoi riflessi, ed è legato a qualcosa di magico e di ancestrale….al chiarore opalino della luna…La combinazione e la presenza di tutti questi colori, insieme, darà una stimolazione globale alla tua mente e al tuo corpo…La loro presenza, sulla tavola del Natale, favorirà i tuoi rapporti di intercomunicazione personale stimolando quelli più inconsci, quelli più veri, quelli che veramente ti appartengono. Se così non fosse, se così non avvenisse, come diceva Milton H Erickson “ niente è più vero di quello che tu ritieni che sia vero” E se ti convinci che una cosa è vera, se in questa particolare notte, accetti l’arcano, con naturalezza la realizzi, e segui naturalmente la corrente di quell’acqua, che tu hai iniziato a lasciar sgorgare, allora, i colori non saranno più solo i tuoi colori, ma desideri e sogni, che prendono forma e si realizzano….

I colori dell’Arte e della Psiche

I suoi quadri erano puliti, lindi, le strade erano linee rette, tracciate in modo deciso, ma altrettanto sfumato, come se non ci fosse nulla su cui soffermarsi, e così i palazzi e le case delineate e precise ed allo stesso tempo sorvolate, come se nulla di importante fosse accaduto nel loro interno, gli alberi possedevano una chioma ben delineata, un limite, che li isolava dal cielo ed il cielo sfumava verso la sommità della cornice che racchiudeva il tutto con straordinaria ed eccessiva importanza….Dopo i 18 anni….I suoi quadri mutarono, nelle tonalità tenui usate nei colori, nella linearità dei tratti e nella monotonia dei luoghi, usate in precedenza. Le linee diventarono curve e disordinate I colori diventarono vivi accesi, dei falò che bruciavano, in un infernale miscuglio di colori che si mischiava a tratti discontinui, ma in cui si soffermava per approfondirsi dentro in una non consapevolezza e in una confusione di se, senza limiti.Gli alberi saettavano verso il cielo e lo invadevano, come tramonti accesi che invadevano il giorno fatto di nubi cupe e sovrapposte che rompevano la luce, che dall’alto proveniva. E quei colori forti non si fermavano al cielo invadendolo ma traboccavano verso la cornice senza fermarsi e la cornice diventava quasi parte del quadro, in un timido e sommesso tentativo di contenerne l’invasione….I suoi autoritratti erano una composizione di piccoli elementi minuscoli, i tratti di quei visi erano dati da millimetrici segni ondulanti animati, tracciati con una ossessiva intersecazione… Dopo una lunga terapia …Un ritorno alle linee rette, sulle quali però si soffermava, aprendo dei varchi e delle parentesi interiori, i colori si erano attenuati senza per questo tornare alla monotonia iniziale..i confini delle cose emergevano nella loro chiarezza, gli alberi sia pur con i forti colori da cui erano espressi erano sormontati da confini chiari senza soffocarne però l’anima, che riusciva ad esprimersi,il cielo era limpido percorso da vaghe nuvole e il sole splendeva. La cornice del quadro era ben delineata e riassumeva il suo ruolo di cornice non occorreva molte volte chiedergli come stava, bastava chiederlo ai suoi quadri, bastava osservare i suoi quadri.

I Colori della Vita

I colori dei Bambini e degli Adulti, che hanno smesso di sentire e di osservare con la immaginazione dei bambini…. Uomini neri e grigi contro bambini colorati

Riproduzione riservata Gilberto Gamberini

foto riprodotte a fini didattico esplicativi

Le categorie della guida