Questo sito contribuisce alla audience di

Consigli per smettere di fumare

A volte smettere di fumare comporta una mancanza, una melanconia, in cui apparentemente non si apprezzano più i piaceri della vita.... a volte rivela un disagio preesistente.... Ma anche se difficile, si può smettere di fumare..... Si può smettere di fumare senza farlo diventare una frustrazione.... La Psicoterapia può essere una strada come indicato dal Dr Aldo Nagar, nel Workshop a Cassacco Un Viaggio nell'Anima del 16 Luglio 2005, in Viaggio nel pianeta fumo .... e nello specifico la seduta di ipnosi....

 

La nuova legge che salvaguarda il diritto dei non fumatori, a non fumare il fumo degli altri nei luoghi pubblici, è un grande vantaggio perché toglie una occasione e un condizionamento collettivo a fumare.

Nel contempo crea un’area “protetta” che permette a chi vuole calare o smettere di fumare di esercitare il suo nuovo modo di essere.

Basterebbe quindi incrementare la frequentazione dei luoghi pubblici per favorire questi intendimenti.

E’ un invito  a socializzare: mezzi di trasporto, teatri e cinema ed ora anche ristoranti, bar, pub, locali da ballo,  possono divenire un luogo salubre di incontro.

Modificare le abitudini di vita. Evitare situazioni a rischio, la sedentarietà, ruoli passivi quali la televisione, il computer, la play station. Sostituirle o ridimensionarle con ruoli attivi, in luoghi in cui abitualmente non si fuma, quali: la palestra, la piscina, uno sport, che possono anche evitare il ricorso ad altre coazioni, quali: l’aumento della introduzione di cibo col conseguente aumento di peso…

Per di più lo svolgimento di uno sport “attivo”  da modo di apprezzare i vantaggi del non fumare, maggior senso di benessere e apprezzamento del miglior respiro e della capacità di affrontare lo sforzo fisico. Incrementare la attività fisica anche con una semplice passeggiata dopo mangiato.Legare la decisione di smettere o di calare il fumare con un evento straordinario: per esempio un viaggio, che modifica le abitudini orarie ed abitudinarie legate al fumo.

Anticipare o posticipare gli orari dei pasti o di singoli eventi legati al fumo per non creare situazioni analogiche a catena.Evitare o  modificare gli orari legati al rito della sigaretta.Sostituire la sigaretta con la pipa, o il sigaro che richiede un certo tempo, una certa preparazione e un certo stato d’animo, che induce alla calma e al rilassamento.

Alcuni anni orsono, a livello universitario, si effettuò una ricerca sull’effetto rilassante del fumo, fumato in quantità limitata, in determinate situazioni di calma e rilassamento induceva ulteriore calma e rilassamento e favoriva la concentrazione.

Tale ricerca non entrò nel merito dei danni provocati dal fumo. Sul fumo di tabacco si è detto di tutto e di più, dal fatto che esprima un “buco emozionale” una finestra rivelatrice di chissà quali turbe, appare come una forzatura intellettuale, quando viene generalizzata e assunta a giudizio assoluto.A volte è semplicemente un piacere, una ritualità che si lega ad altre ritualità.

E’ evidente che è anche un gesto psicologico, ma cosa non è psicologico? Tutta la vita è psicologia, e solo quando la parte cosciente di noi combacia con quella inconscia possiamo avere la misura della nostra felicità, del nostro sogno personale,  che si realizza.

Come nel Sogno di Milton Erickson.

La legge antifumo è una legge giusta che va nell’interesse collettivo della Salute e che tutela i non fumatori, specie gli asmatici e le persone allergiche a cui di fatto era impedita la frequentazione dei luoghi pubblici, e che quindi li ghettizzava.L’occasione di questa legge può essere un buon motivo per smettere, ma anche  per calare la quantità delle sigarette fumate, evitando inutili e dannose colpevolizzazioni e nuove ghettizzazioni per i fumatori….

Se una cosa è giudicata un piacere non deve necessariamente essere misurata in quantità di piacere, ma in qualità di piacere.

L’eccesso di ogni cosa può costituire danno, anche l’eccesso di cose di per se necessarie e non dannose.

Per chi ritiene che una quantità moderata di fumo rappresenti una ritualità e un piacere cui non vuole rinunciare nel suo privato e all’aria aperta, per chi ritiene che qualsiasi obbligo debba prima passare per personale e autonomo convincimento: Il Piacere Inconscio Il segreto di Valter

A volte smettere di fumare comporta una mancanza, una melanconia, in cui apparentemente non si apprezzano più i piaceri della vita….

a volte rivela un disagio preesistente….

Ma anche se difficile, si può smettere di fumare…..

Si può smettere di fumare senza farlo diventare una frustrazione….

La Psicoterapia può essere una strada come indicato dal Dr Aldo Nagar, nel Workshop a Cassacco Un Viaggio nell’Anima del 16 Luglio 2005,

in Viaggio nel pianeta fumo ….

e nello specifico la seduta di ipnosi….

Riproduzione riservata Gilberto Gamberini

foto riprodotte a fini didattico esplicativi 

Le categorie della guida