Questo sito contribuisce alla audience di

Relativismo della favola L’uccellino la mucca il lupo siberiano

La favola è un grande paradosso, come in fondo lo è la vita....Papa Ratzinger si dichiara per l'assoluto, contro una degenerazione della filosofia della relatività.... questo è indubbiamente giusto, a livello spirituale la cultura del relativismo ha portato al non credere in nulla, persi in un apparente tutto. ...Ma, per la psicoterapia è essenziale lasciare spazio al relativismo e ai diversi punti di vista sulle cose. Il principio ericksoniano dello spiazzamento e del paradosso si basano su questo, lo stesso doppio legame terapeutico ....La Metafora dell’uccellino, la mucca e il lupo siberiano.....Voleva salvarlo, ma non sapeva come… La mucca si mise in posizione… e l’uccellino si ritrovò nel calore che lo sterco della mucca aveva prodotto. Quel calore lo salvò e gli fece recuperare le forze....arrivò un lupo siberiano...Vide quell’uccellino che sguazzava felice nello sterco della mucca....Non sempre chi ti mette nella m…..lo fa per il tuo male. Non sempre chi ti salva dalla m…..lo fa per il tuo bene...

Il Relativismo della favola L’uccellino, la mucca e il lupo siberiano

La favola è un grande paradosso,

come in fondo lo è la vita,

persone che ti salvano o che pensano di salvarti per ucciderti,

o che pensano di fare il tuo bene senza chiederti prima quale esso sia.

Papa Ratzinger si dichiara per l’assoluto,

contro una degenerazione della filosofia della relatività.

Per il papa questo è indubbiamente giusto,

a livello spirituale

la cultura del relativismo ha portato al non credere in nulla,

persi in un apparente tutto.

Ma, per la psicoterapia

è essenziale lasciare spazio al relativismo

e ai diversi punti di vista sulle cose.

Il principio ericksoniano

dello spiazzamento e del paradosso

e della Metafora

si basano su questo,

lo stesso doppio legame terapeutico

è un mezzo potentissimo

per fare breccia nell’animo umano

tormentato da un’unica visione delle cose che lo imprigiona.

Gilberto Gamberini riproduzione riservata

La Metafora dell’uccellino, la mucca e il lupo siberiano.

Un uccellino nel freddo inverno della Siberia, si mise a saltellare sul ramo di un albero.

Provò a volare ma per il freddo le ali si gelarono e cadde dall’albero nella neve.

L’uccellino stava già per morire quando un mucca, che rientrava nella stalla, lo vide.

Voleva salvarlo, ma non sapeva come…

La mucca si mise in posizione…

e l’uccellino si ritrovò nel calore che lo sterco della mucca aveva prodotto.

Quel calore lo salvò e gli fece recuperare le forze.

La mucca se ne andò.

Sembrava che tutto si svolgesse per il meglio.

Ma….arrivò un lupo siberiano,

che per tutto il giorno aveva vagato nella neve alla ricerca di una preda, senza trovarla.

Vide quell’uccellino che sguazzava felice nello sterco della mucca.

Il lupo, affamato, allungò una zampa…schifato.

Afferrò l’uccellino…lo pulì, alla meglio, sbattendolo nella neve fresca…e poi lo inghiottì.

Morale:

Non sempre chi ti mette nella m…..lo fa per il tuo male.

Non sempre chi ti salva dalla m…..lo fa per il tuo bene.

Liberamente tratto a memoria da Gilberto Gamberini Fonte Paul Watzlavick Il Linguaggio del Cambiamento Elementi di Comunicazione Terapeutica Feltrinelli editore

Foto riprodotte per scopi esplicativi didattici

Le categorie della guida