Questo sito contribuisce alla audience di

Il Sudafrica verso il dominio continentale?

Mentre i suoi soldati fanno parte di tutte le forze di pace nei punti caldi del Continente Nero, i suoi uomini d'affari, bianchi e neri, concludono accordi ovunque. Il Sudafrica va sempre più verso la leadership in Africa?

Finito l’isolamento internazionale, completo nei confronti delle altre nazioni africane, degli anni dell’apartheid la repubblica sudafricana sta pian piano recuperando la sua posizione di naturale preminenza nel Continente Nero.
La maggior parte degli investimenti occidentali sono rivolti ad altre zone del globo, quindi i businessmen di Johannesburg e Città del Capo sono i benvenuti in Nigeria, Camerun, Kenya, Tanzania… impiantano industrie, riattivano o costruiscono linee ferroviarie, aprono banche e centri commerciali; creano reti di telefonia mobile.

Questi investimenti sono i benvenuti perchè così facendo i paesi del continente non dipendono solo da quelli degli USA e delle ex-potenze coloniali, anche se spesso le aziende sudafricane hanno ancora dirigenti e rappresentanti bianchi.
Il presidente Thabo Mbeki è sempre in prima fila nella risoluzione delle controversie inter-africane ed i soldati di Pretoria sono spesso alla guida dei contingenti di pace nel continente; inoltre le pressioni sudafricane sono essenziali per frenare l’autoritario e guerrafondaio Mugabe nello Zimbabwe.

Questa rinnovata influenza ed espansionismo economico non è sempre ben visto, perchè molti paesi temono per la lora indipendenza economica, ma per la maggior parte i sudafricani portano progresso ed infrastruture oltre ad essere un modello di sviluppo da seguire (anche se non tutti hanno le risorse umane e minerarie del Sudafrica).

Soprattutto i paesi vicini dell’Africa australe (Namibia, Mozambico, Botswana, Zambia, Zimbabwe… temono un nuovo espansionismo di Pretoria dato che le loro economie sono già in mano sudafricana o quasi.
Comunque, dato il disinteresse occidentale e la latitanza russa, cinese e giapponese, sembra che il biglietto per non restare indietro nel mondo globale per il continente nero per ora si stacchi solo in Sudafrica