Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Terremoto Haiti I bambini del non ritorno

    per vincere il loro senso di colpa di essere sopravissuti, per vincere la loro rabbia di essere stati lasciati soli....

  • Haiti Lo stress post traumatico da terremoto

    la risposta allo stress e alla paura non cessa quando cessa l’evento traumatico, ma persiste, come se l’evento continuasse, senza fine.

  • Terremoto Haiti Ansia del noto e del ritorno

    In tutti quei momenti, si preferisce non tornare….

  • Terremoto Haiti L'ansia dell'ignoto e del ritorno

    quando tutto quello che avevano lasciato non c’è più: affetti che sono svaniti nell’aria come un sogno del mattino.

  • Lo stress rende infelice anche chi dovrebbe curarlo

    è preso dal tarlo della infelicità, del non essere, del nulla che avanza sul pieno si lascia mordere da quel vampiro famelico del ricordo del dolore e dell’angoscia e, prenda chi prenda, a casaccio, distribuisce la morte e il dolore senza discriminare a chi la dà, come un guerriero dell’apocalisse.

  • Ansia motoria

    Il termine ansia è improprio … stai talmente bene che non vorresti più fermarti il tuo metro la tua misura è il benessere…. non l’ansia…. Se ti dedichi con frenesia a quello che stai facendo significa soltanto che ne stai traendo sempre più piacere…..Nell’ansia non sei sintonizzato con te stesso…. Ma con mille radio che ti parlano lingue sempre più indecifrabili…qual è il tuo metro? Stai superando i tuoi limiti, le misure che te stesso e gli altri ti avevano dato…. vuoi brillare, certamente…. Vuoi vincere ma vuoi farlo in modo lecito ….. Senza overdose di farmaci e di stupefacenti….Ti affranchi da ciò che eri…. Sei nato sgorbio e vuoi divenire semidio e goderti l’alloro della vittoria…. Goditela…......In TV su Telesanterno dal 1 ottobre 2007 ogni giorno ore 13,15 in replica notturna ore 01,15

  • Ne uccide più il PTSD che la guerra……

    le persone che portano in se le conseguenze della guerra, dei propri gesti compiuti o subiti …. sono molte di più…. Vittime e carnefici allo stesso tempo o in tempi diversi……La guerra è un elemento destabilizzante dell’animo umano….. Se la guerra fosse così in sintonia colla psiche maschile…. perché così tante devastazioni a livello psichico……?..... volte il ritorno è peggio di una guerra..... Ma.... a volte è una guerra quotidiana il mal vivere....

  • Quale mestiere non fareste mai?

    Per scoprire qualcosa di nuovo di te devi fare qualcosa che non conosci….. forse l’ignoto ha questo fascino...Oppure se hai un mestiere che non ti piace cosa faresti per cambiare qualcosa del tuo mestiere che te lo renda piacevole…. sarebbe già un passo successivo…. una evoluzione…....A volte focalizziamo sul lavoro un problema che nasce da noi e che dentro di noi dovremmo risolvere…. Potremmo definirle situazioni di falso mobbing, situazioni in cui nessuno ci aggredisce, siamo noi che lo facciamo non accettando l’ambiente che ci circonda.....Diceva in una sua canzone Celentano “chi non lavora non fa l’amore” …....Chi non lavora e ha uno stipendio basso non fa l’amore……se la nostra società ti emargina dal lavoro ti emargina anche dalla tua vita privata….A volte la mente crea degli inganni ….delle generalizzazioni Forse conosciamo qualcosa ma non tutto sulle cose anche riguardo a quello che non faremmo mai…ogni mestiere può essere orribile o bellissimo dipende da come lo fai e dal contesto in cui lo vivi…....In TV Su Telesanterno in "Dolce e amaro" Ore 13,15 Martedì 30 Gennaio, Mercoledì 31 Gennaio, Giovedì 1 Febbraio. Ore 23,15 Venerdì 2 Febbraio

  • Lo Tsunami Non finisce mai PTSD

    Un mare amico fonte di sostentamento diviene nemico.....un tradimento.... onde che ti cullano che divengono incubo....Equilibrio interrotto quello tra l'uomo e la natura che lo circonda....Disastri "naturali" e guerre causano, oltre la morte, nei sopravissuti uno stato di shock traumatico....eventi che l'uomo non riesce a metabolizzare....la psicoterapia di guerra e di pace...propone dei lenimenti e degli accoglimenti.... ma oltre a questo il ruolo dell'uomo può essere grande....far comprendere a chi comprende solo la la lingua della propria sofferenza che non sono soli....e che la loro sofferenza è anche la nostra....perchè è la condivisoine la chiave di volta di una umanità diversa.....

  • PTSD La grande piccola guerra quotidiana del mal vivere

    ricordi intrusivi del trauma, che si concretizzano in 'flashback' della situazione negativa vissuta ....A volte si arriva ad attacchi di panico, paura o aggressività scatenati da stimoli che producono un improvviso ricordo o ripropongono il trauma. .....in molti casi... può evolvere in una modificazione permanente della personalità....la malattia delle conseguenze della grande guerra globale e della grande piccola guerra quotidiana che assilla ognuno di noi....e che in qualche caso può divenire disperazione......la malattia del vivere, del mal vivere, della incertezza quotidiana che ti allontana dai porti sicuri della tua vita e ti trascina al largo nel mare crudele.... come per Ulisse...nel vortice tra Scilla e Cariddi....in balia di Giganti che ti possono solo mangiare... la vita è un viaggio....ma sempre più appare come un viaggio tormentato...in balia di eventi che sfuggono di mano e che colpiscono sempre di più ignari cittadini, colpevoli solo di vivere.... PTSD la sindrome che accomuna ricchi e poveri...ma che come sempre per questi ultimi si somma a precedenti frustrazioni e dolori... perchè la sofferenza psichica segue i suoi sentieri al di la di quello che la ragione propone.... Sindrome del non ritorno...sindrome del viaggio che continua e che non finisce mai senza un porto sicuro a cui approdare....

Le categorie della guida