Questo sito contribuisce alla audience di

Misuriamo le induttanze con il capacimetro

Misurare il valore di un'induttanza non è semplice, a meno che non si disponga di uno strumento come l'induttanzimetro. Con questo circuitino ed un semplice capacimetro, è possibile risolvere il problema.

Il circuitino è composto da una resistenza da 470 Ohm, un LED ed un condensatore variabile da 300 pF. All’ingresso del circuito, bisogna disporre di un segnale a radiofrequenza da 10 V pari a 2 W, per cui bisogna usare un generatore di segnali RF oppure applicargli il segnale proveniente da un trasmettitore, la cui uscita, regolata su 2 W, è collegata ad un carico fittizio; in parallelo a questo ultimo è possibile prelevare il segnale di ingresso del circuito. Applicato il segnale, si accenderà il LED. Sintonizziamo quindi il condensatore variabile fino a notare un DIP, cioè una brusca diminuzione della luminosità del LED. A questo punto, dopo aver misurato la capacità del condensatore variabile, si potrà risalire all’induttanza incognita, applicando la seguente formuletta:

L = 1 / (2πF)² C

L è l’induttanza incognita, C è la capacità in pF letta dal capacimetro, F è la frequenza in Mhz del segnale di ingresso. Il link sottosegnato, ci porta al sito di IW3HZX che, tra le tante proposte interessanti, riporta alcune tabelle di conversione tra cui la tabella di conversione tensione/potenza. Nella Photogallery è visibile lo schema del circuito.

Link correlati