Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Si sta come d'Autunno sugli alberi le foglie?

    Metafora comunque che esprime una realtà, la provvisorietà la caducità della nostra vita, " ricordati che devi morire…." la vita è questo ma proprio perché è questo che noi vorremmo che fosse di più e in quel di più noi ci soffermiamo affinché parlare della vita divenga un inno alla vita stessa, alla sua rinascita continua, perché se è vero che c’è un autunno, è anche vero che alla caduta delle foglie e al gelo, segue la primavera, tutto rinasce tutto ritorna tutto evolve al dolore segue l’oblio di quel dolore, domani è sempre un altro giorno.....Solo chi ha sofferto della e nella vita, può comprenderene la bellezza.....Su Telesanterno TV dal lunedì al venerdì alle 13,00 Replica notturna alle 01,15 Dall' Ottobre 2007 a Maggio 2008

  • Vacanze fuori stagione

    Vacanze fuori stagione ….. Sempre….Una meta per qualsiasi altro giorno al di là delle aspettative delle stagioni....Potendolo fare,chiaramente, altrimenti è un invito fatto solo alla famiglia Agnelli o Berlusconi….. Ma…. io intendo tutto un modo di concepire la nostra vita e i nostri giorni… Vacanza fuori stagione la potremmo fare in ogni fine settimana, ogni sera ….. interrompendo la tragica routine ammazza-amore del fare sempre le solite cose… allo stesso modo......superando il limite alieno della siepe che dello infinito il guardo esclude….su TV Telesanterno ogni giorno dal 1 ottobre 2007 ore 13,15, replica notturna ore 01,15

  • La Primavera della tua vita

    Quando esci dal guscio del tuo inverno. È il tuo corpo che si inarca e si tende come arco, è la tua anima che come freccia scocca. E come freccia percorre il cielo alla ricerca di altre verità e altre libertà....E’ lo scorrere della tua energia che si rinnova. in modo che nel tuo corpo non esistano deserti , che non esistano zone coperte da nuvole minacciose, così come non vorrei che ci fossero degli spazi dentro di te di eterna pioggia, ma solamente luoghi che ricevano quello che hanno bisogno di ricevere, dove esista un giusto equilibrio tra il sereno del giorno e la tranquillità delle tue notti...

  • Può uccidere il Mal d'Amore?

    In agguato anche disturbi ossessivo-compulsivi: ansia, manie, telefono e mail sempre a portata di mano, in attesa di un messaggio. ...L’amore può uccidere?.......Può uccidere la sua mancanza......Deve necessariamente fare morire la mancanza d'amore....?

  • Un Fine ed Inizio d'annoInsieme UnAnnodiPsicoterapiaEricksoniana

    Una fine d’anno particolare questa che racchiudiamo nel logo di Medici Senza Frontiere, inteso come momento di particolare introspezione in noi, con le mille domande che ci poniamo e come solidarietà che altri compiono e possono compiere col nostro aiuto. Senza dimenticare altri: tra cui Save the Children. Una fine d’anno particolare questa, come se Dio avesse dimenticato il patto d’alleanza e di pace, dopo il diluvio universale, che fece con l’uomo, che era simboleggiato dalla deposizione del suo arco di guerra sopra le nuvole: l’arcobaleno Difficile per tutti sottrarsi al coinvolgimento emotivo inconscio dei fatti accaduti in Asia, anche perché per molti di noi ha coinvolto familiari, amici, conoscenti, “quelli della porta accanto” e per fortuna i tanti ritornati, che forse, finalmente, sentiamo come “persone” e non più come avversari in una vita concepita come una “battaglia” Il dolore di chi attende e la sua metabolizzazione futura con i rischi della PTSD Sindrome Post Traumatica da stress che non riguarda solo eventi catastrofici naturali ma anche le “nostre piccole catastrofi quotidiane” Un attenzione particolari ai bambini…. specie per quelli del “non ritorno” che invece lo attenderanno ancora Quali soluzioni abbiamo proposto? Difficile una formula, ma una serie di approcci, in cui ognuno di noi ci può aggiungere e mettere qualcosa. Non si è mai soli… i sogni non devono restare solo sogni il ricordo… una speranza nel cuore di tutti, anche per il nostro quotidiano, quando accade…quando accade qualcosa di bello lasciamolo accadere e storie… come quella del Marinaio Cinese o quella dei Fili Intrecciati, per un amore che continua E se ci resta un piccolo spazio…trovare nella solidarietà col vicino della porta accanto come quelli che soffrono di MCS Malattia da Sensibilità Chimica, che potrebbe, in un futuro prossimo, riguardare tutti. Guardare negli altri, in fondo, è un po’ un guardare in noi stessi e cambiare il nostro futuro. E’ poco più di un anno che sono stato ospite dell’istituto Milton Erickson di Cannes Costa Azzurra, con questo intervento sul Dolore Psichico, che qui lo racconto… E’ stato un momento di grande emozione… Ed altrettanto lo è stato il mio primo intervento su Supereva La Comunicazione In cui la parola diventa l'espressione di un sentire interiore ed assume significati che vanno oltre la parola stessa Alla ricerca del Paradiso Perduto di Milton Erickson Attraverso la sua psicoterapia fatta di storie di racconti e di emozioni partecipate, per comunicare con la parte inconscia, di una persona, in quanto parla il suo stesso linguaggio Come una voce che ti accompagna costruendo immagini di sogno come nel film della nostra vita…. E in questa ricerca accettiamo quello che troviamo dentro di noi, qualunque cosa troveremo E da lì partire….alla ricerca del Nostro Benessere Accettando e sorridendo alle diverse Stagioni della Nostra Vita Seguendone il ritmo Con l’obbiettivo di affrontare la Gara della Nostra vita uscendone vincitori come un atleta che affronta le Olimpiadi della Nostra Vita in quei particolari momenti della tua esistenza in cui tutto si gioca e si perde in un attimo. In cui devi avere la massima percezione del tuo corpo e delle sue possibilità, il senso di te stesso. Osservando le cose con l’Occhio Innocente di un bambino, per osservare e carpire le cose nella loro interezza, dal di dentro e dal di fuori E nei momenti più difficili, riuscire a liberarsi dal di dentro, ritrovando in noi la forza ancestrale che possediamo e che a volte dimentichiamo di possedere..e la nostra mente chiusa può aprirsi come un fiore che sboccia Ma è più di un desiderio, è una dolce ebbrezza, un sogno che si realizza, quando ricomponiamo il quadro della nostra vita e lo riempiamo solo delle cose che in quel quadro vogliamo continuare a vedere e conservare e quando non riusciamo a ricomporre quel quadro affrontare le nostre paure le nostre paure le nostre crisi di panico come nelle storie di Max nate in parte dai suoi modelli, dai nostri modelli educativi e come non terminare in tono scherzoso, ma non superficiale, sull’ironia che deve sempre permeare il mondo e le nostre vite, anche se nulla è mai accaduto tutto può ancora accadere, perché siamo vivi…. come in un anno di… Un sincero abbraccio a tutti.

  • LE STAGIONI DELLA NOSTRA VITA

    L’uomo, che d’inverno, riflette al suo interno, che si riappropria delle ragioni della sua vita.. L’uomo, che in primavera, scorre come fiume… L’uomo, che nell’estate, lascia aperte le porte del suo cuore e della sua mente e si concede al sentimento e alla amicizia e a nuove acquisizioni, con la mente libera, l’uomo che imita la natura intorno a lui, l’uomo che produce arte e diventa arte lui stesso, l’uomo che cresce e matura ai raggi del sole come fosse pianta. L‘uomo senza vincoli alcuno, se non quello di non forzare mai quello che la natura gli propone.

  • LE STAGIONI DELLA TUA VITA

    Tu che ti muovi ed accetti il ritmo delle stagioni, così come lo scorrere della tua vita… L’uomo e le stagioni, tu e le tue stagioni, come le stagioni della tua vita , le stagioni del tuo cuore e della tua mente.

Le categorie della guida