Questo sito contribuisce alla audience di

Uccisa Malalai Kakar, simbolo rinascita donne

“Abbiamo eliminato un bersaglio” L’essere umano non è un bersaglio, la donna è la terra, la madre della vita. Non è importante se lo han fatto i talebani o dei cretini patentati....Uccidere è facile e non c’è alcun orgoglio nel farlo, se i cretini del mondo provassero 9 mesi di gravidanza e a partorire si potrebbero astenere dal gloriarsi di un gesto idiota, un click. Non c’è onore a giocare ai soldatini, bambini non cresciuti …..e senza onore.

Kabul, uccisa
Malalai Kakar, simbolo rinascita donne

E’ stata uccisa davanti alla sua casa a Kandahar, Malalai Kakar, celebre poliziotta afghana. Malalai Kakar era un’eroina nazionale, simbolo della rinascita femminile nell’era post talebana. La donna era uscita dalla sua abitazione ed era appena salita in auto per recarsi al lavoro, al dipartimento crimini contro le donne di Kandahar, che dirigeva da circa due anni. Un commando ha aperto il fuoco e la vittima è morta sul colpo.

Malalai è stata colpita alla testa mentre uno dei suoi sei figli è rimasto gravemente ferito. Secondo i medici il giovane è in coma all’ospedale di Kandahar.

L’assassinio è stato rivendicato dai talebani: “Abbiamo ucciso Malalai Kakar. Era un nostro bersaglio e con successo abbiamo eliminato il bersaglio”, ha affermato un portavoce, Yousuf Ahmadi.

Proveniente da una famiglia di agenti di polizia, Malalai entrò nell’arma nel 1982. Durante il regime dei talebani le fu impedito di lavorare. Ma lei non si scoraggiò e, dopo la caduta degli studenti del Corano, nel 2001, fu la prima donna di Kandahar ad arruolarsi. In un’intervista del 2004 alla Bbc, raccontò di indossare il burqa durante il lavoro: una sua scelta, nessuno l’aveva forzata a farlo, e in molte occasioni si era rivelato utile durante le perquisizioni. Fonte Tgcom

Abbiamo eliminato un bersaglio

L’essere umano non è un bersaglio,

la donna è la terra, la madre della vita.

Non è importante se lo han fatto i talebani o dei cretini patentati, quello che importa è che all’inno alla morte noi esseri umani sostituiamo l’inno alla vita.

Uccidere è facile e non c’è alcun orgoglio nel farlo, se i cretini del mondo

provassero 9 mesi di gravidanza

e a partorire si potrebbero astenere dal gloriarsi di un gesto idiota,

un click.

Non c’è onore a giocare ai soldatini, bambini non cresciuti …..

e senza onore.

Così rimuore Benazir Bhutto…..

Le categorie della guida