Questo sito contribuisce alla audience di

Vai Col Vento: Programma regionale di formazione e sensibilizzazione ambientale

Nel programma Vai Col Vento oltre ad essere coinvolte le Amministrazioni Pubbliche Locali, che contribuiscono con Workshop tematici rivolti a funzionari e dipendenti degli enti pubblici della regione[...]

vai col vento Nel programma Vai Col Vento oltre ad essere coinvolte le Amministrazioni Pubbliche Locali, che contribuiscono con Workshop tematici rivolti a funzionari e dipendenti degli enti pubblici della regione Puglia, è dato ampio spazio al mondo della scuola.

Quest’ultima partecipa con idee progettuali incentrate soprattutto sull’educazione ambientale finalizzata al risparmio energetico e quindi con particolare attenzione alle fonti rinnovabili.

Naturalmente non si è trascurato il territorio proponendo quindi eventi rivolti all’intera popolazione pugliese.

Tutto questo al fine di sensibilizzare e quindi condividere le scelte che la regione fa in materia di politiche energetiche.

Di questo e altro si parla nel sito Programmavaicolventopuglia.it. Di seguito la parte introduttiva dell’articolo:

VAI COL VENTO è un Programma regionale di formazione e sensibilizzazione ambientale per lo sviluppo delle energie rinnovabili, del risparmio energetico e la pianificazione nel settore eolico. Prende origine dalla proposta di Piano Energetico Ambientale (P.E.A.R.) avanzata dalla Regione Puglia, con particolare riferimento all’attuazione delle politiche di produzione di energia da fonti rinnovabili.

VAI COL VENTO è uno strumento di supporto, a livello tecnico, per le Amministrazioni Pubbliche della regione Puglia interessate ad affrontare il delicato tema delle fonti energetiche rinnovabili e alla conseguente gestione del territorio. L’intera “comunità sociale”, intesa nella sua accezione più ampia, è coinvolta nel Programma, al fine di diffondere a livello locale la cultura del risparmio energetico e delle fonti energetiche rinnovabili.

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link correlato. Ciao, Luigi