Questo sito contribuisce alla audience di

Rilassamento: La Regressione

puoi lasciarti andare sempre di più... mentre i pensieri se ne vanno via, senza alcun rimpianto…Non preoccuparti delle cose del mondo… Lascia che seguano il loro desiderio… come tu, ora, stai seguendo il tuo…E man mano che proseguirai in questo viaggio… potrai vedere sempre di più, sempre più lontano… oltre il limite delle cose…oltre quella linea dell’orizzonte…Il tempo che passa cambia tutto ed anche noi cambiamo… E tu non sei più la stessa di prima e neppure gli altri lo sono… Mutano le cose…come mutano le stagioni….Puoi fare un salto nel tuo futuro e ritrovarti come sarai…e guardare alle cose di adesso con diversa comprensione…con la maturità che nasce dall’esperienza di quello che è già accaduto…Puoi vedere il film della tua vita e rallentarlo… rivederlo nei momenti belli… quelli che passano troppo alla svelta…Negli altri momenti invece…quelli che ti disturbano…quelli che vuoi dimenticare… puoi accelerare la velocità di scorrimento della pellicola e poi passare alla scena successiva… E’ bello lasciarci alle spalle una stazione… nella quale non scenderemo mai più… ti puoi vedere nel passato… quando il tuo problema non era ancora nato… Puoi chiederti… Chissà quando è iniziato …. Forse un attimo prima o forse un attimo dopo… A volte, attimi sono lunghi come anni… a volte gli anni passano con la velocità di una folata di vento e non ne resta neppure il ricordo…Con colori diversi l’immagine, che vedevi, cambiava..…cambia… come tu, ora, stai cambiando…. Quante cose abbiamo imparato da bambini… e quante cose abbiamo dimenticato di avere imparato… Ora è il tempo di ricordare…E quanti altri ricordi abbiamo che non ci servono più… Ora è il tempo di dimenticare…. Forse i ricordi di tanti momenti del tuo passato e forse anche di quel problema…erano solo pura immaginazione...Ogni onda che s’infrange sulla riva… è un anno della tua vita… Puoi andare sull’onda precedente… e cambiare tutto prima che succeda… oppure lasciare che l’onda ancora più in là… sì, quella alta laggiù verso la linea dell’orizzonte.. sommerga tutto e cancelli tutto quello che vuoi cancellare… E poi, il mare ritorna improvvisamente calmo e sereno… come accade dopo una tempesta tropicale… come se nulla fosse mai successo nella tua vita… Quante cose sembrano in un modo… e poi invece sono in un altro...Puoi conservare la cornice di tanti momenti della tua vita e disegnare su quella tela nuove emozioni Ci sono esperienze perdute..qualcosa che possiamo conservare…sei sopravvissuta a quella cosa che ti tormentava… perché qualche cosa ti ha protetto… ti protegge…e ti proteggerà ancora…Qualsiasi cosa troveremo in questo percorso all’indietro fino al dolce dondolio del grembo materno, sarà un qualcosa che siamo stati ma che ora non siamo più o, sarebbe meglio dire, che non siamo più solo quello. Ma, un qualcosa di nuovo e di diverso, in una vita, ancora, da plasmare....

Puoi stenderti tranquillamente…puoi fare un bel respiro profondo… Forse se allunghi le gambe…puoi sentirti più comoda…

C’è un qualche posto che tu ricordi…

oppure un luogo che hai da sempre sognato

in cui ti piacerebbe ritrovarti?…

Per lasciarti andare ancora di più…

Ci sono tanti posti belli al mondo…

Molti di più di quelli che riusciremo mai a vedere…

Ti piace il mare?…

Un mare con un vento leggero…

che ti accarezza i capelli e ti modella il viso come se fosse di terra creta…

Allora guarda…quello che vuoi vedere…

Guarda…nella direzione del mare…

Guarda…quella riga tra il blu del mare e il blu del cielo…

Quella riga, a volte, sembra immaginaria…perché si confonde nella lontananza…

Il tuo respiro… si abbassa e si solleva

come la superficie del mare…

Ora…puoi fare un respiro ancora più profondo…

così l’ossigeno che entra …

scende giù lentamente nella trachea, nei bronchi…

che assomigliano alle radici dell’albero della vita…

e poi ancora più giù nel grande spazio dei polmoni…

Vorrei che tu calassi dentro di te,

come in un viaggio all’interno di te stessa…

Vorrei che tu guardassi laggiù …

dove l’ossigeno che entra con l’aria dei tuoi respiri

si mischia al tuo sangue…

E quel sangue percorre il tuo corpo

come un torrente a primavera…

pulisce…rimuove tutto quello che trova sul suo cammino…

e apre le stanze segrete della tua mente…

e tu puoi sbocciare come un fiore a Primavera.

Ora … puoi lasciarti andare sempre di più…

mentre i pensieri se ne vanno via, senza alcun rimpianto…

Se vuoi… puoi chiudere gli occhi…

guardando ancora quel mare che…

prima di essere mare…era una qualche altra cosa…

forse fiume…e prima ancora torrente…

che tutto trascinava via…anche i pensieri..

Non preoccuparti delle cose del mondo…

Lascia che seguano il loro desiderio…

come tu, ora, stai seguendo il tuo…

E man mano che proseguirai in questo viaggio…

potrai vedere sempre di più, sempre più lontano…

oltre il limite delle cose…oltre quella linea dell’orizzonte…e forse ancora più in là…

Guardati intorno…

guarda quante cose puoi trovare in quello che le onde lasciano sulla spiaggia…

Il tempo che passa cambia tutto ed anche noi cambiamo…

E tu non sei più la stessa di prima e neppure gli altri lo sono…

Mutano le cose…come mutano le stagioni….

E puoi lasciarti alle spalle…nella tua vecchia vita…tutto quello che nel tuo corpo ti disturba… oppure disperderlo nel vento…oppure scioglierlo al sole… pulirlo…ascoltando suoni e parole dimenticate…

E in questo particolare tempo, in questo particolare luogo…puoi pensare a com’eri e a come sarai…

Puoi fare un salto nel tuo futuro e ritrovarti come sarai…e guardare alle cose di adesso con diversa comprensione…con la maturità che nasce dall’esperienza di quello che è già accaduto…

Ora puoi vedere molto di più di quello che vedevi prima…

Puoi vedere il film della tua vita e rallentarlo…

rivederlo nei momenti belli… quelli che passano troppo alla svelta…

Approfitta, ora, per fermarli… e per godere ancora di più della tua esistenza…

e per trarre da quei momenti belli…

forza, sorriso e linfa vitale per l’albero della tua vita…che si alimenta di te…di quello che sei…di quello che sarai…di quello che potresti essere….

Negli altri momenti invece…quelli che ti disturbano…quelli che vuoi dimenticare…

puoi accelerare la velocità di scorrimento della pellicola

e poi passare alla scena successiva…

E’ bello lasciarci alle spalle una stazione…

nella quale non scenderemo mai più…

mentre il treno riprende la sua corsa…

verso altri obbiettivi…

Ora

ti puoi vedere nel passato…

quando il tuo problema

non era ancora nato…

Puoi chiederti…

Chissà quando è iniziato ….

Forse un attimo prima o forse un attimo dopo…

A volte, attimi sono lunghi come anni…

a volte gli anni passano con la velocità di una folata di vento

e non ne resta neppure il ricordo…

Puoi semplicemente per il tuo piacere…

tornare indietro nel tempo…

e colorarlo con i tuoi gessetti colorati…

come facevi da bambina…

In cui trasformavi le cose, colorandole….

Con colori diversi

l’immagine, che vedevi, cambiava..…cambia…

come tu, ora, stai cambiando….

Quante cose abbiamo imparato da bambini…

e quante cose abbiamo dimenticato di avere imparato…

Ora è il tempo di ricordare…

E quanti altri ricordi abbiamo che non ci servono più…

Ora è il tempo di dimenticare….

Forse i ricordi di tanti momenti del tuo passato

e forse anche di quel problema…erano solo pura immaginazione…

Niente di più…di quello che stiamo facendo ora…

A volte, ci sono dei momenti in cui ci soffermiamo…

ricordando un altro tempo ed un altro luogo…

Puoi ancora guardare verso il mare…

e guardare quelle onde…

Ogni onda che s’infrange sulla riva…

è un anno della tua vita…

Puoi andare sull’onda precedente…

e cambiare tutto prima che succeda…

oppure lasciare che l’onda ancora più in là…

sì, quella alta laggiù verso la linea dell’orizzonte..

sommerga tutto

e cancelli tutto quello che vuoi cancellare…

E poi, il mare ritorna improvvisamente calmo e sereno…

come accade dopo una tempesta tropicale…

come se nulla fosse mai successo nella tua vita…

Quante cose sembrano in un modo…

e poi invece sono in un altro…

Ora non c’è più nulla…

Il mare è calmo, il cielo è sereno…

e tu puoi essere soddisfatta di te stessa e delle tue capacità…

Puoi conservare la cornice di tanti momenti della tua vita

e disegnare su quella tela nuove emozioni

Ci sono esperienze perdute…
esperienze che possiamo sistemare in questo viaggio di ritorno…

come quando si sgombera una vecchia soffitta…

Fra tante cose da buttare…

si trova sempre qualcosa che possiamo conservare…

e portare giù nella stanza dove viviamo…e magari metterla nell’angolo più bello…

magari cambiando il suo colore…

Ed ancora, puoi renderti conto…nel tuo viaggio di ritorno…

che sei sopravvissuta a quella cosa che ti tormentava…

perché qualche cosa ti ha protetto…

ti protegge…e ti proteggerà ancora…

Forse è il tuo angelo custode…

o forse è semplicemente qualcosa che è dentro di te e che lavora per il tuo bene…

e che ti protegge dal male…

Ora …Puoi sciogliere tutte le ultime tensioni…

puoi sciogliere il tuo corpo…

allo stesso modo in cui hai sciolto la tua mente…

ed aprirti alla vita che ti attende…

che guarderai con la purezza e la curiosità degli occhi di un bambino,

che tutto ancora deve vivere,

come se questo fosse il primo giorno del mondo.

Qualsiasi cosa troveremo in questo percorso all’indietro

fino al dolce dondolio del grembo materno,

sarà un qualcosa che siamo stati ma che ora non siamo più o,

sarebbe meglio dire, che non siamo più solo quello.

Ma, un qualcosa di nuovo e di diverso,

in una vita, ancora, da plasmare.

Nel cammino del corpo e dello spirito.

Riproduzione riservata Gilberto Gamberini

foto riprodotte a fini didattico esplicativi

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • vincenzo

    15 Apr 2009 - 23:32 - #1
    0 punti
    Up Down

    molto rilassante, ma xke parla sempre al femminile?

Le categorie della guida