Questo sito contribuisce alla audience di

Alcol:no a Crociata Eccesso di divieti ai giovani, invita a bere

Proibire l'alcol ai giovani è come invitarli a trasgredire...in una sorta di sfida con la società degli adulti.... L’eccesso di qualsiasi cosa risulta dannoso e così a volte la privazione assoluta....l'uso moderato, come dimostrato da vari studi scientifici, riduce significativamente la patologia cardiovascolare...E’ evidente che non parliamo dei casi di alcoolismo, nei quali è necessario una privazione, per ricostruire una catena di autostima, di affetti e di interessi che si è interrotta, concentrandosi sull’alcool...Ogni cosa quando è in eccesso può trasformarsi in una spiacevole prigione ...Come evidenzia molto bene il film Sideways .....

Alcol: no a ‘crociata’, l’eccesso di divieti ai giovani, invita a bere

da univadis

fonte 21 apr. (Adnkronos Salute) - E’ sbagliata la crociata contro le bevande alcoliche. Proibire l’alcol ai giovani è come invitarli a trasgredire. Lo sostengono gli esperti della Società europea di prevenzione cardiovascolare che puntano invece su altre parole d’ordine: informazione ed educazione al consumo moderato di bevande alcoliche. E, sottolineano gli esperti, il confronto fra le cifre Istat del 2001 con quelle del 2002 dimostra che i giovani stanno imparando a bere con intelligenza.

”Un errore - dice il professor Gaetano Crepaldi, presidente della Società e direttore del Centro Cnr di Padova - proibire ai giovani il consumo di bevande alcoliche con messaggi duri. E’ come invitarli a trasgredire. Bisogna informarli correttamente ed educarli altrettanto correttamente sull’uso moderato delle bevande alcoliche”. L’abitudine al bere in famiglia durante i pasti insegna i giovani a bere con moderazione. Mentre ”in quelle società dove c’è un divieto assoluto all’alcol - aggiunge l’esperto - i giovani vedono nella proibizione una trasgressione, magari inferiore alla droga ma pur sempre una reazione all’adulto. A mio parere il messaggio giusto è: ‘bere intelligente’. Con moderazione e di qualità”.

Inoltre il ”no assoluto alle bevande alcoliche - conclude Crepaldi - fa dimenticare che l’uso moderato, come dimostrato da vari studi scientifici, riduce significativamente la patologia cardiovascolare. E proprio a questi benefici la Società europea di prevenzione cardiovascolare sta dedicando particolare attenzione nel programmare una campagna europea di educazioni sugli stili di vita per la prevenzione primaria delle patologie cardiovascolari”. (Com-Ram/Adnkronos Salute

Proibire ai giovani in maniera assoluta, equivale ad invitarli a farlo

ancora di più, in una sorta di sfida con la società degli adulti.

I modi possono essere tanti,

basta acquistare una cassa di birra o bottiglie di vino e di

superalcolici al supermercato e poi sistemarlo in auto per poi consumarlo alla sera quando i locali avranno la proibizione di distribuirlo.

Bisogna far leva sul buonsenso, la virtù sta nella via di mezzo.

L’eccesso di qualsiasi cosa risulta dannoso e così a volte la privazione assoluta.

E’ evidente che non parliamo dei casi di alcoolismo,

nei quali è necessario una privazione,

per ricostruire una catena di autostima,

di affetti e di interessi che si è interrotta,

concentrandosi sull’alcool.

Come evidenzia, molto bene,

il film Sideways,

in cui il protagonista Miles si rifugia nell’alcool

per sfuggire a se stesso,

incapace, di superare il passato

e di costruire il proprio futuro.

Ma il messaggio non è totalmente negativo,

perché Miles non attraverso l’alcool,

ma durante il viaggio nelle zone di produzione vinicola della California,

incontra Maia,

la donna che darà di nuovo speranza al suo futuro.

La quantità moderata

risulta piacevole e si adatta alla nostra cucina mediterranea,

alla nostra tradizione,

in cui il vino usato sul pasto,

favorisce la digestione

e costituisce un fattore aggregante e di condivisione.

Come nel Natale, a tavola,

che ti avvolge coi suoi colori,

così tu vorresti essere avvolto

dai tuoi desideri che si realizzano,

che ricolorano e stimolano la tua vita

Gilberto Gamberini

foto riprodotte a fini didattico esplicativi

Le categorie della guida