Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

prossimi 10 »
  • Psicoterapia ericksoniana del sentirsi vincenti Prima parte

    Distinguerei due situazioni diverse. Siete ammalati, a livello psichico e fisico, sentitevi vincenti, anzi siatelo in modo da superare qualsiasi ostacolo che sia la vostra malattia.....Nella vita invece siate anche perdenti, imparate dai vostri errori. Essere sempre vincenti comporta l’esaltazione dell’io, per essere sempre vincenti si cercano sostanze artificiali per dare questa sensazione artificiale di vittoria continua....Ci sono persone sempre vincenti pericolose perché non possiedono il senso del limite, non tollerano il rifiuto, e decidono il futuro altrui. Il concetto del vincente presuppone che ci sia qualcuno perdente, è il preludio del razzismo e del nazismo.....

  • Psicoterapia ericksoniana della nuova vita di Eluana Englaro

    Friuli Venezia Giulia ultima terra, ultima speranza, in una strana inversione delle cose, della buona morte, per lo meno quella a cui pare, dal punto di vista del padre.......Dal punto di vista del padre, che esprime la madre, quella che forse teme per la sua vita causa una malattia non sempre curabile, dal punto di vista del padre che esprime la preoccupazione paradossale di morire prima della propria figlia e di lasciarla in mano ad estranei....

  • Fantasie erotiche Parte Seconda

    Quando la fantasia erotica salva la vita......Perché l’importante è esistere…. Perché l’importante è vivere…… Come Pasqualino Settebellezze…..

  • Il pensiero può farvi ammalare o guarire?

    Corpo e psiche come due amanti si cercano e si compenetrano, corpo e psiche come uomo e donna, come uno che non può esistere senza l'altro. Chi è il dominante o il dominato? Non occorre dominare o essere dominato per esistere...

  • Il diritto alla vita

    quando l'ho ricevuto ho pensato all'inizio che riguardasse il diritto al feto di esistere. Poi ci ho pensato un attimo, tutto ha un senso. Se non possiamo respirare, se non possiamo vivere, siamo noi tutti meno che feti. Embrioni in balia di un Erode qualsiasi che ci uccide, giorno dopo giorno. In un certo senso....bambini mai nati. Ma noi vogliamo, possiamo, dobbiamo vivere,

  • Medici o terroristi?

    nel terrorismo vi sono verità assolute ultraterrene che prescindono dalla felicità, dalla sua ricerca e dalla libertà.....Il male non è solo identificabile in qualcosa e in qualcuno ma è anche intrinseco a chi lo commette quando usa mezzi che appartengono al male.....cosa può spingere un medico che normalmente sacrifica la sua vita per curare il male a diventare strumento di morte ?.....Una possibile motivazione....la convinzione che il male assoluto esiste...il tumore esiste....e deve essere estirpato dal malato per guarirlo....nell'occidente viene identificato quel male e il male.....un bubbone da estirpare….. Ma lo è veramente? Forse in alcuni suoi aspetti...nello sfruttamento....nei non valori.....nella vergogna dei propri valori....dimenticando che ciò che divide è ben altro…..nella dimenticanza della umanità....nel consumismo esasperato dei corpi delle idee e delle emozioni..... Ma il problema qual'è.....? che a pagare per gli errori dei privilegiati e dei “confusi” dell'occidente sono e saranno gli uomini comuni dell'occidente che nulla hanno a che fare con le decisioni che l'0ccidente piglia..... gli uomini dell'autobus e dei metrò e dei treni.... carne da macello.....che hanno solo la colpa di esistere......

  • Raffaello Balzo Solo frecce d'amore che trafiggano il cuore

    Sinceramente, avevo dissuaso Raffaello Balzo dal partecipare ad un reality show… Perché troppo estremizzate le situazioni emotive, fino al limite della rottura…. Perché troppo estremizzate le rivalità per acquisire la vittoria finale…. Perché tutto deve fare necessariamente spettacolo…. e lo fanno molto di più nostri difetti, piuttosto che i nostri pregi….. Se si vuole modificare il carattere ed il comportamento di un individuo… bisogna spingerlo a combattere per la vita … e la mancanza di cibo….la fame sono il mezzo… Non starò a ripetere le mie considerazioni su fame vera per necessità di vivere e fame, a tempo, nei reality per fare spettacolo….. Possono essere anche fastidiosi gli eccessi…. in qualsiasi direzione…. Anche il grillo parlante in Pinocchio diceva cose sensate…. ma le cose sensate rischiano di essere noiose ed una scarpata, sinceramente, gliela avrei data anche io a quel grillo…. Meglio l’Isola dei famosi…. un singolar tenzone in un luogo delimitato, chiaro, limpido con l’acqua intorno altrettanto limpida e la sabbia chiara….. con una Simona Ventura colorata….. Metaforicamente, fa venire in mente Robinson Crusue, un mito della infanzia di più generazioni…. la voglia di scoprire come l’uomo può sopravvivere, quando si trova senza il sostegno della sua tecnologia…. una battaglia tra lui e natura…. cercando di studiarla di comprenderla per carpirne i segreti, che permettono all’uomo di non soccombere….. ma di integrarsi in essa…. di fondersi con lei, come tenera amante…. Questo vorrei dire a Raffaello Balzo…. se potessi dirlo….Non farei come nelle nostre città…. Non farei la guerra a nessuno…. Non passerei ai semafori prima degli altri…. Non guarderei ai pedoni come a scarafaggi…. L’isola dei famosi può essere un test per sfuggire a questi atteggiamenti comuni, che non sono reality, ma realtà….. E quella realtà…. con spirito diverso, vorrei che si potesse superare nei reality… per sublimarla e ritrovarsi un passo più in là nel cammino della vita….. Un passo più in là, nel cammino della esistenza…. Affinché le frecce siano solo frecce d’amore e che, quando trafiggono, trafiggano solo un cuore …..

  • Cannavaro Calciopoli ci ha dato la rabbia...

    la rabbia per giocare....e per dimostrare quello che valiamo.... così devono essere le avversità della vita.... uno stimolo al cambiamento.... per mutare pagina nel cammino della nostra esistenza.... mai come oggi è stato vero il motto il più piccolo di voi sarà il più grande.... Vi aspettiamo ancora, domenica sera, per dimostare a voi stessi, a noi e al mondo....che da qualsiasi parte noi partiamo....quello che conta è dove sappiamo arrivare..... per raggiungere il nostro obbiettivo..... noi pizzaioli...al commensale del mondo....

  • Grammatica di Vita

    quando siamo in difficoltà ci accorgiamo di altre esistenze o di altri mondi che prima non conoscevamo… quando soffriamo, quando siamo fragili, quando sentiamo la vita volare e la vorremmo trattenere scopriamo chi abbiamo accanto… chi c’è sempre stato.. chi non c’è stato mai… ....mille vite sospese delle carceri o degli ospedali dove il modo in cui un bimbo è nutrito, cambiato, carezzato diventa grammatica di vita....

  • Alpin…Iò… mame. Morire nelle pianure dell’Afghanistan

    “Alpin… Iò… mame” salutavi la mamma con dolore e con orgoglio…. alpino lo eri per sempre….. come per sempre saresti rimasto figlio…..quella penna che spunta tra gli elmetti dei nostri alpini in Afghanistan…. come a contraddistinguerli tra gli altri…. per non farli mai dimenticare… aquile solitarie nel deserto…. comunque, sempre piene di quella umanità, che contraddistingue il soldato italiano e le truppe alpine, figlie, spesso, di ugual miseria di quella che combattono….. e che spesso leniscono, perché un alpino non dimentica mai le sue radici…. e le reimpianta, in qualunque parte del mondo vada…..

Le categorie della guida