Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • L'automobile rende l'essere umano più affascinante?

    Una persona visiva darà più importanza alla estetica, viceversa una persona che dà più importanza alle sensazioni, dipende dal modo con cui una persona fotografa la sua realtà....Aspirazione di molti uomini di avere una bella auto che ti metta nelle condizioni di avere una bella donna, forse compensazione della propria aridità, si preferisce coltivare il cemento del muro di cinta piuttosto che coltivare il proprio giardino interiore....paradossalmente se tutti fossero su un auto bella finiremmo per guardare l’unico che passa in bicicletta…perché ciò che attira in fondo è ciò che si mostra diverso dagli altri……

  • Nomen homen......Cambiare il destino

    il cambiare un nome, cambiare una etichetta con la quale finora ti conoscevi e ti conoscevano può significare l’inizio di un grande cambiamento. Il nome quasi un nuovo battesimo ti codifica una nuova vita a cui tutti hanno diritto anche chi nasce col nome....con un destino avverso…..Su Telesanterno in "Dolce e amaro"al Martedi, Mercoledì, Giovedì ore 13,15 al Venerdì ore 23,15

  • M.H.Erickson I messaggi subliminali II

    Osservare liberandosi dai preconcetti e dalle idee precostituite che ti impediscono di vedere. E’ un concetto dolcemente ossessivo quello di Milton H. Erickson che accompagnerà tutta la sua psicoterapia e che iniziò fin dalla sua infanzia. Era forse quella la sua magia.Osservare, guardare, poter vedere al di la dei muri e delle apparenze......Il tono della voce il modo di dire le cose,al di la delle cose che venivano dette, il suo atteggiamento corporeo, il suo modo di muoversi, il suo modo di guardare, il suo trasalire ...con apparenti divagazioni e storie che raccontava, permetteva a Milton H. Erickson di comprendere chi aveva di fronte...ma non era lettura del pensiero....

  • Osservare:Potenziare le capacità percettive e l'Apprendimento

    Erickson diceva: "Vedete io avevo un grandissimo vantaggio sugli altri; avevo avuto la poliomielite ed ero totalmente paralizzato… Come facevo a divertirmi? Cominciai ad osservare le persone e l’ambiente. Ben presto imparai che le mie sorelle potevano benissimo dire no quando volevano dire sì. Oppure potevano dire sì e contemporaneamente intendere no… Così cominciai a studiare il linguaggio non verbale e il linguaggio del corpo." .... Sul potenziare le capacità percettive, Erickson raccontava il caso di Arthur, uno studente che al momento dell’esame alla Università era talmente bravo ed esaudiente nelle risposte che il professore ebbe il dubbio che Arthur conoscesse già in anticipo le domande che stava ponendo. Arthur non era uno studente modello, uno sgobbone, lo si vedeva spesso in giro e non sembrava studiasse gran che, e comunque molto meno di altri che avevano un rendimento assai diverso. Quale era il segreto di Arthur?…

  • OSSERVARE: Punti di Vista, il Pensiero Divergente

    Le cose non sono sempre quelle che osserviamo con gli stessi occhi ma possono mutare, a seconda dei punti di vista considerati. Una casa è una casa e non cessa di essere una casa, anche se guardata da punti di vista diversi, ma, è comunque una diversa casa....Milton H Erickson considerava il cambiamento del punto di vista come la cosa più importante che si poteva ottenere da una terapia, perché segnava inizio di un mutamento, che sarebbe poi proseguito a cascata: se io cambio il mio modo di guardare alle cose le affronterò in modo diverso, cosicché otterrò risposte diverse... Il pensiero convergente, centripeto, brucia lo spazio, occupandolo tutto e si approfondisce nel nostro io, soffocandolo. Il pensiero divergente può muoversi i tutte le direzioni, a raggiera, come i petali di un fiore, e conquista sempre più nuovi spazi, man mano che si allarga… Qualsiasi problema, elaborato in modo convergente, si stratifica su precedenti pensieri, come se fossero strati geologici sedimentati, è un imbuto rovesciato, che prima o poi viene colmato saturato e diviene un peso insostenibile, che l’essere umano non riesce a gestire e a sopportare. Ed a volte pur di liberarsi da quell’eterno insopportabile brusio della vita, sceglie l’apparente serenità della morte. Il pensiero divergente, non ha una ideologia, la trova strada facendo, nei suoi percorsi, che possono andare in tutte le direzioni , come una opportunità che si rinnova, come una vela che non percorre un percorso fisso, ma segue il vento e più si allarga e più aumenta e si dilata la sua conoscenza ....componendo il puzzle della propria esistenza.

  • OSSERVARE: dall'Esperienza Immaginata a quella Realizzata

    Tante cose mutano ed evolvono nel tempo, solo che ce ne dimentichiamo. Un tempo eravamo piccoli e potevano dirci di fare questo e di fare quello, d’altra parte la nostra naturale curiosità cozzava con la nostra inesperienza. Ora, da adulti... i limiti che abbiamo sono solo quelli che ci diamo noi. L’inconscio non ha limiti ma solo potenzialità inespresse che possono aprirsi in tutte le direzioni. “...“L’inconscio elabora in modo analogico attraverso i canali sensoriali ed immagina tutto quello che è possibile immaginare. Una volta create, le nuove alternative possono essere valutate a livello inconscio. La persona sceglierà la migliore per lei in quel momento e potrà realizzarla a livello immaginativo. L’esperienza immaginata diventa la base dell’esperienza realizzata""è fondamentale come mi sento e come mi percepisco io. Se io dentro di me mi sento libero, il fatto apparentemente limitante di non esserlo veramente ancora, diventa solo un fattore temporale che inevitabilmente si realizzerà." "“ Ristrutturare significa cambiare l’atteggiamento o punto di vista concettuale e/o emozionale in relazione al quale una situazione viene vissuta e porla entro un’altra cornice.” .. “ Ciascun problema ha in sé un passato e un futuro… Se pensate che ogni problema è il primo, non avete nessuna ansietà proveniente dal passato. Avete eliminato il passato e potete cambiare il futuro.”…"Comunque sia stato il passato, possiamo modificare il futuro, affrontando il domani in modo diverso. L’esperienza angosciosa del passato può diventare la base, per costruire diversamente il mio futuro..."

  • OSSERVARE:IlTeatro, la Mente CheSiApre come FioreCheSboccia

    il teatro è un qualcosa di interattivo e dove sono posizionato corrisponde a interattività diverse. Nel teatro mutano i nostri rapporti visivi, percettivo sensoriali, auditivi....

  • OSSERVARE: la Vita è Solo una Questione di Punti di Vista

    Milton H. Erickson, assieme ad un suo studente, stette un intero giorno a considerare il modo per fare o non fare una certa cosa, e le sfumature furono infinite...“potrei uscire da questa porta e rientrare dalla stessa oppure rientrare dall’altra” “Non basta” disse Milton H. Erickson… prima di rientrare, potresti fare un giro da qualche parte e quel viaggio ti cambierebbe.......Bisogna focalizzare la nostra attenzione, oltre il limite apparente delle cose. Tante cose sembrano in un modo e, poi invece, possono essere in un altro, basta saper guardare. La vita è solo una questione di punti di vista.

  • OSSERVARE: i Mutamenti del "Se" che trasfigurano in un quadro

    I suoi quadri erano puliti, le strade erano linee rette, tracciate in modo deciso, ma sfumato, come se non ci fosse nulla su cui soffermarsi, e così i palazzi e le case delineate e precise ed allo stesso tempo sorvolate, come se nulla di importante fosse accaduto nel loro interno, gli alberi possedevano una chioma ben delineata, un limite, che li isolava dal cielo ed il cielo sfumava verso la sommità della cornice che racchiudeva il tutto con eccessiva importanza....Dopo i 18 anni....I suoi quadri mutarono... Le linee diventarono curve e disordinate I colori diventarono vivi accesi, dei falò che bruciavano, in un infernale miscuglio di colori che si mischiava a tratti discontinui....Gli alberi saettavano verso il cielo e lo invadevano...E quei colori non si fermavano al cielo ma traboccavano verso la cornice senza fermarsi ....Dopo una lunga terapia ...Un ritorno alle linee rette, sulle quali però si soffermava, aprendo dei varchi e delle parentesi interiori, i colori si erano attenuati senza per questo tornare alla monotonia iniziale..i confini delle cose emergevano nella loro chiarezza, gli alberi sia pur con i forti colori da cui erano espressi erano sormontati da confini chiari senza soffocarne però l’anima, che riusciva ad esprimersi....La cornice del quadro riassumeva il suo ruolo di cornice non occorreva molte volte chiedergli come stava, bastava chiederlo ai suoi quadri, bastava osservare i suoi quadri.

  • OSSERVARE: l'Occhio Innocente

    Sigmund Freud parlava di magia della parola, Milton H.Erickson era un mago: recuperare "il sentire"e la sensibilità di un bambino all’inizio del mondo, per scoprire il nostro mondo interiore, è sicuramente una grande e pur semplice magia. Ed allora lasciamo che il mondo si popoli di maghi, e di magici Elfi del mondo parallelo. Lasciamo che gli uomini parlino all’apparente magico nulla piuttosto che solo a se stessi e per se stessi...."guardate una bella persona o un qualunque oggetto come fosse la prima volta che lo vedete" …abbiamo perso l’abitudine di non vedere oggetti familiari, gli amici, la famiglia "Dicono che non c’è niente di nuovo sotto il sole. In realtà non c’è niente di vecchio" Solo gli occhi diventano vecchi, abituati alle cose; allora niente è nuovo. Per i bambini ogni cosa è nuova: è per questo che ogni cosa li eccita. .."Guardate con occhi nuovi, come se fosse la prima volta…Ciò darà nuova freschezza al vostro sguardo. I vostri occhi diventeranno innocenti. Occhi così innocenti sono in grado di vedere. Occhi così innocenti sono in grado di penetrare nel mondo interno."" …"Osservate i bambini piccoli quando disegnano "è una stalla? No, è una mucca. No, è un albero"Il disegno è qualsiasi cosa loro vogliono che sia...."Mandai uno dei miei pazienti, un eroinomane, a sedersi sul prato, fino a che non fece una fantastica scoperta. Era un allergologo, e aveva una fenomenale percezione dei colori. Dopo un ora e mezza che se ne stava seduto sul prato, entrò di corsa in casa e mi disse: "ma lo sapeva che ogni filo d’erba ha una gradazione di verde diversa? ..Se si vuole proprio parlare di tecnica di uno psicoterapeuta, questa può essere una tecnica, esercitarsi per capire le cose, calandosi nelle cose, osservando le cose....

Le categorie della guida