Questo sito contribuisce alla audience di

Suicidio da Stress post traumatico PTSD

Quasi un’epidemia in Croazia....estrema ed ultima conseguenza della PTSD ....limitata per numero per numero di persone coinvolte e non guerra di popolo, sarebbe interessante conoscere quanti reduci del contingente italiano in Iraq sono affetti e saranno affetti da tale sindrome... per il manifestarsi di tale sindrome possono essere necessari anche molti anni dall’evento traumatico. E non interessa solo chi ha creato o contribuito a creare un evento, ma necessariamente chi lo ha subito, ed anche chi è stato semplice testimone dell’evento stesso. Il manifestarsi della PTSD è direttamente proporzionale al trauma subito. Più violento e disumano è stato l’evento più saranno forti le conseguenze traumatiche psicologiche. Ci sono dei limiti che l’uomo non può prevaricare, a livello della propria coscienza, anche sotto la spinta dei propri ideali e delle proprie idee. Nessuna idea potrà colmare il ricordo di quanto è avvenuto, perché i fantasmi di quella donna violentata aleggeranno sui visi delle proprie mogli, sorelle e madri, perché il ricordo dei bambini uccisi si rispecchierà nel viso dei loro figli, perchè le ferite, le sofferenze e la morte dei loro compagni diventeranno: la colpa di essere sopravissuti...

Suicidio da Stress post traumatico.

Quasi un’epidemia in Croazia.

Oltre 60 i casi solo nella zona di Zara,

da stime attendibili sembra che siano un migliaio in tutta la Croazia.

Interessano i reduci della guerra di “liberazione” del 1990

che vide la Croazia in guerra con la Repubblica di Yugoslavia,

che dopo le defezioni di Slovenia, Croazia e Bosnia Erzegovina,

rimase costituita dal solo Montenegro e dalla Serbia.

Se tanti sono i casi

della estrema ed ultima conseguenza della PTSD

Post Traumatic Stress Desorder

o Sindrome da Stress post Traumatico

vi è da presumere che gli affetti della PTSD siano decine di migliaia.

Su scala molto più ridotta,

in quanto limitata per coinvolgimento quantitativo

(numero di persone)

e qualitativo

(non diretta partecipazione in prima linea ad eventi belllici)

sarebbe comunque interessante conoscere quanti reduci del contingente italiano in Iraq

sono affetti e saranno affetti da tale sindrome.

Per gli americani direttamente coinvolti esistono già dati certi.

Ricordiamo che per il manifestarsi di tale sindrome

possono essere necessari anche molti anni dall’evento traumatico.

E non interessa solo chi ha creato l’evento,

e chi lo ha subito,

ma anche chi è stato semplice testimone dell’evento stesso.

Il manifestarsi della PTSD è direttamente proporzionale al trauma subito ed accomuna vittime ed aggressori.

Più violento e disumano è stato l’evento

più saranno forti le conseguenze traumatiche psicologiche.

Ci sono dei limiti che l’uomo non può prevaricare,

a livello della propria coscienza,

anche sotto la spinta dei proprie idee e motivazioni.

Nessuna idea

potrà colmare il ricordo di quanto è avvenuto,

perché i fantasmi

di quella donna violentata aleggeranno sui visi delle proprie mogli, sorelle e madri,

perché il ricordo dei bambini uccisi

si rispecchierà nel viso dei loro figli,

perchè le ferite, le sofferenze e la morte dei loro compagni

diventeranno:

la colpa di essere sopravvissuti.

Riproduzione Riservata Gilberto Gamberini

Foto riprodotte a fini didattico esplicativi

Le categorie della guida