Questo sito contribuisce alla audience di

Batasuna al bando, la libertà in pericolo?

La guida di superEva per la Spagna, Txaro, ci esprime il suo punto di vista sulla situazione nei Paesi Baschi dopo la messa fuori legge del partito indipendentista Batasuna, esponente politico dell'ETA.

Mi sembra incredibile che un partito rappresentato nel parlamento spagnolo sia dichiarato fuorilegge.

E’ un attacco a tutte le libertà democratiche. Proprio per questo penso sia doveroso cercare di capire quello che sta avvenendo nei Paesi Baschi, senza fermarsi a slogan vuoti di senso.

Il giudice Garzon ha decretato la sospensione di tutte le attività di Batasuna, le prove presentate sono quelle dei contatti fra quest’organizzazione e l’Eta.
Il governo spagnolo (e l’opposizione) con 295 voti a favore, 29 astenuti e 10 contrari hanno sospeso per cinque anni tutte le attività di Batasuna, come disciplina la recente legge sui partiti realizzata ad hoc per la questione basca.

Batasuna viene accusato di sostenere e finanziare i separatisti armati dell’Eta perché non ne ha mai condannato le azioni terroristiche.
La scelta di Aznar e Garzon è destinata ad acuire lo scontro nel paese basco dove la messa fuori legge di Batasuna viene vissuta da molti - intellettuali, cattolici, democratici, pacifisti - come una violazione dei principi garantiti dalla costituzione, visto che le accuse contro gli indipendentisti si basano più su reati di opinione che su prove di un coinvolgimento nelle azioni terroristiche.

Sono pienamente d’accordo con quanto ha affermato il Premio Nobel per la pace Adolfo Perez Esquivel (già mediatore tra il Governo e l’Eta) “…credo sia un grande errore proibire a Batasuna la sua militanza politica, perché ha un gran serbatoio di elettori. Questa cosa può spingerli alla clandestinità ed ingrandire il conflitto.”

Il sentimento anti-Eta è molto diffuso in Spagna e gli spagnoli spesso non fanno distinzioni tra il nazionalismo basco e il terrorismo.
L’effetto su noi baschi è però dirompente: ci sentiamo sempre più isolati e criminalizzati dal resto della Spagna e questo ci porta a estremizzare le nostre posizioni.