Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Psicoterapia dell'Inconscio: Le doti nascoste

    tu sei grande dentro, qualsiasi cosa piccola appari fuori....La psicoterapia è come il contadino che dissoda la terra, che ne scioglie i nodi, che traccia i solchi e che semina le parole....Le tue doti, le tue risorse....è importante che gli altri le riconoscano e le valorizzino...altrimenti divengono sofferenza, una bellezza non guardata...una carezza non data....Su Telesanterno TV dal lunedì al venerdì alle 13,00 Replica notturna alle 01,15 Dall' Ottobre 2007 a Maggio 2008

  • Seduce più la bellezza o l’intelligenza?

    E’ bella la bellezza interiore.....Il primo impatto è l’immagine: la bellezza esteriore.... Poi le sensazioni, che nascono dalla frequentazione di quell’immagine, poi è l’ascolto, la parola, la voce, quando la comunicazione si completa e si matura....Ci sono dei momenti in cui la bellezza dei seni e della bocca arrivano dopo, dopo che la mente di lei ci ha pervaso e riempito la nostra, ed, allora, attraverso le sue labbra carpiamo la sua mente e la accarezziamo attraverso i suoi seni, perché è la sua mente che desideriamo.....Su Telesanterno TV dal lunedì al venerdì alle 13,00 Replica notturna alle 01,15 Dall' Ottobre 2007 a Maggio 2008

  • Il senso della vita

    "Sto morendo, ma mi auguro di poter morire con tanta serenità da poter sottrarre a mia moglie con un sorriso il dolore che le provocherò". Lo dice Gianfranco Funari...La conobbi che era ancora bambina, le feci una carezza sulla guancia e le dissi che quando sarebbe stata grande l’avrei sposata. Dopo vent’anni ci incontrammo…e fuggii con lei ora è mia moglie....Funari fa dimenticare i suoi anni, con la grazia di un uccellino pronuncia parole d'amore. L'amore, il più grande antidoto alla sofferenza, alla disillusione, alla morte. L'amore il più grande tripudio alla vita.. ed agli altri... perchè all'improvviso ti rendi conto che non esisti solo tu nell'universo..... La morte, a volte ci si può sottrarre in modo beffardo, ma senza strafare. A volte è li che ti passa accanto e la sublimi in un canto. A volte è dolore e disperazione nella solitudine, a cui una psicoterapia può lenire. A volte è turbinio ed inaspettato che ti coglie come in un agguato, in cui non hai neppure il tempo di accorgerti di morire. In ogni caso la paura della morte, il suo legittimo parlarne può trasformarsi in un inno alla vita, in una maggiore consapevolezza di quello che possediamo per valorizzarlo. Affinché chi non muore, realmente possa vivere. Diceva Ghandi “ Vivere come se l’indomani fosse l’ultimo giorno della nostra vita, Imparare come se dovessimo vivere per sempre”....

Le categorie della guida