Questo sito contribuisce alla audience di

Un Cammino da ripercorrere

Perche' si soffre? Chi o che cosa puo' e deve aiutare quest'umanita' che soffre? Chi o che cosa aiutera', quest'umanita' che soffre, a sconfiggere la fame, la miseria, la poverta' e la guerra? .....Da seminarista a partigiano; da partigiano a prete; da prete a vescovo e poi ancora un po' piu' in la', nella disperata ricerca di una verita' scomoda ed impossibile che il "pretino" non riuscira' mai a raggiungere...Nessuna potenza ha sconfitto e sconfiggerà la sofferenza la fame e la povertà e la guerra, perché nessun uomo ha in cuor suo iniziato questa battaglia I compromessi per il potere fanno perdere di vista il fine delle cose, si conserva l'abito ma si perdono i contenuti . Sono pochi gli uomini che hanno saputo conservarsi tali.....qualcuno come Giovanni Paolo II ha sublimato l'umanità assumendone la sofferenza collettiva su di se, altri in modo più laico hanno ricercato e rispettato l'uomo sulla via della coerenza e della onestà, rendendolo comunque sacro.....

Il pretino” di Marco De Poli - Yema - euro 10,00

Romanzo scritto piu’ di vent’anni fa, ma pubblicato solo recentemente; forse perche’ gli eventi narrati coincidono, almeno in parte, con quelli vissuti nella realta’ pochi mesi fa; o forse, piu’ semplicemente, perche’ gli stati d’animo, le contraddizioni, i dubbi e le lotte interiori di ogni singola persona che forma il suo tempo, restano, in ogni tempo e con il passare del tempo, immutati…

da peacelink fonte Elisabetta Caravati
30 giugno 2005
Perche’ si soffre?
Chi o che cosa puo’ e deve aiutare quest’umanita’ che soffre?
Chi o che cosa aiutera’, quest’umanita’ che soffre, a sconfiggere la fame, la miseria, la poverta’ e la guerra?
Il comunismo o la Chiesa? Quale di queste due “potenze” e’ disposta a mettersi in gioco per aiutare quest’umanita’ a sconfiggere la sofferenza, la fame, la miseria, la poverta’ e la guerra?

Sono queste, probabilmente, le domande che Giacomo, un giovane seminarista, si pone all’inizio del suo cammino; domande alle quali cerchera’ di rispondere attraverso cambiamenti drastici e continui.
Da seminarista a partigiano; da partigiano a prete; da prete a vescovo e poi ancora un po’ piu’ in la’, nella disperata ricerca di una verita’ scomoda ed impossibile che il “pretino” non riuscira’ mai a raggiungere…

Nessuna potenza ha sconfitto e sconfiggerà la sofferenza la fame e la povertà e la guerra, perché nessun uomo ha in cuor suo iniziato questa battaglia

I compromessi per il potere fanno perdere di vista il fine delle cose, si conserva l’abito ma si perdono i contenuti .

Sono pochi gli uomini che hanno saputo conservarsi tali…..qualcuno come Giovanni Paolo II ha sublimato l’umanità

assumendone la sofferenza collettiva su di se,

altri in modo più laico hanno ricercato e rispettato l’uomo

sulla via della coerenza e della onestà,

rendendolo comunque sacro.

Un cammino da ripercorrere…….

Gilberto Gamberini

Le categorie della guida