Questo sito contribuisce alla audience di

Quale mestiere non fareste mai?

Per scoprire qualcosa di nuovo di te devi fare qualcosa che non conosci….. forse l’ignoto ha questo fascino...Oppure se hai un mestiere che non ti piace cosa faresti per cambiare qualcosa del tuo mestiere che te lo renda piacevole…. sarebbe già un passo successivo…. una evoluzione…....A volte focalizziamo sul lavoro un problema che nasce da noi e che dentro di noi dovremmo risolvere…. Potremmo definirle situazioni di falso mobbing, situazioni in cui nessuno ci aggredisce, siamo noi che lo facciamo non accettando l’ambiente che ci circonda.....Diceva in una sua canzone Celentano “chi non lavora non fa l’amore” …....Chi non lavora e ha uno stipendio basso non fa l’amore……se la nostra società ti emargina dal lavoro ti emargina anche dalla tua vita privata….A volte la mente crea degli inganni ….delle generalizzazioni Forse conosciamo qualcosa ma non tutto sulle cose anche riguardo a quello che non faremmo mai…ogni mestiere può essere orribile o bellissimo dipende da come lo fai e dal contesto in cui lo vivi…....In TV Su Telesanterno in "Dolce e amaro" Ore 13,15 Martedì 30 Gennaio, Mercoledì 31 Gennaio, Giovedì 1 Febbraio. Ore 23,15 Venerdì 2 Febbraio

Il mestiere che non faresti mai …..

è quello vissuto in situazione di mobbing….

in situazione in cui vi è in atto una congiura da parte di un singolo o di un gruppo,

in posizione di potere, per distruggerti psicologicamente….

Il mobbing è una situazione di doppio legame continuo e permanente…..

Prescindendo dal mobbing ed andando oltre al mobbing….

Per scoprire qualcosa di nuovo di te devi fare qualcosa che non conosci…..

forse l’ignoto ha questo fascino…

ma anche questa paura….

Per farti entrar nel mio mondo devo prima entrare nel tuo ….

forse dovrei provare a conoscere il mestiere che penso che non farei mai….

una volta conosciuto potrei scoprire che quello è il mio mestiere…

e allora avrei superato un altro limite…

Forse la domanda positiva meglio posta sarebbe

“quale mestiere avresti voluto fare?”

Oppure se hai un mestiere che non ti piace cosa faresti per cambiare qualcosa

del tuo mestiere che te lo renda piacevole….

sarebbe già un passo successivo….

una evoluzione…

Vi è un altro aspetto….la domanda quale mestiere non faresti mai? ….

esprime un diritto di espressione e di desiderio di alcuni ma non di tutti….

ingegneri rumeni che fanno i muratori…

ballerine di danza classica russe che ballano la lap dance…..

non possono scegliere e non possono porsi questa domanda

perché precipitare ….

meglio farlo nell’oblio che conservandone il ricordo……

In realtà qual è l’importanza del lavoro? Cosa significa un lavoro?

Difficilmente un lavoro è appagante e pur costituendo gran parte della nostra vita

non ne costituisce la totalità , d’altra parte un lavoro si sceglie, per la realizzazione

e soddisfazione personale, per il potere che dà, per lo stipendio,

per le prospettive future, speranze che possono realizzarsi o meno.

A volte focalizziamo sul lavoro un problema che nasce da noi e che dentro di noi dovremmo risolvere….

Potremmo definirle situazioni di falso mobbing,

situazioni in cui nessuno ci aggredisce,

siamo noi che lo facciamo non accettando l’ambiente che ci circonda…

Senza il lavoro non hai neppure diritto alla tua vita privata

Diceva in una sua canzone Celentano “chi non lavora non fa l’amore” …

R. è timido, complessato, insicuro….ha lasciato un lavoro sicuro che aveva

che però non gli piaceva, se lo anche fatto non piacere, adducendo anche motivi fisici, perché nulla è più vero di quello che io credo vero e quando io lo giudico vero è talmente vero che io lo realizzo….e lui lo ha fatto….ha cambiato diversi lavori…nessuno era meglio di quello che aveva lasciato….e poi ora i contratti sono a termine e lui è più lento degli altri ha bisogno dei suoi tempi non è competitivo….alla fine non gli rinnovano i contratti, lui è timido ed impacciato con le donne, le uniche donne che ha avuto sono prostitute, per fortuna che ci sono, altrimenti lui non avrebbe mai avuto il coraggio di avvicinarne altre….quando abbiamo deciso di fare un salto di qualità, nel senso di cercare un affetto stabile abbiamo avuto una grossa difficoltà…ci siamo rivolti ad una agenzia matrimoniale, perché lui oltre ad essere timido e complessato è anche bruttino e il primo impatto con una donna lo rende ancora più agitato e intimidito….ha bisogno di tempo e di situazioni protette….Orbene con contratti saltuari e lavori non qualificati il suo reddito oltre che essere insicuro non costante è anche basso, per cui il suo fascicolo non interessa….vive coi genitori inoltre perché non può permettersi di pagare un alloggio suo.

Chi non lavora e ha uno stipendio basso non fa l’amore……se la nostra società ti emargina dal lavoro ti emargina anche dalla tua vita privata….

A volte la mente crea degli inganni ….delle generalizzazioni

Forse conosciamo qualcosa ma non tutto sulle cose anche riguardo a quello che non faremmo mai….io pensavo di avere paura di volare e quindi non avrei mai fatto il pilota di areo….almeno così pensavo finchè non ricevetti la telefonata di un paziente che aveva paura di volare e voleva affrontare questo problema nella imminenza di un viaggio….eravamo messi proprio bene!…..In ipnosi, ma del resto per qualsiasi comunicazione è necessaria la massima sintonia, trasmettere quello che si è e/o anche quello che si vorrebbe essere, affrontando il superamento, se possibile, di un limite insieme. Sullo stesso piano, un viaggio insieme, terapeuta e paziente e quando uno dei due non sa chiede all’altro…..Quando arrivò gli dissi che avevo paura di volare….Lui mi interruppe chiedendomi quali aerei avessi provato “grandi o piccoli?” Io gli risposi che conoscevo solo i grandi aerei di linea…

Parlando con lui scoprii che la situazione poteva essere diversa su di un piccolo aereo, perlomeno non avevo ricordi negativi del passato che mi permettessero di affrontare e di anticipare una situazione ansiogena nel futuro.

Facemmo la seduta di ipnosi….nel piccolo aereo scoprimmo insieme una situazione di relativa sicurezza, ma la scoperta più piacevole fu che se avessimo avuto la possibilità di andare nella cabina di guida e addirittura di guidare quell’aereo la paura cedeva il posto ad un interesse e ad una passione per quanto accadeva….

In conclusione io non avevo paura di volare su di un piccolo aereo e non avevo alcuna paura di fare il pilota…..era il grande aereo che mi spaventava e quel senso di impotenza che sentivo non potendolo governare….

come quando qualcuno guida la tua auto e tu sei il passeggero…..

Comunque se dovessi personalmente rispondere quale mestiere non farei mai….non saprei rispondere in modo preciso….ogni mestiere può essere orribile o bellissimo dipende da come lo fai e dal contesto in cui lo vivi….

Se dovessi rispondere quale mestiere farei….il mio certamente…anche il pompiere….mi consola di non essere il solo a pensarlo…..anche Luca Goldoni ha lo stesso sogno……anche pulire le strade di primo mattino in una grande città, quando ancora i rumori delle auto non ne prendono possesso….in fondo nei cicli, forse eterni delle andate e dei ritorni, non c’è nulla di strano e di diverso, anche lì sistemi le cose, pulisci la mente, ne elimini l’immondizia, quella che accumuli dentro e che non profuma di prati in fiore, e la sistemi in luoghi protetti…..cassonetti di bell’aspetto…..

Copyright © 2004-2007 [Gilberto Gamberini]. Tutti i diritti riservati.

Su Telesanterno in “Dolce e amaro”

Ore 13,15 Martedì 30 Gennaio, Mercoledì 31 Gennaio, Giovedì 1 Febbraio.

Ore 23,15 Venerdì 2 Febbraio

trasmissione condotta da Silvano Silvi, cantante, musicista, dee jay, conduttore, presentatore, che Renzo Arbore ha definito precursore del rock and roll italiano ….

Si ringrazia Telesanterno e Silvano Silvi per l’ospitalità.

Telesanterno emittente storica della Emilia Romagna e di Bologna che ha dato i natali ai comici di Zelig Giacobazzi e Pizzocchi…..

Si ringrazia tutto lo staff…..

Il team di ballo il diablo di Sasso Marconi, Angela, Isa Belle, Roberto Carletti, il conte Max, Elena, Svetlana, Ramona, Franco Paradise, Claudia Raganella, Avvocatessa Rita, G.Franco Kelli, Mimmo “lo scozzese” lo scrittore, l’oracolo il Docente Dott Gian Luca Ruggeri, Il presidente del consiglio Provinciale della provincia di Bologna Dott Maurizio Cevenini……

cameramen, sceneggiatori, registi…ed altri che sicuramente ho dimenticato….

come definirli tutti….userò un termine semplice e chiaro alla Luca Goldoni…

“una bella compagnia” sottintendendo con questa semplice parola tutta la piacevolezza che una compagnia può dare….

Le categorie della guida