Questo sito contribuisce alla audience di

IRIDIUM FLARES

E' un argomento che ben si adatta all'atmosfera natalizia che, purtroppo, per molti è sinonimo soltanto di luci, colori, svago e tradizioni che poco o nulla hanno a che fare con il vero spirito del Natale nell'autentica accezione cristiana.

Il Natale ci ricorda anche la cometa che indicò ai Magi il luogo che aveva accolto il nostro Salvatore in fasce ed i flash provenienti dallo spazio possono forse provocare l’emozione che i tre Saggi provarono nel vedere apparire nel firmamento il succitato corpo celeste.
L’interessante segnalazione di questo fenomeno è stata pubblicata sul numero 11/2000 di RadioRivista a firma di Massimo Zuccotti IW3GCM ed anche se non ha diretta attinenza con il mondo del radiantismo è di grande interesse scientifico in quanto, per qualche anno, questi bagliori sono stati considerati di origine ufologica ma l’autore dell’articolo, assieme ad un gruppo di ricercatori, dopo settimane di ricerche ed osservazioni, ha scoperto che l’origine di questi luminosissimi bagliori provenienti dallo spazio, sono generati da 66 satelliti della flotta Iridium lanciata nello spazio il 5 maggio del 1997 ed ora non più operativi. Ogni satellite, in un momento particolare della sua rotazione e della sua posizione rispetto alla terra, “spara” con la superfice riflettente della sua antenna, la luce riflessa del sole e provoca così il flash nello spazio. Entrando nel sito che ho linkato, oltre ad ottenere tutte le informazioni tecniche sull’argomento, è possibile cliccare sul nome della località dalla quale si desidera assistere al fenomeno e sarà possibile visualizzarne il calendario con tutti i dati previsionali del passaggio del satellite.
Attenzione però: questo spettacolo avrà termine forse entro la fine del mese e dell’anno perché i satelliti Iridium saranno de-orbitati e dispersi nello spazio infinito. Quindi bisogna far presto! Buona visione e buon Natale!

Link correlati