Questo sito contribuisce alla audience di

Audiradio, quinto bimestre 2009

Crescita per tutte le emittenti Rai


Rai batte network privati? L’esito del quinto bimestre 2009, relativo al periodo compreso tra il 12 settembre ed il 30 ottobre, sembra volgere verso le reti pubbliche che tornano a sorridere.

Se durante l’estate, Radio 1 era scesa sotto la soglia psicologica dei 6 milioni e Radio 2 non raggiungeva i 3 milioni e mezzo, al rientro dalle vacanze le principali emittenti Rai hanno riconquistato una buona parte del pubblico perduto.

Andando per ordine di posizionamento, nel giorno medio ieri è proprio la prima rete a dominare dall’alto con 6.625.000 contatti ed un +631.000 rispetto ai mesi di giugno-luglio. Notevole il distacco con RTL 102.5, tuttora seconda ma con 5.394.000 ed un lieve guadagno di 3.000 unità. Il risultato del network di Suraci è indubbiamente soddisfacente, se rapportato alle due più dirette concorrenti, oggi entrambe sotto i cinque milioni. RDS, rispetto alla scorsa estate, scende a quota 4.961.000 (-145.000), mentre Radio Deejay totalizza un dato pari a 4.954.000, incrementando leggermente la penultima performance (+17.000).

Perde qualche colpo Radio 105 (4.381.000, -159.000), contrariamente a quanto fa Radio 2 che, in pochi mesi, passa dai precedenti 3.389.000 agli attuali 3.872.000, con un divario pari a +483.000. Riprendendo il percorso dei network, torna il segno meno anche per Radio Italia Solo Musica Italiana (3.633.000, -133.000). Analoga sorte per Radio Kiss Kiss (2.389.000, -174.000).

Nono posto conquistato dalla Rai, e se parliamo di Rai parliamo dell’ennesimo incremento: la terza rete ottiene 2.088.000 ascoltatori, anche in questo caso supportata da un salto notevole (+307.000) e seguita dalla privata più vicina al servizio pubblico, etichetta con cui ci permettiamo di definire Radio 24, in linea con l’impennata delle talk (2.007.000, +151.000).

Stabile R 101 (1.965.000, come nel periodo estivo), mentre un passo indietro per Virgin Radio (1.743.000, -129.000), Radio Maria (1.531.000, -80.000) e Radio Capital (1.476.000, -146.000), la quale tuttavia retrocede meno di Radio Monte Carlo (1.467.000, -190.000), superandola in discesa. Buone le performance di m2o (1.356.000, +122.000) e dell’ennesima emittente Rai Isoradio (988.000, +84.000).

Completiamo l’analisi nazionale con un segnale positivo che arriva anche da Radio Radicale, oggi a quota 465.000 con un guadagno pari a 51.000 unità.

Col quinto bimestre, sono stati aggiornati anche i dati dell’indagine tramite panel-diari, realizzata nel periodo intercorso tra il 12 settembre ed il 9 ottobre.

Quasi nulle le variazioni da rilevare: Radio 1 resta l’emittente più seguita anche nei 7-14-21-28 giorni, mentre tra le private è sempre “lotta” tra Radio Deejay (che domina sui 7-14 giorni) ed RTL 102.5 (prima tra i network nei 21-28 giorni). A poca distanza, RDS, Radio 2 e Radio 105.

Le categorie della guida