Questo sito contribuisce alla audience di

La psicoterapia dei murales e dei graffiti

la comunicazione dei murales è il colore, contro quella mancanza di colore che rende grigia la periferia…. ma non solo la periferia…perché a volte noi stessi siamo periferia, grigi e senza meta…. viaggiatori di seconda o terza classe, alla ricerca di un paradio che non troviamo…. di un luogo colorato......Muri grigi e scrostati che ti implorano di avere un po’ del colore che tu possiedi dentro…. che ti fa trasfigurare le cose come in un ipnosi….. Una grigia scuola, dai porticati bui…. diviene il centro ed il luogo di una storia che evolve e che vive…. Stazioni dai binari dritti che non hanno la duttilità delle emozioni, divergono e vanno oltre la meta…. Cieli uggiosi di pioggia, cieli di cielo grigio…. tramontano e albeggiano nei colori dei murales sotto i porticati…..dammi un colore che simuli l’amore… e dipingilo qui direttamente sul mio cuore….....Su Telesanterno in "Dolce e amaro"al Martedi, Mercoledì, Giovedì ore 13,15 al Venerdì ore 23,15.... in replica alla notte ore 01,15.....

Forse quel conta è solo la loro bellezza ed espressività, la morale è individuale, e può differire da una persona all’altra….perché poi ci deve essere la morale ovunque?

Quando la si cerca disperatamente ad ogni costo, la si crea anche dove non c’è, ed appare come una giustificazione, postuma, a tutto…..

Ai bordi della città, nelle periferie, nei banlieu….c’è più morale che nel suo cuore…..

forse la vera morale,

la comunicazione dei murales è il colore,

contro quella mancanza di colore che rende grigia la periferia….

ma non solo la periferia…perché a volte noi stessi siamo periferia,

grigi e senza meta….

viaggiatori di seconda o terza classe, alla ricerca di un paradio che non troviamo….

di un luogo colorato….

Ci sono luoghi e uomini grigi che uccidono i colori……

Van Gogh non è espressione di una morale…..

l’arte è espressione della bellezza e della propria interiorità….

Esprimere ciò che si ha dentro per cercare di rappresentare se stessi e la propria visione delle cose…..

HOBINO un famoso pittore….? Compositore….? Di murales…..graffiti….

artista comunque ….

Ora studente d’architettura a Venezia….

Dapprima i suoi murales dipinti di nascosto …..nottetempo….sotto l’amica luna….

che a volte comprende gli uomini più degli stessi uomini…..

Poi richiesti per la loro bellezza…..

Il murales è dipinto per il proprio piacere,per la propria creatività,

per il proprio modo di rappresentare la vita….

Non è un muro nuovo, pulito che imbratti per odio, per invidia e per disprezzo,

per odio verso chi ti ha generato e per te stesso……

Muri grigi e scrostati che ti implorano

di avere un po’ del colore che tu possiedi dentro….

che ti fa trasfigurare le cose come in un ipnosi…..

Una grigia scuola, dai porticati bui….

diviene il centro ed il luogo di una storia che evolve e che vive….

Stazioni dai binari dritti che non hanno la duttilità delle emozioni,

divergono e vanno oltre la meta….

Cieli uggiosi di pioggia, cieli di cielo grigio….

tramontano e albeggiano nei colori dei murales sotto i porticati…..

Il murales supera gli spazi abituali dedicati alle cose….

non ha spazi….e non ha tempo…

a disposizione di tutti, in un ora qualunque del giorno e della notte,

perché l’arte non la si può imprigionare in un museo

ma deve essere libera di rendere il mondo più colorato….

I murales finora qui rappresentati sono di HOBINO……

dammi un colore che simuli l’amore…

e dipingilo qui direttamente sul mio cuore…..

“Ora canto, aedo, col mio murales l’immane impresa di quegli uomini, maestri costruttori di muretti a secco che ho incontrato e disegnato dopo lungo andare già negli anni ‘60 fieri del loro lavoro e della propia identità. STORIA DI UOMINI E PIETRE … volti come il paesaggio, rughe come solchi che non accolgono impostori, giullari ed arroganti, ma semi di libertà. ….. qui a Riomaggiore dico che le pietre saranno parole.”

Fonte Silvio Benedetto

Già le rughe…..non corrette da lifting…..

una chirurgia plastica del contenitore che non si occupa mai del contenuto…..

le rughe non si possono e non si devono asfaltare …..

le rughe sono il tramite tra cielo e terra….

sono percorsi di stelle cadenti…..

Ti voglio bene per sempre…..graffiti…

Copyright © 2004-2007 [Gilberto Gamberini]. Tutti i diritti riservati.

Su Telesanterno in “Dolce e amaro”al Martedi, Mercoledì, Giovedì ore 13,15

al Venerdì ore 23,15….

in replica alla notte ore 01,15…..

Le categorie della guida