Questo sito contribuisce alla audience di

Il Sudamerica è irrilevante a livello internazionale?

Ci sono alcune vaste zone del globo che sono piu' spettatori che attori sulla scena internazionale. Una di esse e' l'America del Sud, anche se non e' povera come l'Africa o isolata come l'Oceania. Perche'?

Indubbiamente l’Africa è il continente più derelitto ed ininfluente del pianeta, oggetto e non soggetto di politica internazionale, neppure più campo di battaglia delle superpotenze e dei loro coccolati alleati, ma semplice sede di guerre lunghe e sanguinose nel disinteresse (soprattutto politico-mediatico piuttosto che economico-militare) mondiale, a volte interrotto da stentate e ritardate missioni di pace, tranne poche luminose eccezioni.

Un’altra parte del pianeta, assieme ai remoti e secondari arcipelaghi dell’Oceano Pacifico, è comunque alquanto in secondo piano e poco rilevante negli eventi mondiali: l’America Latina.
Molto raramente nelle grandi questioni internazionali sono coinvolte le nazioni sudamericane, chiaro segno di debolezza, scarsa ambizione e mancanza d’interessi da tutelare.

Le stesse controversie tra paesi sudamericani interessano marginalmente il resto del mondo, tranne gli Stati
Uniti
(segno d’irrilevanza e estraneità, nonostante la loro copertura mediatica sia maggiore degli oscurati eventi africani).

Come mai?

Oltre all’evidente separazione geografica, gli stati sudamericani sono nani o pesi leggeri economici e, tranne alcuni casi, senza particolari risorse strategiche; inoltre non costituiscono una minaccia militare (tranne che per i loro cittadini..) e non possono fornire nemmeno aiuti cospicui in quel campo (come dimostrano i minimi contributi di paesi latinoamericani al dopoguerra iracheno).

Sicuramente l’incontrastata egemonia statunitense tiene, ora più di prima, intrusi fuori dalle Americhe e non vi è una nazione nel Nuovo Mondo capace di confrontarsi con gli USA (così come succede in Eurasia) da quando è venuto meno l’intervento dell’Unione Sovietica che sobillava nazioni come Cuba e guerriglie contro gli Yankees.

La sola Cuba rimane apertamente ostile, ma senza essere più di un fastidio.
Per gli Stati Uniti l’America è riserva di caccia esclusiva e questo causerà anche in futuro l’assenza del Sudamerica dal grande palcoscenico mondiale, a meno di un risveglio comune e di un’azione unitaria degli stessi latinoamericani (che l’attivismo del nuovo Brasile di Lula sia un primo segno di cambiamento?).