Questo sito contribuisce alla audience di

La non professionalità aumenta la confusione

Ignoranza e ansia possono essere una miscela esplosiva - specifica il dottor Falconi - alcune sindromi ansiose e depressive sono in crescita esponenziale e non è calcolabile il rischio emotivo per una diagnosi affrettata, magari di fronte a una patologia particolarmente grave. In più di trent'anni di professione una cosa ho sicuramente imparato, non esistono due casi clinici identici. Non si può dare un responso attendibile basandosi unicamente su un questionario senza vedere il paziente....I nati in gennaio sono predisposti all'Alzheimer, schizofrenia, infezioni polmonari da virus - informa Antonia Bonomi nella sezione dedicata alla salute di arcobaleno.net - Aprile è da brividi: morbo di Parkinson, leucemia, dislessia, difficoltà di apprendimento». ….. A volte internet favorisce i manipolatori, e i falsi, non d’autore. Non esiste una maledetta primavera ma esiste un modo di porsi e di farsi manipolare. Tutti siamo alla ricerca di certezze ma a forza di cercare delle certezze in luoghi che non ne possono dare si finisce con l’aumentare l’incertezza. Un cuore non può comunicare solo attraverso le parole. Ci vorrebbe anche una immagine ed un suono per poter dare una sensazione approssimabile della realtà, ed ancora non basterebbe.....Il benessere è una idea globale, energetica che si alimenta e cresce nel tempo coll'insieme delle risposte che trova strada facendo. Risposte riduttive, salvifiche, facili, ci prosciugano l'anima... In un viaggio senza meta....ci rendono ombre.... vacanti tra una vetrina e l'altra....

Fonte LA Stampa Gianluca Nicoletti

 

Una volta c’era la zia che conosceva a memoria l’enciclopedia medica. Come ti guardava negli occhi ti diagnosticava qualche terribile malattia. Oggi il medesimo «sollievo» ce lo procura una navigazione nell’immenso ospedale per malati immaginari che si dipana in Internet.

E’ sempre più diffusa la richiesta di diagnosi on line, il lettino dello specialista resta vuoto, meglio riempire un modulo e affidarsi al pronto soccorso telematico. La risposta può arrivare dopo settimane, ma non c’è fretta per la web ipocondria, l’importante è comunicare l’elenco dei propri sintomi alla vasta rete degli specialisti in medicina virtuale. Sono 10.501 solo gli utenti registrati nel forum di salute.it. Alla voce «il medico risponde» Google trova 310 mila documenti nella rete italiana, si tratta di migliaia tra indirizzi di portali e aree di discussione su argomenti clinici, patologie, ansie. Sono certamente dati sommari, ma di sicuro c’è uno staff imponente di camici bianchi senza volto, e molto spesso in legittimo sospetto di competenza, a disposizione di un campionario umano di malati, o presunti tali, che preferiscono inviare un modulo per posta elettronica con loro malesseri. «Compila l’elenco seguente inserendo un numero da 1 a 9 che indica la gravità del disturbo connesso all’organo o alla funzione descritta…» si legge nel modulo per un check-up guidato che si può trovare in naturalismedicina.it. Tra le caselle da sbarrare ci sono persino richieste su eventuali propositi suicidi, problemi sessuali, uso di droghe.

Il dottor Mario Falconi, a nome della Federazione dei medici di famiglia, azzarda la proposta di un bollino blu per certificare l’attendibilità dei siti di medicina on line. Un attestato di attendibilità da parte della comunità internazionale darebbe forse un rango di credibilità al medico on line, ma comunque non scoraggerebbe l’abuso delle diagnosi fai da te di chi si lascia auscultare con il mouse. «Ignoranza e ansia possono essere una miscela esplosiva - specifica il dottor Falconi - alcune sindromi ansiose e depressive sono in crescita esponenziale e non è calcolabile il rischio emotivo per una diagnosi affrettata, magari di fronte a una patologia particolarmente grave. In più di trent’anni di professione una cosa ho sicuramente imparato, non esistono due casi clinici identici. Non si può dare un responso attendibile basandosi unicamente su un questionario senza vedere il paziente».

……
Ancor più spesso le argomentazioni sconfinano in territori in cui è arduo trovare rigore scientifico: «I nati in gennaio sono predisposti all’Alzheimer, schizofrenia, infezioni polmonari da virus - informa Antonia Bonomi nella sezione dedicata alla salute di arcobaleno.net - Aprile è da brividi: morbo di Parkinson, leucemia, dislessia, difficoltà di apprendimento». …..

 

 

A volte  internet favorisce i manipolatori, e i falsi, non d’autore.

 

Non esiste una maledetta primavera ma esiste un modo di porsi e di farsi manipolare.

 

Tutti siamo alla ricerca di certezze ma a forza di cercare delle certezze in luoghi che non ne possono dare si finisce con l’aumentare l’incertezza.

 

Un cuore non può comunicare solo attraverso le parole.

 

Ci vorrebbe anche una immagine ed un suono per poter dare una sensazione approssimabile della realtà, ed ancora non basterebbe.

 

Il benessere è una idea globale, energetica che si alimenta e cresce nel tempo coll’insieme delle risposte che trova strada facendo.

 

Risposte riduttive, salvifiche, facili,  ci prosciugano l’anima

 

In un viaggio senza meta….ci rendono ombre….

vacanti tra una vetrina e l’altra….

 

Gilberto Gamberini

 

foto riprodotte a fini didattico  esplicativi

 

Le categorie della guida