Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

« precedenti 10 | prossimi 10 »
  • Formation a l'Hypnose

    Institut de Nouvelle Hypnose.....Bruxelles....

  • Il mio pisello è più verde del tuo

    il nuovo libro del dottor Angelo Bona.....

  • In intensiva, supporto anche al parente

    Il 51 per cento delle famiglie prese in esame aveva subito la perdita di un congiunto durante un ricovero in terapia intensiva. Questa parte del campione ha fornito la conferma all’ipotesi dei ricercatori:conta molto il diverso rapporto umano riservato ai parenti di pazienti deceduti. Questi hanno infatti riferito che il personale del reparto ha dedicato loro molta attenzione con particolare riferimento a fattori come il supporto nel momento di prendere decisioni critiche, il supporto emozionale, il rispetto e le compassione mostrate, tutti gli aspetti possibili della comunicazione, insomma. Lo studio suggerisce di estendere questi comportamenti positivi anche alle famiglie dei pazienti che fortunatamente escono vivi dalla terapia intensiva, cercando di bilanciare gli sforzi di comunicazione tra paziente e famiglia....

  • Il prezzo della guerra

    la difficoltà maggiore consiste nel distinguere il danno cerebrale traumatico dal disturbo post traumatico da stress, due entità che presentano alcune caratteristiche comuni e differenze spesso troppo sottili da rilevare....Oltre alla epilessia post traumatica..... Danni somatici e danni psichici molto vicini fino a sfiorarsi e che la drammaticità della guerra ha fatto emergere....il suicidio da PTSD....o il suicidio per il dolore o per la non accettazione della nuova condizione di invalidità....oppure il semplice ritorno, a qualcosa che per sempre è cambiato.

  • Via il fumo, ma non la nicotina?

    la nicotina è una sostanza edonistica psicoattiva e che, in fin dei conti, non si devono assumere droghe. E’ vero, ma lo è anche la caffeina, psicoattiva e stimolante, eppure nessuno fa crociate. A questo proposito, uno dei geni del secolo scorso, lo scrittore, e medico, Louis Ferdinand Celine, scrisse che l’arrivo del caffè aveva salvato la Gran Bretagna del 600 dagli effetti sociali del grande consumo di birre a elevata gradazione alcolica. Non tutti gli eccitanti, insomma, vengono per nuocere.....

  • Il cuore si fa prendere dal panico

    Si affievolisce sempre di più il confine tra la malattia della mente e la malattia del corpo al punto che una può rappresentare un fattore di rischio o una conseguenza dell’altra. E’ stato più volte dimostrato il sottile legame tra la depressione ed eventi cardiaci ....Quando l’ansia fobica, cioè la paura irragionevole che si prova in determinate circostanze (luoghi chiusi, altezze, solitudine, folla) compare in modo improvviso e sporadico e accompagnata da un senso di profondo malessere e altri sintomi cognitivi, si è in presenza di un attacco di panico, tecnicamente ansia parossistica episodica.....

  • Matrimoni al cardiopalmo

    lo stress e l’ansia provocati da relazioni sentimentali ostili possano aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiache....il matrimonio, come nel caso in questione, fa ammalare. Uno studio degli Archives of General Psychiatry ha evidenziato come lo stress matrimoniale, possa rallentare i tempi necessari perché banali ferite si rimarginino. Infine un recente studio del Journal of the American College of Cardiology ha evidenziato il ruolo dei fattori di rischio psicosociale nell’insorgere delle malattie cardiache....In pratica se volete fare ammalare qualcuno.... fatelo arrabbiare ciò funziona in base al grado del coinvolgimento affettivo ed emotivo.... Ricetta: Non arrabbiattevi... ci perderete in salute e forse in vita.... cambiate direzione alla vostra nave lasciate l'odio dietro di voi... Ricercate altri lidi....

  • Ferite di guerra non si rimarginano

    persone che tornate in patria, sane e salve, devono superare o convivere con quello che nella pratica psichiatrica viene chiamato disturbo post-traumatico da stress.... Circa un anno fa, il Dipartimento della Difesa statunitense ha condotto uno screening tra i soldati e i marines tornati dall’Iraq e dall’Afghanistan, per identificare quali fossero le condizioni della loro salute mentale....l’aumento del numero di casi di suicidi denunciato dal network televisivo americano CBS: nel 2005 si sono tolti la vita 6256 ex-militari veterani non solo dell’Iraq o dell’Afghanistan, con un tasso quattro colte superiore rispetto alla media dei coetanei. L’emittente denuncia anche le problematiche economiche e sociali di una categoria che incontra difficoltà nel trovare lavoro e spesso finisce per vivere di espedienti....Anche i nostri soldati ne hanno sofferto.... ma il silenzio è d'oro psicologicamente tornando da Nassiria....

  • Non esiste il genitore perfetto

    l’esistenza di una relazione tra “l’abbandono” e gli incidenti e hanno evidenziato l’importanza delle caratteristiche dei genitori, dei figli nonché dell’ambiente di provenienza. Per esempio i genitori che hanno comportamenti più spregiudicati, tendenzialmente cresceranno i figli in modo spregiudicato, lasciandoli da soli prima....quanto più è alto il grado sociale tanto più a lungo viene seguito il figlio, nei ceti più bassi invece si è autonomi e indipendenti prima....forse esiste ... è quello che ti ama e che pur spesso sbagliando ti segue nel cammino della vita un padre che ti sia accanto

  • Epilessia e suicidio

    tre volte più probabile ...rivela la ricerca....A mio parere non si colgono le motivazioni....Grandi uomini hanno sofferto di questa malattia,peraltro modernamente controllabile con livelli di qualità della vita ottimali....

Le categorie della guida