Questo sito contribuisce alla audience di

Federazione Ordini dei medici: La 194 va sostenuta

Al di là delle ipocrisie, la vita psichica e fisica della madre va tutelata, oltre a quella del feto.... Non è un gesto dettato dalle mode o dall'egoismo ma dettato da una scelta, spesso dura e dolorosa, mai superficiale....Le donne non devono essere oggetti e non devono essere lasciate sole. Occorre un supporto psicoterapeutico ed economico adeguato, ma l'ultima parola deve essere della donna....la grande madre della vita

Incrementare l’educazione alla procreazione responsabile”La legge 194, “pur scontando ritardi e omissioni applicative, a distanza di 30 anni dimostra tutta la solidità e la modernità del suo impianto tecnico-scientifico, giuridico e morale. Occorre supportarla”. Parola della Federazione degli Ordini dei medici (Fnomceo), che si schiera decisamente a favore della legge sull’aborto, tornata a essere oggetto di dibattito e di ’scontro’ politico, in un documento su diversi temi bioetici messo a punto durante la riunione del Consiglio nazionale della Fnomceo a Roma. Nel documento della Fnomceo si evidenzia come si debba sostenere la legge 194 “incrementando l’educazione alla procreazione responsabile, il supporto economico e sociale alla maternità soprattutto in quelle fasce di popolazione dove il ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza resta alta, quali ad esempio adolescenti ed immigrate”. I rappresentanti dei camici bianchi sono anche a favore della pillola abortiva Ru486, non ancora autorizzata in Italia: va data piena attuazione alla legge, sottolineano, “compreso l’articolo 15, laddove raccomanda ‘l’uso delle tecniche più moderne, più rispettose dell’integrità psicofisica della donna e meno rischiose per l’interruzione di gravidanza”. Nel testo si parla anche di pillola del giorno dopo, il contraccettivo d’emergenza che troppo spesso è difficile riuscire ad avere. “Non può incontrare surrettizie limitazioni - afferma la Fnomceo - che ostacolino la fruizione del diritto della donna che intenda prevenire una gravidanza indesiderata e un probabile successivo ricorso all’aborto”. Dai medici arriva anche il sì alla diagnosi preimpianto sull’embrione. I rappresentanti dei 103 Ordini provinciali dei camici bianchi si sono espressi anche “negativamente” sull’obbligo di impianto di tutti gli embrioni prodotti, tre al massimo. “La magistratura, con le recenti sentenze, ha confermato questa valutazione”, sottolinea la Fnomceo. A proposito dei nati estremamente prematuri, il documento sottolinea che “il medico, come sempre, quando sussistano possibilità di vita autonoma del feto, debba adottare tutte le misure idonee a salvaguardarne la vita, ispirando il proprio comportamento caso per caso, secondo un’appropriata e autonoma valutazione clinica, evitando ogni forma di accanimento terapeutico”. La Fnomceo ribadisce, inoltre, “il valore morale e civile di un processo di informazione e consenso che deve coinvolgere i genitori in scelte sempre drammatiche e difficili”. Prendendo in considerazione tutti i temi bioetici al centro del dibattito, ma anche della campagna elettorale, la Fnomceo ci tiene a precisare che il “Codice deontologico, oltre a essere una guida per i medici, è una sicura garanzia per il cittadino. Questioni così delicate - si legge nel documento - che si riferiscono a quanto di più intimo e personale coinvolga la donna, la coppia e la società, meritano grande rispetto e un confronto sociale e politico meno strumentale, meno ideologico, più attento al grande bagaglio di sofferenze che sempre accompagna questi tormentati cammini che ricadono sulle donne, spesso lasciate sole in queste drammatiche circostanze”.

fonte dica 33

Al di là delle ipocrisie, la vita psichica e fisica della madre va tutelata, oltre a quella del feto….

Non è un gesto dettato dalle mode o dall’egoismo ma dettato da una scelta,

spesso dura e dolorosa, mai superficiale….

Le donne non devono essere oggetti e non devono essere lasciate sole.

Occorre un supporto psicoterapeutico ed economico adeguato,

ma l’ultima parola deve essere della donna….

la grande madre della vita

Le categorie della guida