Questo sito contribuisce alla audience di

Sogno o son desto?

La parte emozionale è accesa e destissima, è solo spenta la parte razionale, che dorme. Il Sogno è il film del nostro inconscio. Il sogno si realizza ad un livello profondo, non direttamente accessibile, a livelli subentranti e progressivi emozionali, in una sorta di regressione naturale, verso quello che siamo veramente, verso quello che vorremmo diventare....Un sogno ad occhi aperti, con le medesime caratteristiche, si può ottenere attraverso l’ipnosi e la psicoterapia ericksoniana, attraverso progressivi liberi coinvolgimenti, sempre più avvolgenti. Il sogno è il ritratto di noi stessi, senza correzioni, senza lifting, una emozione pura, senza freni razionali e coscienti, che raggruppa sensazioni, immagini e suoni, che abbiamo raccolto, a livello subliminale, nello spazio della nostra vita, in una completa distorsione spazio temporale....in una sorta di premonizione onirica ....perché il passato e il presente possiedono già i germi del non ancora accaduto.

Sogno o son desto?

 

 

La parte emozionale è accesa e destissima,

è solo spenta la parte razionale, che dorme.

Il Sogno è il film del nostro inconscio.

Il sogno si realizza  ad un  livello profondo, non direttamente accessibile,

a livelli subentranti e progressivi emozionali,

in una sorta di regressione naturale,

verso quello che siamo veramente,

verso quello che vorremmo diventare.

Un  sogno ad occhi aperti, con le medesime caratteristiche, si può ottenere attraverso l’ipnosi e la psicoterapia ericksoniana, attraverso progressivi liberi coinvolgimenti, sempre più avvolgenti.

Il sogno è  il ritratto di noi stessi, senza correzioni, senza lifting, una emozione pura,

senza freni razionali e coscienti,

che raggruppa sensazioni, immagini e suoni,

che abbiamo raccolto, a livello subliminale,

nello spazio della nostra vita,

in una completa distorsione spazio temporale.

Nel sogno,

scompare il dilemma razionale di essere in un luogo oppure in un altro,

di fare una cosa oppure un’altra,

perché puoi essere contemporaneamente in luoghi, spazi e tempi diversi.

 

Passato, presente e futuro,

diventano un unico tempo,

i cui passaggi dall’uno all’altro sono determinati

dalla Analogia e dalla Assonanza,

di fatti accaduti in tempi diversi

o che devono ancora accadere,

in una sorta di premonizione onirica,

che spesso non è altro che una più profonda osservazione di quanto già accade,

perché il passato e il presente possiedono già

i germi del non ancora accaduto.

 

 

Riproduzione riservata Gilberto Gamberini.

 

Foto riprodotte a fini didattico educativi

Le categorie della guida