Questo sito contribuisce alla audience di

Bambini: in italia grassi e malati gia' a 6 anni

''Complici la vita sedentaria, la dieta sregolata ricca di merendine e le troppe ore davanti a computer, tv e videogiochi, i nostri figli si avviano precocemente verso la cardiopatia'', avverte. Perche' ''un bimbo sovrappeso o obeso su due lo sara' anche da adulto'', e obesita', ipertensione e diabete di tipo 2, combinati tra loro, portano alla sindrome metabolica in eta' adulta

da univadis

Milano, 29 set. (Adnkronos Salute) - Gia’ a 6 anni piu’ di uno su tre e’ in sovrappeso, oltre uno su 10 e’ obeso e almeno 4 su 100 sono ipertesi. A 15 anni alcuni mostrano i primi segni del diabete dell’adulto e quando arrivano a 30 anni ‘marciano’ gia’ verso l’infarto. E’ il triste ritratto dei bambini italiani dipinto dagli esperti intervenuti al congresso Sip (Societa’ italiana di pediatria), in corso a Montecatini Terme: pediatri, ma anche neonatologi e nutrizionisti, che rilanciano l’allarme obesita’ tra i piccoli della penisola e si uniscono in pool contro l’emergenza.

….”In Italia - riferisce Saggese - in media il 13% dei bimbi e degli adolescenti e’ obeso; il 26,9% dei maschi e il 21,2% delle femmine tra 6 e 17 anni e’ in sovrappeso, e si riscontrano chili di troppo soprattutto nella fascia d’eta’ tra 6 e 9 anni: 33,6% nei maschi e 34,6% nelle femmine”, con punte ancora piu’ alte in alcune regioni del Sud come la Campania (36% di piccoli sovrappeso). Inoltre - ricordano gli specialisti in una nota - secondo uno studio condotto su 2.500 alunni delle scuole elementari della provincia di Milano, piu’ di 4 bambini su 100 hanno valori di pressione fuori norma. Un dato piu’ elevato nelle femmine (5,4%) che nei maschi (3,1%) e direttamente correlato all’eccesso di peso riscontrato negli studenti esaminati.

”Questi bambini sono ipertesi gia’ alle elementari - commenta Rondini - e cio’ conferma la necessita’ di mettere in atto azioni volte a controllare meglio l’alimentazione dei nostri figli sin da neonati”. Negli ultimi anni, conferma Riva, ‘’sono numerosi gli studi che hanno dimostrato come la nutrizione in epoche precoci e sensibili della vita del bambino abbia effetti a lungo termine sulla salute dell’adulto”. E Carruba rincara: ”Complici la vita sedentaria, la dieta sregolata ricca di merendine e le troppe ore davanti a computer, tv e videogiochi, i nostri figli si avviano precocemente verso la cardiopatia”, avverte. Perche’ ”un bimbo sovrappeso o obeso su due lo sara’ anche da adulto”, e obesita’, ipertensione e diabete di tipo 2, combinati tra loro, portano alla sindrome metabolica in eta’ adulta. Risultato: oggi oltre 20 milioni di adulti italiani sono sovrappeso o obesi, con costi diretti (ricoveri in ospedali e terape) pari a 22,8 miliardi di euro l’anno. (Red-Opa/Adnkronos Salute)

Le categorie della guida