Questo sito contribuisce alla audience di

Sono necessari nuovi modelli: I nonni

E' la presenza critica dell'adulto che permette al bambino di comprendere correttamente la realtà alimentandola con la necessaria fantasia, che stimola l’ideazione ed è stimolo alla crescita.....E' l'interazione affettiva che stimola a tirare fuori il meglio di se e che gli evita di dipendere dai modelli che i mass media propongono spesso in modo unidirezionale.

Fonte (ANSAweb) - ROMA - I bambini italiani crescono senza piu’ favole. A far loro compagnia sono Internet, la tv, il wrestling. Lo afferma il sesto rapporto nazionale sulla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza dell’Eurispes e di Telefono Azzurro che lancia anche l’allarme sul bullismo. Il rapporto traccia l’identikit del bambino (7-11 anni) e dell’adolescente (12-19) sulla base di una rilevazione che ha interessato 52 scuole di ogni ordine e grado. Per molti bambini nel nostro paese e’ svanita l’idea romantica dei genitori che raccontano loro le fiabe. Per un quarto di loro, si tratta di un’esperienza familiare mai fatta e per quasi il 40% solo qualche volta. Il 30,9% dice, invece, che i genitori raccontano loro le favole spesso o qualche volta. Tra i compagni di tempo libero preferiti il computer, Internet e il wrestling, che e’ apprezzato dal 49,6%. Per quanto riguarda il bullismo, il 78,9% dei bambini afferma di utilizzare strategie attive. Il 42,3% dei bambini fra 7 e 11 anni dichiara di subire brutti scherzi, il 39,6% di subire provocazioni ripetute e il 33,6% offese immotivate e ripetute. La scuola (32,3%) e la strada (27,3%) sono i luoghi privilegiati per le espressioni bullesche…..

 

Bullismo….ma non solo….ci sono anche altre solitudini …altre  violenze

Ritengo che sia l’eccesso di ….e la mancanza di ….

la mancanza di altro…che può provocare scompensi nei bambini….e non solo in loro.

 

Perchè gli adulti sono altrettanto influenzabili dei bambini….

 

Il ruolo importante dei nonni, che possono sostituire e integrare il ruolo genitoriale,

possono loro divenire la favola raccontata….

 

La storia raccontata, stimola e coinvolge la fantasia senza aggredirla dandole opportunità di elaborazione inconscia non guidata dalla immagine, l’immagine si crea dalle parole, e così le sensazioni, che  diventano creative. Le intonazioni, le pause della voce, il fatto che chi le racconta è un familire arricchisce l’impatto evocativo, lo unisce e lo fonde con quello affettivo di riferimento.

Col racconto si scopre la magia della parola che diventa  il film fantastico dell’inconscio.

 

Ma in quante famiglie esiste ancora la presenza e lo spazio….per i nonni?

 

Quando esiste la volontà di investire i nonni in questo ruolo e di presenza affettiva?

 

Mancano gli spazi per accoglierli nell’ambito della famiglia…

 

 

La società non ha fatto nulla …preferendo demandare e risolvere con le strutture pubbliche

un ruolo suppletivo educativo, che può essere utile ma è freddo e distaccato e non può raccontare allo stesso modo le favole e trasmettere quella necessaria umanità e modelli che possono evitare nuove solitudini  e devianze comportamentali.

 

E’ la presenza critica ed affettiva dell’adulto che permette al bambino di comprendere correttamente la realtà alimentandola con la necessaria fantasia, che  stimola l’ideazione ed è stimolo alla crescita.

 

E’ l’interazione affettiva che stimola  a tirare fuori il meglio di se e che gli evita di dipendere dai modelli che i mass media propongono spesso in modo unidirezionale.

 

Affidare la soluzione dei problemi alla psicoterapia è una soluzione tardiva, mistificatoria di un problema già insorto che si alimenta a monte.

 

La soluzione sta affinchè il problema non insorga…sta nell’affrontare  le cause e le concause,

in una visione complessiva e non  nel curarne solo le conseguenze.

 

Se una diga presenta delle falle non si può porvi rimedio, in modo inadeguato.

 

E’ necessario riprogettarla,  quella diga…. e fonderla col paesaggio intorno

affinché, pur non apparendo, favorisca un domani sicuro ed umano per tutti.

 

Riproduzione riservata Gilberto Gamberini

 

 

 

Le categorie della guida