Questo sito contribuisce alla audience di

Milton H. Erickson Psicoterapia dell'Insonnia

Distrazione.....progressione aritmetica del sonno....Prescrizione del Sintomo ....Rilassamento frazionato....Confusione....Prescrizione paradossale.....L'autoipnosi....Il rilassamento per obbiettivi....Di freguente, l’errore sta in noi, nel modo con cui ci mettiamo in relazione con noi stessi, perchè il sonno è l’ultimo atto di tutta una serie di atti, che iniziano fin dal primo mattino, se tutto quello che facciamo,durante il giorno, non è in sintonia con noi stessi e non è accettato nel nostro inconscio, quando saremo in una situazione mentale in cui l'inconscio è prevalente, come prima di addormentarci alla sera, emergeranno tutte le nostre contraddizzioni....

Milton H. Erickson Psicoterapia dell’Insonnia

 

Distrazione:

mi occupo di qualcos’altro che mi “distragga”dal problema,

in modo tale che la nostra mente

non più tesa a realizzare un sonno che non viene,

si “rilassa”e ha modo di realizzare  spontaneamente quanto cercato,  inoltre la focalizzazione su qualcosa di diverso

ci permette di dedicare tutte le energie in quella direzione

e,naturalmente, quando le energie saranno esaurite,

la “naturale” stanchezza mi porterà a chiudere gli occhi.

 

La progressione aritmetica del sonno:

una realizzazione a piccoli passi successivi, dormire un  minuto di più del giorno prima ed ogni giorno aumentare di un minuto, ad ogni piccolo risultato mi complimenterò per il risultato ottenuto.

In due mesi, senza rendermene conto,

avrò dormito un ora in più e così via.

Una specie di allenamento progressivo della mente

per un futuro,che non è ineluttabile,ma che costruiamo

giorno dopo giorno.

 

Prescrizione del Sintomo

“il vostro corpo non vuole dormire,

“bene”

accettate l’idea e adattate a questo la vostra mente,

ditele che non volete dormire,

obbligatevi a non dormire,

dopo un pò

sarete talmente stanchi di tenere gli occhi aperti

e di impedirvi,ad ogni costo, di dormire

che vi addormenterete, proprio perché non avete

in alcun modo ostacolato questo processo.

 

Il Rilassamento frazionato….

 

La confusione….

 

 

Prescrizione paradossale

” non riesci a dormire? Ti rigiri nel letto e non trovi pace? Allora alzati e mettiti a pulire tutta la casa, quando sarai abbastanza stanca, naturalmente ti verrà un gran sonno e dormirai!”

Risposta del paziente

“lavoro già tutto il giorno, è assurdo solo pensare di dover lavorare ancora tutta la notte!”

“Hai proprio ragione…ed allora dormi!

 

L’autoipnosi o autorilassamento…

 

Il rilassamento per obbiettivi

 

 

E’ evidente che in quello che proponeva

Milton H. Erickson emergono due cose fondamentali:

la sua grande fiducia nell’inconscio,

perché l’inconscio sa sempre cosa e come farlo per noi,

ma dobbiamo metterlo in condizione di lavorare,

e non ostacolarlo di continuo,

e inoltre

la sintonia e l’assonanza tra il nostro corpo e la nostra mente,

il corpo, e la mente visti non come nemici e antagonisti,

ma come un qualcosa, parte di  noi, che attraverso

un disturbo, un sintomo

ci vuole, spesso, comunicare qualcosa….

 

Di freguente,  l’errore sta in noi,

nel modo con cui ci mettiamo in relazione con noi stessi,

perchè il sonno è l’ultimo atto  di tutta una serie di atti,

che iniziano fin dal primo mattino,

se tutto quello che facciamo,durante il giorno,

non è in sintonia con noi stessi 

e non è accettato nel nostro inconscio,

quando saremo in una situazione mentale in cui l’inconscio è prevalente,

come prima di addormentarci alla sera,

emergeranno tutte le nostre contraddizzioni….

 

 

Copyright © 2004-2006 [Gilberto Gamberini]. Tutti i diritti riservati

 

foto Erickson riprodotta a fini didattico esplicativi

 

Le categorie della guida