Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista a Giancarlo Livraghi di Gandalf.it

Chi è Giancarlo Livraghi? Intervista ad uno dei primi grandi copy italiani, presidente della McCann-Erickson italiana e executive vice-president della McCann-Erickson International.

Quando e come è nato Gandalf?

 

Sono in rete dal 1992. Negli anni seguenti varie cose mie erano state pubblicate online (oltre che, come accadeva da molto più tempo, in libri e riviste). Più tardi, nel 1997, nacque il sito gandalf.it – che, da allora, continua a crescere. Naturalmente ci sono anche contenuti degli anni precedenti, che erano nati in modo diverso e poi sono stati riprodotti nel sito. Ha un nucleo di frequentatori che lo seguono da anni, ma è divertente constatare come persone nuove lo trovino per una varietà di percorsi insoliti e imprevedibili – un’ennesima conferma del fatto che “le vie della rete sono infinite”.

 

 

Gli obiettivi di Gandalf?

 

Essere utile ai lettori. Offrire a chi li vuole strumenti per pensare, per capire, per comunicare. All’inizio concentrava l’attenzione sulle potenzialità della rete (allora poco diffusa e conosciuta) senza mai rinunciare a una prospettiva più ampia. Ora è orientato verso i temi che riguardano la comunicazione e la cultura umana, anche indipendentemente dall’internet.

 

Il sito non ha alcuna finalità o contenuto “commerciale”. È libero da ogni condizionamento politico o ideologico e da interessi di qualsiasi specie. Non per questo è un’eccezione. Le risorse libere e indipendenti non sono sempre le più visibili, ma sono meno rare di quanto immagini chi crede che in rete possano sopravvivere solo le attività “con fine di lucro”.

 

 

La rete è libera?

 

In molte parti del mondo ci sono (oltre a situazioni generali di censura e controllo dei sistemi di informazione) ostacoli a un libero uso dell’internet. Quando e dove non è condizionata da fattori estranei, la rete è intrinsecamente libera. Si moltiplicano dovunque (anche in Italia) i tentativi di condizionarla, centralizzarla, ridurla all’obbedienza. Finora nessuno è riuscito a ingabbiare la libertà dell’internet, ma è bene tenere gli occhi aperti, perché i tentativi continuano e continueranno.

 

 

Le appiattite informazioni, filtrate dai media tradizionali, immettendosi nelle reti cablate si spogliano della imposta monotonia per tuffarsi nei colori dell’obiettività raccolti dalle mille voci della rete. Tutto questo è rumore, democrazia o cosa?

 

In qualunque cosa si “immettano” i media tradizionali mantengono le loro caratteristiche. I fatti dimostrano quanto sia illusoria l’ipotesi che possano cambiare atteggiamento, natura e comportamento solo perché si servono di tecnologie diverse. Il problema non è tecnico, è culturale.

 

Quelli che Michael Crichton, dieci anni fa, chiamava “mediasauri” tendono all’estinzione perché non solo sono ancorati alle loro vecchie abitudini, ma soffrono anche di una sempre più sclerotica involuzione e degenerazione. Il problema è che, purtroppo, continuano a dominare la situazione, che sta diventando sempre più simile a uno scenario paleontologico. “Jurassic Park” non è un’isoletta tropicale: è lo zoo informativo in cui viviamo. Questa, naturalmente, è un’ennesima conferma del potere della stupidità (e della stupidità del potere).

 

 

Qual è e come è cambiata negli anni la percezione della comunicazione per il Livraghi studioso, filosofo, giornalista, scrittore, comunicatore e tecnologo?

 

“Tecnologo”… non troppo. Le mie competenze tecniche sono limitate. Cerco di capire il ruolo delle tecnologie dal punto di vista di chi le usa – cioè in una prospettiva umana. Credo che sia importante capire la varietà delle risorse disponibili e la molteplicità dei loro impieghi: saper usare indifferentemente una matita o un computer, un radar o un compasso, un libro o un sito web, scegliendo lo strumento più adatto secondo la situazione.

 

La sostanza di ciò che vuol dire comunicazione non è cambiata negli ultimi diecimila anni. Un fatto importante, e spesso trascurato, è che si può imparare molto sulla situazione di oggi studiando l’evoluzione dei sistemi di comunicazione dai tempi delle caverne ai nostri giorni. C’è un testo piuttosto lungo su questo argomento che è stato pubblicato nel marzo 2004 (“Cenni di storia dei sistemi di comunicazione”) e una sintesi molto più breve in un articolo dell’agosto 2004 “Il computer di Archimede”).

 

Anche in tempi recenti, le cose cambiano meno velocemente di quanto può sembrare – e raramente in modo lineare, prevedibile o coerente. Se ci sono fenomeni di evoluzione, ce ne sono altri di involuzione o arretramento culturale. È facile, purtroppo, constatare come la moltiplicazione delle risorse coincida con un vistoso decadimento dei contenuti e della qualità di comunicazione. Sembriamo un po’ ubriacati dall’abbondanza, siamo palesemente confusi dalla spasmodica moltiplicazione di aggeggi e congegni di discutibile funzionalità.

 

Molti fenomeni mi portano a credere che, da almeno vent’anni, la qualità della comunicazione, dell’informazione e della cultura stia degenerando. Ma è sbagliato generalizzare. Siamo in una fase turbolenta e complessa, di cui non è facile capire il percorso. Credo che si debba continuare a imparare ogni giorno, sfidare continuamente le nostre convinzioni, cogliere le scintille disperse, ma non inesistenti, che brillano nell’oscurità di questa lunga eclissi dei valori.

 

 

Nel suo libro “Il potere della stupidità” scrive che «Affrontarla, conoscerla, capirla è il primo e fondamentale passo per ridurre il suo insidioso potere». Le chiedo, quale potere ha la stupidità?

 

Ha un potere enorme – e catastrofico. Diceva Robert Heinlein nel 1941: «non attribuire a consapevole malvagità ciò che può essere adeguatamente spiegato come stupidità». Come osservava Carlo Cipolla nel 1988 «lo stupido è il tipo di persona più pericolosa che esista». La stessa constatazione è stata fatta anche in altri contesti – ed è una diffusa nozione di buon senso. La storia di tutti i tempi, come la cronaca quotidiana, dimostra che nessun comportamento umano ha una capacità distruttiva paragonabile a quella della stupidità. Eppure c’è un’incredibile scarsità di studi e approfondimenti su questo tema (http://gandalf.it/offline/maremoto.htm)

 

Naturalmente il mio libro non ha la pretesa di risolvere radicalmente il problema, perché la stupidità non è eliminabile. Ma non è invincibile – conoscerla e capirla è il modo migliore per limitarne e i danni (e, quando possibile, evitarne in anticipo le peggiori conseguenze).

 

 

Possiamo ipotizzare che programmi televisivi come “Il fatto” di Enzo Biagi e “Sciuscià” di Michele Santoro siano scomparsi perché allenavano gli spettatori a individuarla?

 

Sono scomparsi perché sgraditi al potere dominante. Anche se l’evidenza sembra indicare il contrario, nessuno può essere irrimediabilmente condannato a essere stupido. Per quanto imperversante sia il potere della stupidità, e per quanto possa sembrare desiderabile a chi detiene il potere rendere “le masse” il più possibile stupide e ottenebrate, è difficile costringere perennemente un conduttore televisivo (o a qualsiasi altro “operatore culturale”) a fare cose stupide o a trattare il pubblico da stupido. Lo fanno perché ci credono, perché ne hanno voglia, perché immaginano che sia quello l’unico modo per farsi ascoltare, perché si illudono di affermare la propria superiorità coltivando la stupidità altrui (o anche, semplicemente, perché sono così stupidi da non sapere di esserlo).

 

Il problema è che il sistema (non solo in televisione) è disperatamente “autoreferenziale”. Il circolo vizioso della stupidità fa sì che, a forza di trattare il prossimo da stupido, si diventa stupidi – e la spirale continua a sprofondare verso il rimbecillimento universale.

 

 

Continua ->