Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Per un orso chiamato Bruno Italia batte Germania 1-0

    pretendere che un orso sia come l’uomo esattamente vuole….negando la sua natura animale mi sembra una idea balzana…. ..La Germania ha ucciso l’unico esemplare che per ignoranza sua ha scelto il luogo e la nazione sbagliata…. L'Unione Europea, probabilmente, sanzionerà la Germania per tale atto... Per tale sensibilità, rispetto ed amore animale….. Italia batte Germania 1-0 nei mondiali altrettanto importanti di quelli del calcio…. In ogni caso.... Azzurri....non fatevi intimidire... Forza Azzurri.... la zampata di Bruno sia con voi.....

  • Muore gatto, addio sul Giornale...

    Nell'annuncio, su otto colonne e con un' altezza di 11 centimetri a pié di pagina, la foto del gatto Polì e i messaggi di addio, in parallelo, della famiglia e dello stesso felino. Polì saluta e ringrazia uno per uno tutti i componenti della famiglia, ricordando con "pignoleria felina" il perché dei particolari legami con ognuno di loro e aggiungendo i ringraziamenti ai veterinari che lo hanno assistito nella prima e ultima malattia avuta in vita sua. "Siamo cresciuti insieme e con tutti voi - è scritto nello spazio attribuito al gatto - ho trascorso una vita bella, serena e anche se non potevo parlare ho sentito, ascoltato e vissuto le vostre singole storie di vita. Non piangete, sono solo un gatto!"...

  • Psicoterapia Ericksoniana della non evoluzione:

    Psicoterapia Ericksoniana della non evoluzione:...Il Palio animale sempre più simile al palio degli uomini....A Ferrara: un bilancio da guerra tre cavalli azzoppati, uno abbattutto, un secondo in attesa di.... un terzo con la zampa ingessata.....valori numerici....che hanno perso il significato di altri valori.... ...la mattanza continua.... come in una antica arena romana.... attendiamo il sangue.... l'unica cosa che oramai può stupirci.... dimentichi di altri stupori e di altre emozioni....

  • Insostituibili rapporti tra specie

    poiché l’animale domestico è un essere vivente e non un oggetto, assume ruoli diversi a seconda che il suo interlocutore principale sia un bambino o un anziano, o che si relazioni con la famiglia come complesso. In tutte le tre macro-aree, tuttavia, possiamo ritrovare come fil rouge la sensazione di benessere e pienezza di esperienza che il rapporto con l’animale domestico porta con sé”....

  • Pet Therapy Psicoterapia che aiuta i bambini e gli autistici

    Il Pet:l’animale, diviene una metafora vivente, una fantasia che prende corpo, che interagisce senza prendere il bambino in mezzo. Diviene una psicoterapia, una psicoterapia umana ed animale. Bambino a volte stritolato dalla sua malattia e dal terapeuta. L’animale, accondiscende, accompagna in questo viaggio, e l’animale accarezza e manifesta la sua affettuosità senza le paure di loro stessi che hanno gli uomini. La paura dell’uomo deve andarsene e sublimarsi quando si avvicina ai cuccioli di uomo, altrimenti i cuccioli fuggono, anche se non fisicamente nel loro mondo ad imbuto rovesciato….. L’animale fornisce al bambino un senso del dare e dell’avere puramente affettivo, e non meramente utilitaristico come quello fornito dall’uomo.

  • Il calendario di Paco Una zampata piena d'amore

    Una zampata piena d'amore per un anno di felicità ....Animali soli come l'uomo, Animali come compagnia per quelli che li ricercano, animali capaci di gesti che l'uomo ha dimenticato, animali come psicoterapia, animali per curare ed affrontare malattie come l'autismo, animali come metafora. Animali, la presenza, la forza del loro ricordo, animali, natura e uomo, uno e trino come la sopravvivenza e l'amonia dell'universo

  • Reality show animali per dimenticare gli uomini

    I telespettatori cechi, stanchi di vedere gli esseri umani scimmiottare la vita vera nei 'Reality Show', seguiranno ora la vita dei gorilla. Gli attori saranno i gorilla dello zoo di Praga...Osservare per imparare, per cogliere altri punti di vista, osservare per comprendere una diversità. Questo dovrebbe essere lo spirito del guardare: una ricerca. Un carpire, un cogliere una diversità, un intrattenimento che ti porti lontano dal tuo quotidiano... Una emozione che si sublimi in tenerezze e sentimenti buoni....come nei vecchi film di Frank Capra.... Angeli che popolino i sogni fino a confondersi con la realtà... E chissà forse il desiderio arcano di divenire, anche per un solo giorno, quello che non siamo mai stati..... Noi ci nutriamo di quello che troviamo dentro di noi e di quello che assorbiamo intorno a noi, siamo come un mitile, che tutto filtra e tutto trattiene.....Reality show animali per imparare a conoscerli, per imparare da loro gesti umani che gli uomini hanno dimenticato....

  • La fattoria degli Animali di George Orwell

    Tutto ciò che cammina su quattro gambe o ha ali è amico. E ricordate pure che nel combattere l'uomo non dobbiamo venirgli ad assomigliare. Anche quando l'avrete distrutto, non adottate i suoi vizi. Nessun animale vada mai a vivere in una casa, o dorma in un letto, o vesta panni, o beva alcolici, o fumi tabacco, o maneggi danaro, o faccia commercio. Tutte le abitudini dell'uomo sono malvagie....emerge tra loro una nuova classe di burocrati, i maiali, che con l'astuzia, la cupidigia e l'egoismo che li contraddistinguono si impongono in modo prepotente e tirannico sugli altri animali più docili e semplici d'animo....Un nuovo mondo, che sarà nuovo solo nella forma ma non nel contenuto, perché le ragioni comunque elaborate e differenziate, dei maiali, sono quelle di sempre, quella dei padroni che hanno il tempo di ragionare, i mezzi per imporre le proprie ragioni, la stupidità che rende queste ragioni eterne e mai discutibili...Un ruolo può cambiare o indirizzare l’anima....Non c'era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all'uomo, dall'uomo al maiale e ancora dal maiale all'uomo, ma, già era loro impossibile distinguere tra i due" Urlavano allo stesso modo,vestivano tutti gli abiti degli uomini, mangiavano ritti sulle due zampe, e uomini e maiali decidevano del destino degli animali fuori. L’animalità è una condizione, l’animalità è un non privilegio, l’animalità non è un fatto di natura.

  • Schizofrenia: Pet Therapy La Medicina per combatterla

    "Pet therapy nuova 'medicina' contro la schizofrenia. A promuvere l'utilizzo degli animali da compagnia, in particolare dei cani, come arma per migliorare l'autostima, le capacita' reattive e la qualita' della vita dei malati e' uno studio israeliano pubblicato sulla rivista 'Psychotherapy and Psychosomatics'." "la pet therapy sia efficace soprattutto contro un sintomo della schizofrenia resistente alle cure tradizionali: la cosiddetta 'anedonia', cioe' l'incapacita' di trarre soddisfazione da esperienze ritenute in genere piacevoli." Sono le persone sensibili ed emotive quelle che maggiormente traggono beneficio dal rapporto con l’essere animale, perché nell’essere animale ritrovano le stesse caratteristiche che non ritrovano negli altri esseri umani. Gli schizofrenici si potrebbero definire degli “ultrasensibili” che sentono tutto in modo eccessivo sulla loro pelle, nella loro anima e nella loro testa. La “Porta Animale” Nello schizofrenico, che inverte e confonde la realtà, con desiderio di realtà irreale fatta di un misto di sogno e fantasia, intercalato da ragionamenti complessi, secondo uno schema mentale “molto” personale, si può generare una diversa attenzione da se stesso, una sua ripolarizzazione verso l’esterno che prima non valutava e non comprendeva. Nello psicotico schizofrenico, nel rapporto essere uomo ed essere animale, può nascere a volte un concetto stranamente invertito. “Non sono gli animali a farti compagnia, perché sono loro che hanno bisogno di compagnia…sei tu che devi fare compagnia a loro” Se un paziente dice una cosa del genere, apparentemente paradossale ed invertita, oltre a dimostrare una grande sensibilità ed intuizione verso l’essere animale, significa che ha compreso un suo nuovo ruolo: che esiste “un qualcuno” oltre se stesso. Si sente necessario ed importante per uno scopo dapprima impensato, ed attraverso la scoperta di questa motivazione, rientra nel mondo degli esseri umani attraverso la “porta animale” e cessa di restare nel suo mondo a parte. l’animale come compagno, l’animale come essere con cui confrontarsi, l’animale come “essere” sosteneva Konrad Lorenz dotato di una sua sensibilità e di una sua coscienza, con gioia e sofferenza animale, non codificata ed estrinsecata necessariamente su quella umana. Konrad Lorenz, padre della Etologia moderna aggiungeva "l'uomo è troppo presuntuoso...gli animali hanno una coscienza. L'uomo non è il solo ad avere una vita interiore soggettiva” Dovremmo tenerne conto quando parliamo di esseri animali, accettandone la loro diversità e non spiegando tutto secondo le nostre esigenze e le nostre concettualità.Anche se non stupisce che ciò avvenga visto che attraverso le nostre concettualità spieghiamo i comportamenti e le emotività degli esseri umani, ed allo stesso modo facciamo con gli esseri animali.Costruiamo l’universo con l’idea che abbiamo del nostro mondo individuale, in un atto di presunzione, come sosteneva Konrad Lorenz, che ci confina nel nostro piccolo mondo....Una comprensione nelle due direzioni, l’essere animale che comprende l’essere umano e l’essere umano che comprende l’essere animale. M.H.Erickson ne fece una filosofia di vita...

  • Konrad Lorenz: l'Anello di Re Salomone

    grande osservatore delle cose e degli animali, studiò il comportamento degli esseri animali scoprendo le loro peculiarità e le loro straordinarie analogie col mondo degli uomini, fino ad arrivare ad una comparazione...A lui si deve la valutazione del concetto di sofferenza, e di partecipazione emotiva animale, e quello della coscienza animale. Studiando le anatre, Konrad Lorenz formulò la teoria dell "imprinting", ossia quel processo attraverso il quale, quando un piccolo riceve le cure e l'affetto di una madre diversa da quella biologica, riconoscerà quest'ultima come la madre vera, anche quando appartenga ad una specie diversa...Nel 1952 pubblica il libro "l'Anello di Re Salomone"....l’oca Martina, riprendendo il concetto dell’imprinting, si senta figlia di Lorenz e, che, come tale si comporti, seguendolo come un’ombra e soffrendo fino quasi a morire della sua lontananza. Martina è stata “covata” da Lorenz negli ultimi due giorni prima della sua nascita e Lorenz è il primo essere che scruta, appena venuta al mondo, che saluta col suo pigolio interrogativo, che chiede sicurezza e protezione “vivivivivivi?” che Lorenz traduce in “io sono qui e tu dove sei?” a cui Lorenz imparò a rispondere con lo stesso verso rassicurante delle mamme oche, che, in tonalità di suono fa così “gangangangang” ma, a volte non bastava, perché a Martina desiderava di più, il contatto col suo corpo e la sua vicinanza fisica, proprio come farebbe un cucciolo di uomo. Proprio per queste sue esperienze dirette Lorenz si convince sempre più delle enormi analogie fra il comportamento umano ed il comportamento animale. Nel 1973 Lorenz, assieme ad altri collaboratori, ottenne il premio Nobel per la sua ricerca sul comportamento animale. Dice Bateson nel suo libro “Mente e Natura” Seguire una lezione del professor Konrad Lorenz significa scoprire che cosa facevano i cavernicoli dell'Aurignaciano quando dipingevano sulle pareti e sulle volte delle caverne renne e mammut vivi e attivi. Gli atteggiamenti e i movimenti espressivi di Lorenz, la sua cinesica, cambiano di momento in momento secondo la natura dell'animale di cui parla. Ora è un'oca, pochi minuti dopo un pesce ciclide, e così via….. …..L'empatia di Lorenz per gli animali gli conferisce un vantaggio quasi sleale sugli altri zoologi. Egli è in grado di leggere molte cose, e certo lo fa, in un confronto (conscio o inconscio) tra ciò che vede fare all'animale e ciò che si prova a fare la stessa cosa. (Molti psichiatri usano lo stesso trucco per scoprire i pensieri e i sentimenti dei loro pazienti).

Le categorie della guida