Questo sito contribuisce alla audience di

Ennesimo stallo in Medio Oriente?

Prima di un'altra esplosione di violenza o... di una nuova stagione di negoziati?

In Israele, in attesa del possibile attacco all’Iraq e del grande processo che si terrà a Tel Aviv a Marwan Barghouti, architetto della seconda Intifada, si discute su come uscire dall’impasse del relativo successo dell’operazione Scudo di Difesa.

Se non si ricrea una salda Autorità Palestinese aliena dal terrorismo e non si fanno importanti concessioni negoziali… il conflitto e gli attentati non tarderanno a ricominciare.

L’incertezza per il probabile attacco all’Iraq e la crisi economica israeliana, che diventa collasso socio-economico per i palestinesi, hanno rallentato violenze ed iniziative politiche, ma solo rinviato il momento di scelte forse dolorose, ma invitabili e di soluzioni auspicate da tutti ormai.

Inoltre la convinzione che il primo ministro Sharon sia efficace per garantire la sicurezza del paese, ma non a raggiungere una pace fa perdere consensi all’esecutivo e potrebbe spingere i laburisti di Peres e Ben Eliezer fuori dal governo di unità nazionale con il Likud.

Il governo Sharon riscuote però ancora un alto supporto per via dell’emergenza terroristica e l’attuale leadership laburista difficilmente vincerebbe le elezioni, soprattutto se fosse Netanhyau a guidare i conservatori.

A meno che la candidatura del sindaco di Haifa, Amram Mitzna, ex-eroe di guerra e gradito anche agli arabi-israeliani, non porti nuova linfa e leadership al partito che fu di Rabin ed apre una nuova stagione di speranze in
Medio Oriente.