Questo sito contribuisce alla audience di

La fame e la consunzione ….brutti ricordi cattive identificazion

perché quando sei alla fame estrema, quando sei allo stremo e oltre .... perdi la tua dignità e hai solo l’istinto di sopravvivenza animale… ma il tuo essere e restare, comunque, uomo in situazioni estreme, affina la tua crudeltà e ipocrisia, che a torto si chiama strategia….

La fame e la consunzione ….brutti ricordi cattive identificazioni

Mi viene in mente Dacchau ….

l’unico campo che vidi molti anni fa

e la sensazione che ne ricavo è sgradevole…

la Pierrelli… Balzo….

smagriti quasi alla consunzione….

mi sovvengono non l’immenso ma gli scritti di Primo Levi

la perdita progressiva di dignità…

qui non cè la nudità….

non cè la marchiatura animale di un numero….

l’ordine in una lingua dura e sconosciuta per molti….

cè però lo spiazzamento,

l’essere comunque lontani da casa,

con le loro paure, ricordi,

mancanze che affondano in problematiche personali

da definire e da approfondire….

la lotta per la sopravvivenza che prescindeva

da legami di parentela e d’amore,

bello il film di Benigni “la vita è bella”

commovente e poetico,

ma è anche vero che madri strappavano il mangiare ai figli,

e figli alle madri,

perché quando sei alla fame estrema,

quando sei allo stremo e oltre ….

perdi la tua dignità

e hai solo l’istinto di sopravvivenza animale…

ma il tuo essere e restare, comunque, uomo

in situazioni estreme,

affina la tua crudeltà e ipocrisia,

che a torto si chiama strategia….

La fame e la consunzione ….

brutti ricordi cattive identificazioni…

per noi tutti….

Copyright © 2004-2006 [Gilberto Gamberini]. Tutti i diritti riservati

Le categorie della guida