Questo sito contribuisce alla audience di

On the road in Sardegna - la seconda parte dell'itinerario: la Barbagia di Ollolai.

Perchè la Sardegna non è soltanto un meraviglioso paesaggio costiero, ma anche il fascino della tradizione che si respira nei paesi dell'interno.


La seconda parte dell’on the road in Sardegna passa per i paesini del centro, nella Barbagia di Ollolai.

Prima tappa ai piedi del Supramonte è Orgosolo, il paese-museo: quasi tutti i suoi muri sono arricchiti da murales che raccontano la storia passata ma anche le vicende più attuali del paese e della zona. Orgosolo è molto conosciuto anche per le vicende legate al banditismo, alle faide e all’anonima sequestri: originario del paese barbaricino è Graziano Mesina, il più noto tra i banditi degli anni ‘60 e ‘70. Al giorno d’oggi la zona è associata a questi episodi del passato e per il suo fascino misterioso è diventata una zona turistica a tutti gli effetti, che vale davvero la pena visitare.

A pochi km da Orgosolo si trova invece Mamoiada, centro del Carnevale Barbaricino e del Museo della Maschera Mediterranea. Il periodo migliore per visitare questo paese sarebbe infatti quello carnevalesco, quando le strade sono percorse dai Mamuthones, la maschera del posto. Qui si trova piena rappresentazione della Sardegna più atavica, e il richiamo al mondo pastorale di secoli fa, ai suoi miti, alle sue magìe è infatti parte integrante del carnevale barbaricino!

Ultima tappa è stata Nuoro, capoluogo della provincia omonima che diede i natali alla scrittrice Grazia Deledda. Gli itinerari da seguire in città sono tanti: alcuni suggerimenti nel sito istituzionale del Comune di Nuoro.

Foto: http://www.muralesinsardegna.net/

Le categorie della guida