Questo sito contribuisce alla audience di

Chi era Pim Fortuyn? Ed ora in Olanda?

Fortuyn non era il classico leader di estrema destra ed adesso le elezioni olandesi del 15 maggio si svolgeranno col peso del suo assassinio nella mente della gente. I risultati ne saranno alterati?

Contro questi ultimi, da lui considerati non integrabili nella popolazione olandese e conflittuali con la società
progressista dei Paesi Bassi, si era rivolta la campagna elettorale di Pim Fortuyn, celebre sociologo e giornalista (famosi i suoi editoriali pungenti contro immigrati, consumatori di droghe, politici corrotti o incapaci).
Il movimento di Pim, legato al partito di estrema destra “Olanda vivibile” è un mix di populismo, opposizione alle tasse ed all’integrazione europea e molta xenofobia.

Il suo movimento era accreditato del 15% alle prossime elezioni, che si terranno regolarmente, e l’emozione per la sua uccisione potrebbe fargli ottenere un risultato ancor più clamoroso.
Il governo di Wim Kok si era dimesso nei giorni scorsi dopo le accuse di una commissione d’inchiesta nazionale sul comportamento dei Caschi blu olandesi nel luglio 1995 a Srebrenica durante la guerra in Bosnia, quando non riuscirono a impedire il massacro di 7 mila civili musulmani da parte dei serbo-bosniaci.

Incidenti ci sono stati subito dopo l’attentato a L’Aja tra polizia e sostenitori di Fortuyn che accusavano i mass-media di aver demonizzato il loro leader e causato indirettamente la morte; mentre centinaia di persone si sono raccolte intorno alla sua abitazione a Rotterdam.
Molto probabilmente Pim Fortuyn sarà seppellito in Italia, paese che lui amava molto, in un piccolo centro vicino Pordenone, in Friuli, dove aveva acquistato una casa e passava le sue vacanze.