Questo sito contribuisce alla audience di

Gallorini nuovo responsabile delle promozioni dei marchi Finelco

Il suo rientro nel gruppo prevede anche la supervisione delle operazioni speciali della concessionaria Nove Nove

30/04/2006 - Da www.puntocomonline.it

Le attuali campagne promozionali delle radio del gruppo Finelco (105 e Monte Carlo) sono soltanto l’inizio di un’annata ricca di operazioni e investimenti. Il 2006 mostrerà i primi risultati dei nuovi competitor in ambito radiofonico e le due storiche emittenti, affiancate da una sempre più estesa Rmc 2, dalla metropolitana 105 Classics e da diversi progetti monotematici on-line, non vogliono arrivare impreparate. Del resto, negli ultimi due anni Radio 105 ha ripreso a crescere, dimostrando di avere grosse potenzialità per avvicinarsi gradualmente al traguardo dei quattro milioni, mentre Radio Monte Carlo - pur con un andamento più altalenante - resiste alla concorrente diretta Radio Capital che finora non ha mai raggiunto l’obiettivo del sorpasso. A rinforzare i network del gruppo, sta entrando in gioco una delle figure più rappresentative dell’etere italiano: Valerio Gallorini.

Nato radiofonicamente nel 1976, nell’epoca pionieristica delle radio libere, dopo due anni già era in forza a Studio 105, dove ha svolto per primo il ruolo di regista radiofonico italiano, addetto alla messa in onda dei programmi, fino a diventare responsabile settore tecnico registi e responsabile promozioni e immagine della radio. «Il rapporto con 105, tuttavia, si interruppe dopo tre anni - ci spiega Gallorini - quando seguii Claudio Cecchetto nella creazione di Radio Deejay. Dal 1981 fino al 1992, fui amministratore delegato della Deejay’s Gang s.r.l., proprietaria di marchi radiofonici (Deejay, Capital), televisivi (Deejay Television) e discografici, nonché socio dello stesso Cecchetto». Sono questi gli anni in cui il brand Deejay assume fama nazionale, proponendo il primo programma di videoclip in Italia. La radio diventerà network alla fine del decennio, con la cessione al gruppo L’Espresso che le permette di investire in copertura, raggiungendo a breve l’intera penisola. Nel curriculum di Gallorini, spiccano collaborazioni e partecipazioni con network televisivi, società di produzione e di consulenza, fino al recente ritorno alla radio dove ha mosso i primi passi.

Quale sarà il ruolo specifico che ricoprirà nella Finelco? «Sono il neo-responsabile di tutti i marchi del gruppo in merito alle promozioni. L’impegno non riguarderà solo quelle gestite delle emittenti, ma anche le operazioni speciali procurate dalla concessionaria pubblicitaria». La raccolta per Radio 105 e Radio Monte Carlo è appannaggio della Nove Nove, società che richiama la frequenza milanese di 105 (99.1) e che per anni ne ha contraddistinto gli ascoltatori, soprannominati “novantanoviani”. Ci attendono, dunque, mesi in cui la visibilità dei due network aumenterà considerevolmente, in un settore dove - negli ultimi tempi - ad investire maggiormente erano state le new-entry R 101 e Play Radio, ma anche le consolidate Radio Deejay, Rtl 102.5 e Radio Italia Solo Musica Italiana.

Vi sarà un trattamento analogo anche per Rmc 2? «Certamente, ma è presto per definire date esatte», specifica Gallorini. Del resto, la nuova “creatura” del gruppo Finelco sta ancora ottimizzando la copertura, prendendo sempre più forma come progetto metropolitano. Al momento, è possibile ascoltarla a Monte Carlo, Milano, Torino, Bologna, Venezia (e parte del Veneto centrale), Firenze, Ancona, Roma, parte del napoletano, nonché nelle aristocratiche Cortina d’Ampezzo e Capri, località irrinunciabili per la radio chic del Principato di Monaco.

Le categorie della guida

Argomenti

Link correlati