Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Terremoto Haiti Ansia del noto e del ritorno

    In tutti quei momenti, si preferisce non tornare….

  • San Valentino La psicoterapia ericksoniana dell'amore

    L’amore come una psicoterapia, uno stimolo per andar via, non sei più solo nell'universo. Non sei più perso. Fino ad ieri pensieri ed alluvioni oggi ti stupisci di ascoltare,di considerare e di immaginare.....

  • Uccidere per poi uccidersi

    E’ un atto di estremo egoismo….Non è un capitano che salva tutti e poi resta al timone fino all’ultimo nella tempesta della vita….Ma un capitano che uccide prima le donne e poi i bambini prima di affondarsi, perché la propria tempesta la porta dentro, e non c’è previsione del tempo che la possa annunciare

  • Il linguaggio e le forme del cambiamento

    Milton H Erickson ha "inventato" la Psicoterapia, modificando l’approccio e la terapia psicologica classica con metodi rivoluzionari, e ha segnato il percorso della Psicoterapia moderna della Comunicazione e della PNL. ....per traghettarlo al di là del labirinto dei suoi pensieri, per sciogliere il nodo di Gordio ....con un colpo rapido ed indolore che conduceva a risultati terapeutici sorprendenti ed inarrivabili. Una psicoterapia nuova, di cambiamento, con proposizioni diverse, con tempi diversi, con argomenti diversi, con ricerche diverse per rigettare il passato e costruire un mondo e un uomo nuovo

  • Apparenti gaffes…per non apparenti verità….

    Stava morendo, ora, mi disse “ le voglio bene, Dottore, ma non la perdonerò mai” Vi possono anche essere delle gaffes “apparenti” nel senso che siano volutamente dette o inconsciamente dette , ma che sortiscono un effetto positivo…. paradossi…. Contraddizioni logiche su due contesti diversi, spesso uno emozionale e l’altro razionale. Famosa quella “se ti ammazzi ancora ti mando al ricovero”....Erickson diceva “fai deragliare i pensieri” Bandler e Grinder dicevano “ad un catatonico saltategli sul piede” Interrompendo il ciclo dei suoi discorsi o delle sue assenze. Si potrebbe valutare la frase in un altro contesto della comunicazione, quello del cambiamento di canale sensoriale....Erickson interruppe il suo professore buttandogli lì una frase che non c’entrava niente “ neanche a me piace la neve….e poi non esiste un fiocco di neve uguale ad un altro” Erickson in un’altra occasione affidò ad uno studente-paziente il compito di valutare le diverse tonalità di verde che avevano le piante del suo giardino, per spingerlo a valutare i diversi punti di vista sulle cose.....Su Telesanterno TV in "Dolce e amaro" il punto di vista dello psicoterapeuta dal lunedì al venerdì alle 13,00

  • La differenza di età in amore è importante?

    Chi ama sospende il tempo.....La differenza di età in amore, a volte, non solo esiste ma è ricercata, per le aspettative che ci creiamo su quell’amore, per le esperienze precedenti, per le storie di ognuno, che non sempre chiamerei carenze, ma un incastrarsi a seconda delle proprie esigenze....D’annunzio metteva pesanti vetri colorati alle finestre e tendaggi e luci fioche per fermare il tempo. Sindrome di Peter Pan ….. quarantenni e cinquantenni che si comportano come ragazzini… , è un rifiutare il passare del tempo o è un modo di essere interiore che come sorgente dalla roccia trova i suoi spazi per scorrere … Se così è, è giusto non considerare il tempo E’ nascondere le rughe con un sorriso più grande.....Avete mai osservato due anziani innamorati? L’amore li fa rivivere, e allontana i cattivi pensieri.....Su Telesanterno TV dal lunedì al venerdì alle 13,00 Replica notturna alle 01,15 Dall' Ottobre 2007 a Maggio 2008

  • Psicoterapia per sessualità raffreddata da cattivi pensieri

    Psicoterapia Ericksoniana per sessualità raffreddata da cattivi pensieri .... fattori che contribuiscono alla riduzione del desiderio e alla disfunzione sessuale ... per esempio aspettative irragionevoli o comportamenti che riducono l’interesse e la fiducia del partner, oppure pensieri negativi e distanti dalla realtà.....nella sfera femminile....ansia, affaticamento, depressione aspettative e esperienze negative sono associate a una riduzione dell’eccitazione sessuale. ......fattori strettamente legati alla soddisfazione e al desiderio sessuale, la buona salute mentale, il benessere emotivo, una percezione si sé positiva, le esperienze sessuali gratificanti, il legame sentimentale con il partner e, infine, aspettative favorevoli per la relazione in corso.

  • Ti voglio bene.... per sempre

    volte si esterna un sentimento che esiste, portandolo a conoscenza dei tutti, altre volte è un modo per condizionare l'altro che non ti vuole più. Un modo per punirlo del suo disinteresse e per metterlo in piazza, sotto gli occhi di tutti. In tal caso è implicito nel gesto, una condanna, una colpevolizzazione: "io amo, io ho buoni sentimenti...e tu ne sei indifferente...non sai amare come amo io" Il riferimento a se stessi ad un io ipertrofico che pone se stesso ed i propri comportamenti come riferimento. Gli amori finiscono, si esauriscono, come una spinta vitale che si scarica strada facendo. Ma l'energia dell'amore sopravvive, resta in noi e può essere diretta verso l'essere bisognoso quanto e più di noi di quell'affetto.

  • Cefalea ed Emicrania. Troppa energia nella testa Effetto placebo

    Spesso è un iperaccumulo di energia a livello della testa .. un iperlavoro cerebrale, una testa che non riposa mai, un lavorio senza sosta. ...

  • Sindrome di Enea: l’Ansia dell’Ignoto e del Ritorno

    Come Enea, l'eroe virgiliano che non voleva lasciare la patria perche' temeva l'ignoto cui andava incontro, un over 65 su due non vuole tornare a casa perche' teme la solitudine e l'abbandono assistenziale.... L’Ansia dell’ignoto e del ritorno attanaglia anche i carcerati...i reduci dalla guerra o da missioni di pacificazione all’estero, come a Nassiria...tutti coloro che fanno ritorno a qualcosa che in un qualche modo è mutato e che non è più quello di prima, o quando tutto quello che avevano lasciato non c’è più: affetti che non gliel’hanno fatta ad attendere, che sono svaniti nell’aria come un sogno del mattino.....Quel muro li protegge dall’ignoto o dal noto, ma, nel contempo, può divenire una prigione, in cui languire, in attesa di un qualcosa o di un gesto, che non trova il luogo e lo spazio di accadere...L’Ansia dell’Ignoto e del Ritorno, può prendere chiunque, in qualsiasi momento, quando troppe domande non trovano una risposta, quando i pensieri affollano la testa e si spingono l’uno con l’altro in uno spazio confinato, e pesano come se acquistassero corporeità. In tutti quei momenti, si preferisce non tornare….

Le categorie della guida