Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Infanticidio La depresssione che uccide

    Una luce che si spegne nel buio totate e che spegne qualsiasi luce attorno a lei.

  • L'infanticidio nella storia

    miserabili violentate da fame, lavoro, ignoranze, uomini. L'indagine si dilunga sulle vittime nate e subito cancellate.

  • Infanticidio Un solo Psicoterapeuta per amico potrebbe bastare?

    le malattie psichiche sono e saranno sempre di più in esponenziale aumento, perché queste sono le statistiche e i dati che l’OMS propone da tempo. La malattia psichica come prima causa invalidante nel prossimo futuro...occorrerebbe una quasi adozione di determinati pazienti. In casi limite uno psicoterapeuta per quel solo paziente....Anche perché sempre di più si tendono a codificare tempi e modalità di intervento, si parla di terapie brevi...In tale contesti di codificazioni rigide dell’intervento psicologico, psicoterapeutico e psichiatrico, sempre di più pazienti rimarranno indietro, persi in una lunga marcia che non segue i tempi e i modi, spesso strampalati e incodificabili della loro malattia...

  • Delitto di Lecco: L'Addio a Mirko Altra storia...ugual destino

    Maria continua ad essere in un forte stato confusionale, ma sostanzialmente avrebbe confermato quello la sua confessione di mercoledì notte. Ha di nuovo ammesso di aver simulato l' aggressione ma continua a non ricordare che cosa è successo nel momento in cui è morto il figlio. "Improvvisamente l' ho visto a testa in giù nell' acqua e non ricordo altro", cosi' ripete da ormai tre giorni. In carcere Maria continua a stare in infermeria sorvegliata perchè si teme che possa farsi del male. A chi è riuscito ad avvicinarla ha continuato a ripetere: "quando viene a trovarmi mio marito? Voglio vedere Cristian...Cristian il marito...Ha difeso la moglie contro ogni evidenza, e anche adesso che il giudice per le indagini preliminari ha confermato il fermo, «lui vuole salvarla», confida un amico di famiglia...Cogne e Lecco. Altra storia, altro epilogo per quel che riguarda la madre, ugual destino quello del bambino, forse le stesse motivazioni, nascoste nel labirinto della mente umana, a volte affioranti come fiori d’acqua, altre volte nel profondo, maceranti, mentre la mente comune della collettività si pone mille domande per capire. Ma le risposte potrebbero essere quelle non volute, o potrebbero essere non risposte ma flash di ossessioni, di sofferenze interiori che per espellersi procurano nuove sofferenze, in un mondo interiore di estrema solitudine, senza luci, ma di sole evanescenti ombre erranti senza pace e senza meta, che non riescono a trovare una trama plausibile per la loro vita....

  • Sindrome di Medea e la cancellazione della Memoria

    "Sindrome di Medea..la madre che toglie la vita al figlio...Fra gli elementi che ricorrono piu' di frequente nelle 'madri Medea', soprattutto la non accettazione della propria identita' sessuale e quindi di madre, ''donne cioe' - commenta - che non accettandosi come tali rifiutano anche il il ruolo genitoriale''. Ma anche la presenza di depressione maggiore con la conseguente chiusura in se stesse. ''Altro fenomeno che stiamo registrando e' la frequente amnesia che si verifica immediatamente dopo l'omicidio, e che porta le madri a cancellare completamente dalla memoria, spesso per anni, cio' che hanno commesso''....Può un delitto restare nel nostro Inconscio, e là rimanere come sospeso? ...Qualora la rimozione di quel ricordo, che comunque io non sento che mi appartiene, mi permette una vita affettiva, normale, nel mio presente. Qualora la rimozione di quel ricordo mi consente di non entrare in conflitto con me stessa. Una persona può accettare, a livello cosciente, solo quello, che, per lei è accettabile, ma non di più…L’amore smisurato, acritico, potrebbe portare una madre, ad ucciderlo, per proteggerlo e privarlo di nuove e future sofferenze. Potrebbe essere per un handicap fisico o psichico del figlio o semplicemente per il timore che questo handicap si manifesti. Ma la scelta di uccidere entrerebbe, a livello inconscio, in conflitto col ruolo di madre, che da la vita. Ed allora per non sentirsi in colpa, deve celare a se stessa, quanto è stato deciso e compiuto. Il Delitto può essere superato e lo sublimato, mettendo al mondo un altro figlio in grado di competere col mondo e che dal mondo non sia schiacciato, ma, che, il mondo sia in grado di dominare, Cancella il passato e si proietta verso il futuro. Per accedere a questa memoria di eventi passati, che la madre non vuole e non può ricordare: per riallacciare la comunicazione tra conscio ed inconscio, posso servirmi dell’ipnosi ericksoniana regressiva...per recuperare questa memoria inconscia, scattano dei meccanismi inconsci di protezione. I meccanismi inconsci di protezione scattano, automaticamente, qualora un tentativo di ingresso dall’esterno, sia visto come una intrusione scatenante conflitti interiori pericolosi per l’integrità della persona. L’inconscio, per il suo bene, nasconde ed isola in parti non accessibili, fatti per lei pericolosi e determinanti conflitti interiori intrapsichici... Per uccidere un figlio e per non entrare in conflitto con se stessa deve necessariamente cancellare l’evento e cancellarlo in modo tale da non averne non solo il rimorso , ma, da non averne coscienza, in tal caso, non solo si sentirà innocente, ma sarà innocente di quel delitto, perché quel delitto appartiene ad un'altra persona, che, non è più la stessa...Potrebbe darsi, che, quanto è avvenuto sia relegato in una specifica parte del suo essere, che la sua coscienza non può valutare, perché non lo conosce, e può altrettanto darsi, che quello che lei si sente ora ed è, dal punto di vista della coscienza, condanni in modo inesorabile, senza appello, quello che è accaduto, per cui non solo si sente innocente ma lo è, ed è vittima di una persecuzione, che non comprende. Le possibilità, che, le due entità , conscio ed inconscio, tra di loro sconosciute, entrino in contatto è remota, nell’evolvere naturale della sua vita, ma, potrebbe essere indotta con l’ipnosi ericksoniana regressiva. E’ come se si incontrassero due fratelli gemelli, che non si sono mai visti dal momento della loro nascita, qui, il fatto è ancora più coinvolgente e terribile, perché quei due gemelli sono la stessa persona, e sono tutti e due dentro di lei.

Le categorie della guida