Questo sito contribuisce alla audience di

Terremoto Haiti I bambini del non ritorno

per vincere il loro senso di colpa di essere sopravissuti, per vincere la loro rabbia di essere stati lasciati soli....


Le autorità, i medici, gli psicoterapeuti
della protezione civile
dovranno loro spiegare e rispiegare tutto questo:
che è necessario continuare a cercare quei genitori:
perché, per quei bambini, ritrovarsi qui, senza i loro genitori significa ammettere la loro morte, e questo loro non lo vogliono.

Le autorità, i medici, gli psicoterapeuti
della protezione civile
dovranno loro spiegare e rispiegare tutto questo:
che è necessario continuare a cercare quei genitori:
per vincere il loro senso di colpa di essere sopravissuti,

che è necessario continuare a cercare quei genitori:
per vincere il loro senso di colpa di essere sopravissuti,
per vincere la loro rabbia di essere stati lasciati soli,
che, si può tradurre, anche,
in un paradossale odio verso quegli stessi genitori dispersi,
odio che è in realtà amore,
ma anche rabbia per quell’amore perduto,
e che si è “lasciato perdere”
per aver lasciato quella terra,
per averli lasciati là…


Tutto questo sentirà quel bambino
e se lo porterà nel cuore,
lo maschererà con un sorriso,
lo terrà chiuso dentro di sé,
fino a farlo esplodere in un gesto di rabbia.
E’ bene che urli quel bambino e che sfoghi tutto il suo dolore.
E’ bene che tutto questo esca da lui
e che impregni quello che lo circonda e non la sua anima.
Per evitare la PTSD, la Sindrome da Stress post Traumatico.

Gilberto Gamberini

www.gilbertogamberini.it

Copyright © 2004-2010 [Gilberto Gamberini]. Tutti i diritti riservati.

Le categorie della guida