Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • La psicoterapia per curare l'obesità

    La terapia dell’obesità....deve necessariamente essere multidisciplinare

  • Curare con la psicoterapia per risparmiare

    Curare con la psicoterapia comporta un risparmio di 8700 euro all'anno per paziente

  • Uccisa Malalai Kakar, simbolo rinascita donne

    “Abbiamo eliminato un bersaglio” L’essere umano non è un bersaglio, la donna è la terra, la madre della vita. Non è importante se lo han fatto i talebani o dei cretini patentati....Uccidere è facile e non c’è alcun orgoglio nel farlo, se i cretini del mondo provassero 9 mesi di gravidanza e a partorire si potrebbero astenere dal gloriarsi di un gesto idiota, un click. Non c’è onore a giocare ai soldatini, bambini non cresciuti …..e senza onore.

  • La guerra è un problema sanitario Ed anche psichico...

    Ziad Obermeyer e i suoi colleghi hanno proposto un nuovo approccio pionieristico per stimare le morti violente avvenute durante la guerra..... In particolare veniva chiesto di parlare del proprio fratello (o sorella) e di limitarsi a questo dato e non a quello della morte di un familiare in genere, evitando così un errore in eccesso nel conteggio dei caduti. Le interviste sono state condotte tra il 2002 e il 2003, in 13 paesi con riferimento al periodo tra il 1955 e il 2002, coprendo gli ultimi 50 anni di storia. In pratica dalla guerra del Vietnam al conflitto in Bosnia. I dati ottenuti dalle interviste parlano di un totale di 5,4 milioni di caduti che vanno dai 7 mila stimati nella Repubblica Democratica del Congo ai 38 milioni del Vietnam......E tutto questo senza tenere conto delle morti da malnutrizione, epidemie, violenze, violenze anche psicologiche, carenze e conseguenze legate alla guerra. E poi il dopo, le notti insonni, i silenzi, le angoscie, le depressioni.....gli shock post traumatici.....la mancata voglia di ricominciare.... il non ritorno.... fino al suicidio....

  • Costa poco? Non funziona!

    Ebbene l'85% di coloro che pensavano di aver assunto il farmaco più costoso, ha dichiarato di aver avuto una diminuzione del dolore, mentre solo il 61% del gruppo trattato con farmaco più economico ha affermato la stessa cosa. ....il criterio del costo non è sempre un fattore irrilevante, da trattare con sufficenza, ma neppure da anteporre alla efficacia di un metodo terapeutico. Tra i due estremi ci sarà pure un mezzo....Gli estremismi non pagano e portano a fare diventare dei metodi e delle impostazioni terapeutiche simili a sette con aspetti pseudo religiosi.....Solo in loro la salvezza.....diffidate gente ....difffidate.....In ogni caso io vado all'hard discount.....

  • Attenzione ragazzi a bordo e fuori bordo

    Attenzione non solo per i ragazzi a bordo, ma, e specialmente, a quelli fuori bordo.... in balia di auto sempre più grandi e deformabili per assorbire i colpi.... I ragazzi sono sempre uguali nella loro fragilità, pupazzi al vento. e gli anziani.....?

  • Mai più casi Englaro

    il suo pensiero non c'è più. Mancando il pensiero, manca la vita....Eutanasia un vestito fiorito e non un abito appassito.....

  • Abortire o andare in barca? Boh?

    io credo che ci sia più buon senso nelle bollicine della coca cola che in queste parole, se fossero vere. Ma al di là del fatto, totalmente marginale, io credo che la verità la si trovi non sui rotocalchi o in tv, ma ascoltando la gente nei luoghi in cui la gente si esprime, negli autobus, nei treni, nei metrò.... Non credo che esistano donne che abortiscano come se si facessero una spremuta di arancie, non le ho mai incontrate..... si vede che vanno tutte in barca.....

  • Funari In the death car we are alive

    nel 2005 scrissi il senso della vita, fu una boutade, una fortuna, una provocazione contro la morte, uno sberleffo da guitto, a guisa di un Dario Fo, anche lui senza padroni, neppure la morte.... Ora soccombe, ma con la sua dignità ed il suo stile. "in the death car we are alive "

  • Bologna intitola una strada a Giorgio Perlasca

    A meno di 1 kilometro da casa mia, dalla casa di mia mamma a Bologna, una strada intitolata a Giorgio Perlasca. Magari abitando là si diventerà più coraggiosi, ed invece di sfruttare i deboli, si impari ad aiutarli...

Le categorie della guida

Argomenti