Questo sito contribuisce alla audience di

Buon Natale Sonia Parte V

nel tuo viaggio…di ritorno…contando…numero…7…e…poi…numero…6…puoi…renderti conto…che…sei… sopravvissuta…a quella…cosa là…perché…qualche cosa…ti…ha…protetto…e e…ti…protegge…e…ti proteggerà…ancora…


Corso di Comunicazione Psicoterapia ed Ipnosi Ericksoniana Udine 8 luglio 2009 Ordine dei Medici Ore 19,00….La regressione spazio temporale….

Buon Natale Sonia Parte Quinta subcapitolo XXVII

nel tuo viaggio…di ritorno…contando…numero…7…e…poi…numero…6…puoi…renderti conto…che…sei… sopravvissuta…a quella…cosa là…perché…qualche cosa…ti…ha…protetto…e
e…ti…protegge…e…ti proteggerà…ancora…Forse…è…il tuo…angelo…custode…o…forse…è…
semplicemente…qualcosa…che…è…dentro…di te…e…che…lavora…per il tuo bene…e…che…ti…
protegge…dal male…Molto bene…
Ora…contando…numero… 5…ti tocco…le gambe…le braccia…la fronte…Molto bene…Puoi…
Sciogliere…tutte…le ultime…tensioni…puoi…sciogliere…il tuo…corpo…allo stesso modo…in
cui…hai sciolto…la tua …mente…
Vedo…che…muovi…le labbra…Vuoi…parlare…Vuoi…dirmi…cos’era X?… Non importa…dirlo
…Il mio inconscio…sa…cos’era…lascia…che…comunichi…con il tuo…alla sua…maniera…
Molto bene…Ora…ti toccherò…di nuovo…contando…4…poi…3…e…2…e…alla fine…il numero 1…
Ti toccherò…la fronte…le gambe…le braccia…ed…al numero 1…aprirai…gli occhi…E…dopo…
se vuoi…puoi…scrivere…cos’era…X…su un foglio…di carta…e…poi…lo metterai…dentro…una busta…e…dopo…tu…me la consegnerai… Allora…io salirò al piano di sopra senza aprirla…tu intanto andrai alla finestra di questa stanza e ti sporgerai fuori…ed io dal piano di sopra strapperò la busta in tanti piccoli pezzettini…che ti cadranno addosso come piccoli e minuscoli fiocchi di neve…Buon Natale…Sonia…”
Sonia pensava che scherzassi. Lo facemmo sul serio. Le piacque molto.
Poi mi disse: < < Sai prima ho vissuto anche la mia morte! >>
Io le risposi: “ Eri andata troppo avanti vero? Oppure troppo indietro ed hai visto qualcosa che è successa prima della tua nascita. Chi lo sa? La prossima volta andremo a vedere cosa c’è dietro la linea dell’orizzonte. L’unico problema della morte è che non puoi più fare delle cose l’indomani ed è per questo che io cerco di farle tutte oggi! Sai, una volta, sul giornale, ho letto sugli annunci mortuari di un signore che aveva il mio stesso nome, cognome, anche l’età era all’incirca la stessa, inoltre era anche lui dottore. Quel giorno ho ricevuto un sacco di telefonate di condoglianze! Ed io pensavo: che bello, ora che sono morto posso dire e fare tutto quello che voglio! Ma poi mi sono reso conto che già avevo fatto tutto da vivo, allora ho lasciato perdere e ho continuato a vivere!”
Nella ristrutturazione temporale -o regressione- è difficile non lasciarsi andare alla ricerca di noi stessi e del nostro passato.
In ogni caso, qualsiasi cosa troveremo in questo percorso all’indietro fino al dolce dondolio del grembo materno, sarà un qualcosa che siamo stati ma che ora non siamo più o, sarebbe meglio dire, non siamo più solo quello.

Ricordare si….ma non basta ….è necessario rivivere l’evento in modo che sia diverso da come prima è accaduto
Tornare indietro per rivedere con occhi diversi, occhi nuovi, con occhi da bambino direbbe Erickson in modo che diventi un’altra storia

Gilberto Gamberini

fonte www.gilbertogamberini.it

Copyright © 2004-2009 [Gilberto Gamberini]. Tutti i diritti riservati.

Le categorie della guida