Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista sui Paesi Baschi

Dopo che il partito Batasuna, accusato di essere il braccio politico dei terroristi indipendentisti dell'ETA è stato messo fuori legge la situazione è sempre più tesa nei Paesi Baschi spagnoli. La Guida di superEva sulla Spagna, basca di origine, risponde alla nostre domande sulla sua terra di orgine e le prospettive per il futuro!

1) Esiste un popolo basco distinto da quelli francese e spagnolo?

1) No, non esiste un popolo basco diverso da quello francese e spagnolo, difatti Il territorio di Euskal Herria sotto amministrazione francese si definisce popolarmente “Ipar Euskal Herria” o “Iparralde”, la cui traduzione è “Euskal Herria Nord” o semplicemente “il Nord“. È costituita da tre province: Lapurdi (Labourd), Nafarroa Beherea (Bassa Navarra) y Zuberoa (Soule).
L’organizzazione territoriale dello stato francese è fondata sui dipartimenti i quali formano le Regioni, il dipartimento dei “Pirenei Atlantici” fa parte della regione di Aquitania.

Diversamente l’insieme delle province sotto amministrazione spagnola si chiama “Hego Euskal Herra” o “Hegoalde” (”Euskal Herria Sud” o semplicemente “Il Sud“).
E’ formato da due comunità autonome: la “Comunidad Foral de Navarra” e la “Comunidad Autónoma Vasca” composta dalle province di Alava, Bizkaia e Gipuzkoa.

2) Di che tipo di autonomia godono le province basche in Spagna e Francia?

2) Con la morte di Franco e l’inizio del cambiamento alla fine degli anni settanta fu accordata l’autonomia che delineò un compromesso tra il massimo che poteva accogliere lo stato spagnolo (riconoscimento formale dei diritti storici, ma affermazione istituzionale dell’unità della Spagna) e il minimo di autorità sovrana che la maggioranza nazionalista del popolo basco reclamava (diritto all’autodeterminazione ed unità territoriale).

L’autonomia ha comunque generato le basi di una solida amministrazione nazionale (parlamento e governi autonomi) anche se in un regime di tutela da parte dello stato centrale.
La polizia basca é autonoma anche se non può occuparsi nei fatti dei reati legati al terrorismo; in materia fiscale i Paesi Baschi detraggono le imposte e possiedono una assoluta indipendenza nell’amministrare il budget, cosa che ha permesso una politica più progressista del resto della Spagna; si é potenziata l’università pubblica basca mentre l’insegnamento dell’euskera (la lingua basca) si impartisce in tutti gli istituti scolastici.

3) Che cosa è l’ETA? Quando è nata? Che cosa si propone?

3) L’Eta (Euskadi Ta Askatasuna= Paese Basco e Libertà) è un’organizzazione terroristica clandestina, è nata durante il periodo franchista negli anni ’60, vorrebbe che i Paesi Baschi diventassero uno stato totalmente autonomo e approfitta di ogni occasione per ribadire, purtroppo anche in modo violento, questa esigenza.