Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Tu vo fa l'amerikano...Non affrontare il disagio con una pillola

    Stiamo andando.... «verso una realtà di tipo americano, dove ogni disagio, grande o piccolo che sia, si affronta con il farmaco invece di andare al fondo dei problemi che stanno alla base...Spesso vi è un disagio profondo, comunque non spiegato e non affrontato dagli adulti e che quindi il minore percepisce come tale. Risolverlo con una pillola significa dare una etichetta a quel disagio e farlo diventare malattia....

  • L'Ossessione e la gelosia di Eros Prescrizione del Sintomo

    Eros aveva 12 anni. Da due anni, dalla nascita del fratellino, si era attaccato in modo morboso alla mamma....aveva iniziato a pettinarla solo lui. Successivamente, aveva iniziato a pettinare tutti i componenti della famiglia, dalla nonna al padre. Poi aveva portato questa sua abitudine anche scuola, dove pettinava le compagne. Era diventata un'autentica ossessione…Gli dissi che sua mamma mi aveva assoldato per farlo smettere. Ma dopo averlo ascoltato... così convinto nelle sue decisioni mi ero convinto che invece era giusto farlo continuare, ...anzi gli chiesi: " Hai mai sentito parlare della Scuola Superiore per lo Studio Universitario del Capello?"...."Non preoccuparti...non preoccuparti più per i tuoi genitori... Io li convincerò a farti studiare e ad approfondire... quello che tu senti con tanta convinzione! .." Eros, preoccupato, mi fissava con occhi molto seri e si dimenticò completamente di chiedermi di nuovo di potermi pettinare....Dissi loro di prestare la massima attenzione ad Eros, coinvolgendolo in attività che il suo fratellino non avrebbe potuto intraprendere. Valorizzando il suo essere grande e le cose che poteva fare essendo grande.

  • M.H.Erickson La prescrizione del sintomo

    La persona, con il suo sintomo, dice molte cose di sé e del suo profondo. Quello che affiora permette non solo d’interpretare il sintomo ma fornisce anche la terapia per curarlo. Il sintomo può essere considerato come un amico da cui s’impara...Quando si prescrive il sintomo, la persona ha solo due possibilità o lo abbandona, disubbidendo alla prescrizione, oppure segue la prescrizione, mettendolo in atto in modo volontario. Si tratta di rendergli il sintomo insopportabile, amplificandolo abnormemente, in modo che lo abbandoni. Lo si invita a fare affinché non faccia più...la prescrizione del sintomo potrebbe essere considerata come un’applicazione del motto di Adler sulla terapia, in cui diceva che la terapia è come sputare nella minestra di qualcuno. Quel qualcuno può continuare a mangiarla ma non può più gustarla! Quello che la persona definisce sintomo o problema è un suo modo d’etichettare la realtà. Bisogna dare al sintomo o al problema del persona un’etichetta nuova e buona, in altre parole in positivo, in modo che la persona interpreti la realtà diversamente.

  • Il Doppio Legame e la Condanna ai Giardini dell'Eden

    L’obbiettivo del doppio legame è quello di indurre un cambiamento.situazioni di false alternative che hanno in comune una soluzione positiva per la persona, differita soltanto in senso temporale. La persona è dannata -in senso positivo- a fare una qualche cosa se accetta l’illusione d’alternative proposte dal doppio legame...qualsiasi cosa faccia nell’ambito della scelta proposta, è condannato a rimanere...o ad avviarsi, se non c'era ancora, verso i giardini dell’Eden...

Le categorie della guida