Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

prossimi 10 »
  • Psicoterapia Ericksoniana dell’anima delle cose Vinicio Capossela

    Il clown, può essere solo, oppure accompagnato dalla orchestra “la banda della salvezza” Salvezza da un mondo sempre più stupido e abbruttito dalle vetrine alle quali ti puoi solo avvicinare ma ti senti escluso. Soliloqui alla luce di una vecchia lampada che oscilla e crea giochi di ombre, con la ricerca della propria intimità e timidezza, nascosta, che, solamente coltivandola, permette alla propria personale pazzia di emergere. Alla ricerca di una particolare e sempre eterna verità quella dell’anima, scoperta con la gioia di un bambino che tocca e che fa suo quello che gli appartiene.....Ed allora ti rifugi in un’anima più nascosta che nessuno comprende: “l’anima delle cose” degli oggetti toccati, degli strumenti, che evocano emozioni ancestrali.....

  • Pregiudizi

    Il più grande pregiudizio è ascoltare se stessi in modo talmente esclusivo da non ascoltare gli altri.....il pregiudizio è come una prigione che ci impedisce di cogliere, come un velo, i mutamenti interiori ed esteriori

  • L'amore è tutto quello che volete che sia Anche una psicoterapia

    L'amore è Tutto quello che volete che sia....anche una psicoterapia quando vi cambia la vita....“Mi sono innamorato di te perché non avevo niente da fare” diceva Tenco, è un rimedio contro la solitudine. quasi una psicoterapia....L’amore è stupore…....È un tesoro che deve essere ben speso.....L’amore è un fiore. L’amore è la corolla ed voi lo stelo. E voi lo sosterrete, lo cullerete, oscillando al vento, vi piegherete, gli trasmetterete il nutrimento della terra. L’amore è… Tutto quello che non è.....La fine di un amore è l’inizio di un amore ancora più grande, c’è sempre un nuovo amore che bussa alla tua porta, lascialo entrare......L'amore è... il più bello dei nostri giorni, anche di quelli che verranno.... Su Telesanterno TV dal lunedì al venerdì alle 13,00 Replica notturna alle 01,15 Dall' Ottobre 2007 a Luglio 2008

  • In memoria del padre

    quel viso sempre troppo freddo per te, quegli occhi chiusi, li senti più vicini perché non sfuggono via, sono lì che non ti guardano come sempre, ma tu li puoi guardare, sia pur senza comprenderli..... Buon riposo papà…..

  • Molti nemici ....molta solitudine

    È la frase di un guerriero….di un vikingo come Milton Erickson…..È una frase di solitudine comunque, come se traesse energia positiva dalla energia negativa altrui….. Mi batto contro qualcosa più grande di me che mi sovrasta ma che comunque non temo….connotazione positiva della frase….Ma non si può essere sempre guerrieri a volte si è fragili indifesi e stanchi….Metafora della forza e allo stesso tempo della nostra debolezza, siamo dentro il castello, potetti da alte mura, a difenderci da tutto e da tutti, ma dentro quel castello siamo prigionieri di noi stessi….nessuno può entrare ma nessuno di noi può uscire….Su Telesanterno in "Dolce e amaro"al Martedi, Mercoledì, Giovedì ore 13,15 al Venerdì ore 23,15.... in replica alla notte ore 01,15.....

  • Calendario In cammino con gli angeli. Stimolo al cambiamento

    Contro la solitudine, per sviluppare la creatività, come stimolo per un cambiamento ...gli angeli siamo noi....quando compiamo gesti diversi....quando siamo presenti a noi stessi e agli altri.... Angeli sono parole...gesti...comportamenti...manipolazioni buone... che ti aprono una strada che, da solo, avevi paura a percorrere...

  • I bambini invisibili del Natale

    L’Invisibilità non è sempre una protezione, un limbo in cui tutto è possibile, perché la vita non è sempre una favola, e non è solo quella guardata dal punto di vista di un supereroe. .....E così anno dopo anno trascorre un nuovo Natale, mentre Gesù bambino continua a restare nudo nella sua capanna di Betlemme e all’agghiaccio, e continuano a divenire Cristi in croce, bambini come lui.

  • Torna indietro Siamo in tanti ad aspettarti ....

    Lo hai fatto….lo hai fatto di nuovo…. Sei un nuovo nome, ma un volto simili a tanti altri. Vorrei che mai più accadesse quello che accade ancora e che continua accadere… C’è sempre qualcuno che ti può aiutare…. E’ un onda anomala quella a cui ti sei affidato. Sale sale, sempre più in alto…ti sembra dominare il mondo.. Ti sembra di avere trovato la soluzione a tutto.. Sei apparentemente sereno, ma di una serenità fredda come il marmo, ti lasceranno in pace, nessuno così ti impedirà di…. Quell’onda sale, sale e occupa tutto te stesso, annega il cervello, le restanti isole felici….fino a farle scomparire… E poi piomba giù, con la forza immane dell’assoluto male che non conosce nulla e non rispetta nulla. Lo so… ti capisco… Siamo tutti cani randagi alla ricerca di amore… o di cibo… Di una mano amica che ci accarezzi…… Forse quella mano c’è sempre stata… Ma non la vedevi…. Inverti quell’onda… Torna indietro… Siamo in tanti….qui ad aspettarti …. per iniziare a parlare….

  • Alcolismo, che fare? Il convegno

    Centri Alcoologici Territoriali e i Club, che hanno fatto ridurre notevolmente la piaga dell'alcoolismo, togliendolo dal ghetto del " in fondo c'è di peggio" e "meglio non parlarne" e " chi beve è più simpatico, che è vero per gli amici ma non vero per i familiari" I Centri Alcoologici Territoriali e i Club hanno coinvolto le intere famiglie, perchè qualsiasi problema di uno diventa il problema di tutti.

  • Si impicca madre Giusy Potenza

    Tragedia nella tragedia ...storia di vite misere colpite dalla malasorte. E' strano come a volte il destino si accanisca in certi luoghi e con certe persone. La tragedia della figlia, uccisa....il fango gettato su di lei...prima e dopo morta..l'allontanamento del marito reo di avere accoltellato il padre di una delle "amiche"...la solitudine..il peso di una condizione, già aggravata da una depressione pregressa...tutti gli ingredienti di una tragedia annunciata, nella quale nessuno ha fatto nulla di più di un disattento spettatore Così va la vita...quando l'abbandono sponsorizza la morte.Il mondo sempre più pieno di follia e di violenza, sempre più si allontana da gesti e da un sentire comune di dolcezza e gentilezza

Le categorie della guida