Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Giovanni Paolo II, il grande comunicatore

    Oggi comunica con il linguaggio della testimonianza il significato del dolore e il valore di questa fase dell'esistenza, segnata dalla sofferenza, dalla fragilità e dall'impotenza. ..Giovanni Paolo II, attore in gioventù, ha sempre avuto grande fascino comunicativo. Lo ha dimostrato sin dalle prime battute del suo pontificato accendendo fuochi di ammirazione mai più estinti. Ora che l'età e la malattia stanno limitando le sue possibilità di comunicazione, egli ricorre ad altre forme, come il fugace e inatteso apparire benedicente dietro i vetri delle finestre dell'ospedale, non certo per apparire e non solo per rassicurare sulle condizioni di salute, ma per comunicare, con il linguaggio della testimonianza, il significato del dolore e il valore di questa fase della sua esistenza, segnata dalla fragilità e dall'impotenza....afferma che i media possono e devono promuovere la giustizia e la solidarietà, riportando in modo accurato e veritiero gli eventi, analizzando compiutamente le situazioni e i problemi, dando voce alle diverse opinioni...Giovanni Paolo II ringrazia Dio per i mezzi della comunicazione di massa, internet compreso: sono "cose meravigliose" e "provvidenziali opportunita"..."potenti strumenti della comunicazione hanno raggiunto una tale importanza da essere per molti il principale strumento di guida e di ispirazione per i comportamenti individuali, familiari, sociali", dando vita a una cultura che "prima ancora che dai contenuti, nasce dal fatto stesso che esistono nuovi modi di comunicare con inediti linguaggi, tecniche e atteggiamenti psicologici"...Esiste, infatti, il rischio che essi "manipolino la rappresentazione della realta"' o addirittura "favoriscano una confusione" con le realta' virtuali o inducano la convinzione che il "criterio di verita"' e' dato dalla "insistenza e frequenza dei messaggi" o dalla "opinione della maggioranza...."

Le categorie della guida