Questo sito contribuisce alla audience di

La Balena Simbolo del nostro mai sopito desiderio di libertà

La balena simboleggia il nostro mai sopito desiderio di libertà e di vita, proprio in quel suo incedere lento, in quel suo terrore, in quel suo sbuffare, in quel suo lottare e non necessariamente nel suo soccombere....

“La balena del Tamigi verrà liberata in mare aperto.”….dicevano….

Gli esperti erano fiduciosi, dopo che il fatto di cronaca aveva messo in apprensione la comunità degli abitanti di Londra.

Il trauma subito dagli animali, li avvicina a quello che subisce l’uomo, nel suo incedere quotidiano…

L’uomo sa disunirsi su fatti che lo riguardano da vicino e sulle sue soluzioni, ma sa, a volte, unirsi e sublimarsi sugli animali,

come se la parabola animale lo liberasse da schermi e blocchi interiori.

Anche noi eravamo fiduciosi, perchè in quella balena che si liberava e scorazzava in mare aperto, potevamo ritrovare e simboleggiare metaforicamente il nostro, mai sopito,  desiderio di libertà.

La balena del Tamigi verrà liberata in mare aperto…..dicevano…..

Qualcuno aggiungeva ” perchè tanti sforzi per un singolo animale e nulla in tante altre occasioni”

E’ vero….un gesto non dovrebbe mai sostituire un comportamento di vita….ma un gesto é meglio del nulla e della indifferenza….tra mille persone che non vedono, che non ascoltano, che non percepiscono….perché non vogliono vedere, ascoltare e percepire….in un aridità del sentire che diviene deserto delle emozioni ….

Altre volte….. aspettative deluse….Bush ci riporterà a casa dalla guerra… ci riporterà a casa vivi….cosi’ non é stato per il soldato, simbolo di altri milioni di uomini e di soldati di ogni tempo,  che non gliel’ha fatta inghiottito dalla angoscia dalla depressione che accompagna eventi straordinari ed ordinari della nostra vita come la Sindrome da stress post traumatico….il PTSD con l’aumento dei suicidi che comporta, quando l’animo umano supera i suoi confini e si ritrova in uno spazio vuoto senza riferimenti, senza voci, senza gesti e senza poter altro immaginare se non la propria disperazione.

Il non vedere, il non sentire, il non percepire salva i cuori insensibili, e costruisce attorno a loro,  un muro impenetrabile.

Negazioni che diventano protezioni…protezioni anomale… che impediscono al vero di penetrare…niente avviene se io non ammetto che sia avvenuto….é la  negazione che salva  in una sorta di amnesia retrograda del fatto dove PTSD inconscio e la forzatura di una decisione cosciente si compenetrano vicendevolmente….

Ma il non vedere, il non sentire, il non percepire uccide i cuori sensibili, di carta velina, perché solo dalla forza delle parole, dalle presenze non solo di cartone, avremmo il loro ritorno dalle terre del silenzio, prima che quel viaggio inizi o si possa completare.

La balena simboleggia il nostro mai sopito desiderio di libertà e di vita,

proprio in quel suo incedere lento, in quel suo terrore, in quel suo sbuffare,

in quel suo lottare

e non necessariamente nel suo soccombere….

  

Gilberto Gamberini riproduzione riservata

foto riprodotte a fini didattico esplicativi

Le categorie della guida